SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Monumenti della prima guerra mondiale Scopri secolari sbarramenti mentre il ghiaccio si scioglie nelle Alpi italiane

Lo scioglimento dei ghiacci nelle Alpi italiane ha rivelato una “capsula del tempo” della vita quotidiana dei soldati che combattono nella prima guerra mondiale.

Lo scioglimento di un iceberg nei pressi del famoso Passo dello Stelvio, nel nord Italia, ha portato alla luce un riparo in grotta utilizzato dai guerrieri austro-ungarici, pieno di armi, lampade, utensili e cadaveri.

Il Museo della Guerra Bianca nel vicino Adamello afferma che le barricate congelate furono conservate nel 1918 quando “l’ultimo soldato austriaco chiuse frettolosamente la porta d’ingresso”.

Una lampada antica può essere vista parzialmente coperta di neve
Oggetti non trovati fino a 100 anni prima di essere scoperti. (

Presentato da: White War Museum

)

White War è il nome dato alla battaglia avvenuta nel campo di alta montagna del fronte italiano durante la prima guerra mondiale.

Molti atleti sono morti a una temperatura di -40 gradi Celsius sui 3000 metri di vetta del Monte Scorlusso.

Stefano Morosini, storico del Parco Nazionale dello Stelvio e coordinatore dei progetti sul patrimonio, afferma che l’innalzamento delle temperature sta ora gettando nuova luce sulla loro vita quotidiana.

“Gli autobus sono una capsula temporale della Guerra Bianca che aiuta i soldati a capire le condizioni intense e affamate che stanno vivendo”, ha detto al Guardian.

“La conoscenza che possiamo raccogliere oggi dai monumenti è una conseguenza positiva della realtà negativa del cambiamento climatico”.

Si possono vedere le mani che tagliano il ghiaccio con una piccola motosega
I lavori sul sito sono iniziati nel 2017.(

Presentato da: White Watt Museum

)

Le operazioni di soccorso sul sito sono iniziate nel 2017, con più di 300 monumenti che rivelano le “condizioni disumane” che i soldati hanno sopportato, ha detto il White War Museum.

Marco Kissoni, uno del personale del Museo della Guerra Bianca, che ha scavato per lo scavo del Monte Scorloso, afferma che la neve in lento declino ha anche rivelato orribili reperti.

“Ogni due o tre anni viene trovato un cadavere, di solito sulla scena di una lotta per un iceberg”, ha detto.

Si può vedere una cassa di legno parzialmente coperta di neve
Il Museo della Guerra Bianca nel vicino Adamello esporrà gli oggetti il ​​prossimo anno. (

Presentato da: White War Museum

)

READ  Gupta Steel Hand Italy ha garantito un prestito da 86 ml Euro Verdi