SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Misteriosi segnali radio sono stati rilevati vicino al centro della Via Lattea

Cosa si illumina improvvisamente nel cielo, invia segnali radio casuali e poi scompare per mesi?

È una domanda che ha sconcertato gli astronomi dalla scoperta di un misterioso segnale radio vicino al centro della nostra galassia nel gennaio dello scorso anno.

Il segnale è così strano che potrebbe provenire da un nuovo tipo di corpo celeste, secondo un rapporto di un team internazionale di astronomi a Giornale Astrofisico.

Il team ha rilevato per la prima volta il segnale durante la scansione del cielo con l’Australian Pathfinder Array Radio Telescope (ASKAP) nell’entroterra dell’Australia occidentale.

La coautrice dello studio Tara Murphy dell’Università di Sydney ha affermato che il segnale è apparso altre quattro volte di seguito in sole due settimane.

Quindi il segnale dalla sorgente denominata ASKAP J173608.2-321635 scomparve e riapparve diverse volte pochi mesi dopo.

“A volte sembra rimanere acceso e può essere rilevato per giorni o settimane alla volta, e poi altre volte può accendersi e spegnersi in un giorno, il che è molto veloce per un corpo astronomico”, ha detto il professor Murphy.

Non solo la tempistica è casuale, ma la potenza del segnale può variare, diventando 100 volte più luminosa nello spettro radio.

Scarica

Ancora più strano, le onde radio sono allineate in un’unica direzione che ruota mentre il segnale viaggia attraverso l’universo verso di noi.

“Questo esclude quasi tutti gli oggetti astronomici di cui siamo a conoscenza”, ha detto il professor Murphy.

Ma questo non significa che abbiamo scoperto improvvisamente gli alieni.

Detective in astronomia

Nei mesi successivi alla scoperta iniziale, il team guidato dallo studente di dottorato Ziteng Wang ha esplorato una serie di opzioni nel tentativo di scoprire la fonte.

“È un po’ come un giallo che cerca di escludere tutte queste diverse possibilità”, ha detto il professor Murphy.

L’hanno ristretto a tre.

La prima opzione era una pulsar, il nucleo in rapida rotazione di una stella morta, che invia regolarmente impulsi di energia molto veloci come un orologio.

Il team si è rivolto al Parks Radio Telescope, famoso per l’individuazione delle pulsar, ma non ha trovato nulla che potesse essere la fonte.

Poi sono andati al radiotelescopio MeerKAT in Sud Africa, che può rilevare non solo gli impulsi, ma anche scattare foto dei segnali.

Non hanno visto nulla per tre mesi, ma nel febbraio di quest’anno hanno scoperto un segnale che aveva all’incirca la stessa forza di quello originale, prima che svanisse.

Note sull'oggetto Meerkat
Ora lo vedi e non lo fai ora: l’inserto mostra la sorgente radio accesa e spenta nei dati MeerKAT.(Fornito: Tara Murphy)

Sebbene il segnale avesse alcune caratteristiche di una pulsar, non c’erano impulsi veloci rivelatori.

I telescopi spaziali inoltre non hanno trovato alcun oggetto che emette luce nelle gamme di raggi X e infrarossi nella regione che indicano che la sorgente fosse una pulsar o un altro tipo di stella morta in rapida rotazione nota come magnetar.

La seconda possibilità che il team ha scoperto era se il segnale provenisse da un enorme bagliore di una stella.

“Questo oggetto era così luminoso che se fosse una stella, dovremmo essere in grado di vederlo alla luce visibile”, ha detto il professor Murphy.

“Ma… non l’abbiamo vista affatto, era completamente invisibile.

“Quindi abbiamo questa situazione in cui abbiamo escluso le due spiegazioni più probabili”.

È “Kony berbero”?

L’unica altra possibilità è che appartenga a un gruppo disordinato di oggetti rari noti come transienti radio del centro galattico, uno dei quali è stato chiamato “barbari cosmici”.

“È possibile che ne abbiamo scoperto uno, quindi in modo entusiasmante, perché ce ne sono così pochi conosciuti, ma è anche frustrante perché in realtà non sappiamo cosa siano i transienti radio del centro galattico”, ha detto il professor Murphy.

Ogni transiente radio del centro galattico rilevato è leggermente diverso; Mentre alcuni inviano impulsi regolari di onde radio, altri no.

“Tutti [this object’s] “Le proprietà sono leggermente diverse da tutte le proprietà conosciute, ma il fatto è che sono tutte diverse l’una dall’altra”, ha detto il professor Murphy.

Quindi, anche se sono tutti raggruppati nella stessa categoria, non ne sappiamo abbastanza per sapere se sono correlati.

“Potrebbero essere tutti solo oggetti polarizzati variabili sconosciuti vicino al centro galattico”, ha detto il professor Murphy.

Nuovi radiotelescopi svelano i misteri dell’universo

Primo piano dei piatti del radiotelescopio ASKAP
Il segnale è stato rilevato utilizzando il telescopio ASKAP, che utilizza 36 antenne per fissare un’ampia porzione di cielo.(In dotazione: CSIRO)

Gemma Anderson, astrofisica della Curtin University e dell’International Center for Research in Radio Astronomy, che non è stata coinvolta nello studio, ha affermato che gli oggetti in transito sono molto difficili da rilevare perché funzionano solo per un breve periodo di tempo.

“Vuoi sperare che il tuo telescopio sia puntato verso la parte giusta del cielo quando lo accendi, perché potrebbe non apparire più per settimane, mesi o mai”, ha detto il dott. Anderson.

E a differenza degli oggetti in transito che emettono impulsi di energia a raggi X o lunghezze d’onda infrarosse, gli oggetti che emettono solo onde radio sono molto difficili da rilevare.

Ma l’avvento dei radiotelescopi come ASKAP Pathfinder e MeerKAT ci ha permesso di andare più in profondità nell’universo che mai.

“ASKAP è particolarmente potente perché osserva contemporaneamente una porzione così ampia di cielo”, ha affermato il dott. Anderson.

“Questa volta questa squadra ha scoperto che è la punta dell’iceberg”.

I telescopi ASKAP e MeerKAT sono le prime fasi del più grande radiotelescopio del mondo, lo Square Kilometer Array (SKA).

Quando SKA salirà a bordo, ha detto il dottor Anderson, potrebbe essere possibile trovare deboli transitori “potrebbero essercene decine, centinaia o migliaia nella nostra galassia che sono rimasti nascosti”.

La professoressa Murphy ha detto che spera che il team troverà più cose come questa usando il telescopio ASKAP.

“Quindi, costruendo un numero statistico di essi, saremo in grado di determinare quali sono.

“Questo è il modo in cui le cose accadono così spesso in astronomia; trovi qualcosa di raro, poi ne trovi di più simili e alla fine puoi capire cosa sta realmente succedendo”.

READ  Questo evento solare interromperà la comunicazione con le missioni su Marte per due settimane | Notizia