SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Nella Super League cinese, sembra che tutti perdano

Miranda, almeno 37 anni, ha potuto continuare la sua carriera: si è rapidamente assicurato un posto – e un nuovo ricco decennio – in San PaoloUna squadra che gioca nella prima divisione del Brasile. Un risultato del genere è improbabile per le decine di nazionali cinesi che non hanno ricevuto i loro stipendi o sono stati licenziati dai loro club negli ultimi mesi.

“Questi sono i giocatori che hanno pochissimo accesso al mercato internazionale”, ha affermato Jonas Baer-Hoffmann, Segretario Generale FIFPro, FIFPro. “Se i loro club falliscono, la possibilità di trovare lavoro come calciatore sarà molto ridotta. Quindi li rende effettivamente disoccupati”.

Le prospettive per il campionato cinese non sono chiare. Il mercato dei giocatori premium stranieri e la loro volontà di andare in Cina è svanito tra storie di stipendi non pagati. Il destino dei club e di altri che operano nell’economia calcistica cinese dipende dai volubili funzionari di calcio locali, noti per aver cambiato frequentemente e bruscamente le regole, e dalla salute finanziaria degli investitori principali della lega, di solito società immobiliari, che ha portato alla lega essere colloquialmente noto come Real Estate League invece che Premier League.

Sono finiti di sicuro i giorni degli stipendi accattivanti. Carlos Tevez, attaccante, ha ottenuto una volta 40 milioni di dollari per una stagione improduttiva Da Shanghai Shenhua, un team di proprietà della società immobiliare Greenland Group. Giocatori brasiliani di spicco come Hulk e Oscar hanno guadagnato stipendi da capogiro, ma anche altri hanno incassato: a un certo punto, lo stipendio di Dario Conca, il poco conosciuto attaccante argentino, secondo quanto riferito, ce l’ha fatta 3° giocatore più pagato al mondo.

READ  Voci di trasferimento: Kane, Tillman, Martinez, Remo, Nandez, Romero, Wijnaldum, Ramsey

Negli ultimi anni, l’associazione ha cercato di frenare la spesa eccessiva emanando nuove regole, tra cui una tassa sulle importazioni e restrizioni sui giocatori stranieri. In questa stagione ha anche introdotto regolamenti che impedivano alle aziende di associare i propri marchi a quelli delle squadre di loro proprietà, costringendo aziende come Evergrande e Groenlandia. con riluttanza a rinominare i propri club.

“Questa è una situazione molto brutta e ci vorrà del tempo per adattarsi”, ha detto l’avvocato sportivo Wu.