HomescienceL'Università di Hong Kong rivela diverse attività vulcaniche nel sito lunare Chang'e-6

L’Università di Hong Kong rivela diverse attività vulcaniche nel sito lunare Chang’e-6

Il lato nascosto della Luna è un luogo misterioso che non può mai essere visto dalla Terra. La caratteristica più notevole della Luna è l’asimmetria tra il lato vicino e quello lontano della Luna nella composizione, nello spessore della crosta e nell’attività vulcanica. Gli scienziati non hanno ancora raggiunto un consenso sull’origine dell’asimmetria lunare a causa della mancanza di campioni dal lato nascosto, ed è una delle questioni più importanti rimaste aperte nella scienza lunare. La missione Chang’e-6, lanciata il 3 maggio 2024 e attualmente diretta verso la Luna, è la prima missione al mondo a riportare campioni dal lato nascosto della Luna. L’obiettivo è riportare sulla Terra circa 2 kg di suolo lunare dalla pianura persiana meridionale del bacino Apollo all’interno del bacino Antartide-Aitken, la più grande struttura di impatto nel sistema solare. Questi campioni hanno un enorme potenziale scientifico che potrebbe essere utilizzato per risolvere il dilemma della scissione della Luna e persino rimodellare la conoscenza umana dei nostri vicini più vicini.

Come descritto in un recente articolo pubblicato su Earth and Planetary Science Letters, il dottor Yuqi Qian, i professori Józef Michalski e Guochun Gao del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Hong Kong (HKU) e i loro collaboratori internazionali hanno studiato in modo approfondito la struttura vulcanica del pianeta. attività. Il bacino dell’Apollo e i suoi dintorni, che hanno rivelato la misteriosa e diversificata attività vulcanica del sito di atterraggio di Chang’e-6 con importanti implicazioni per l’analisi del campione di Chang’e-6 e l’origine della scissione lunare.

Lo studio ha scoperto che il bacino Apollo aveva estese attività vulcaniche che si estendevano dal periodo nettariano (circa 4,05 miliardi di anni fa) al periodo eratostenico (circa 1,79 miliardi di anni fa). L’attività vulcanica nella regione è stata fortemente influenzata dallo spessore della crosta terrestre. Dicchi in crosta moderatamente spessa tendono a fermarsi al di sotto del fondo del cratere, espandendosi lateralmente per formare un davanzale e un cratere fratturati nel pavimento. Le dighe sotto la crosta che furono assottigliate dall’evento del bacino Apollo raggiunsero direttamente la superficie ed eruttarono per formare estese colate di lava, e le dighe nella spessa crosta furono fermate prima che potessero raggiungere la superficie e si formarono dighe di basalto. “Questa scoperta fondamentale indica che la discrepanza nello spessore della crosta tra il lato vicino e quello nascosto potrebbe essere la causa principale dell’attività vulcanica asimmetrica sulla superficie della Luna”, ha detto il dottor Qian. “Questo può essere testato con i campioni restituiti di Chang’e-6.”

READ  Uno studio mostra che gli incendi estremi e diffusi possono avere un impatto sul clima - Portale della NASA sul cambiamento del livello del mare

Per la pianura persiana meridionale nel bacino dell’Apollo, dove è previsto l’atterraggio di Chang’e 6, si registrano almeno due episodi di eruzioni. L’ex vulcano eruttò circa 3,34 miliardi di anni fa con una composizione a basso Ti, coprendo l’intera area topograficamente bassa tra l’anello del Picco dell’Apollo e il bordo del bacino. La successiva eruzione avvenne circa 3,07 miliardi di anni fa con composizione ad alto contenuto di Ti vicino al cratere Chaffee S e fluì verso est con spessore decrescente fino a incontrare le creste delle rughe primarie. Gli autori hanno suggerito che i basalti ad alto contenuto di Ti trovati a ovest contengono le implicazioni scientifiche più abbondanti. Il campionamento restituirà basalto ad alto contenuto di Ti, basalto a basso Ti e materiali esotici non marini trasportati da eventi di impatto. “Diverse fonti di campioni forniranno importanti spunti per risolvere una serie di questioni scientifiche lunari nascoste nel bacino dell’Apollo”, ha sottolineato il professor Michalski.

“Il risultato della nostra ricerca è un contributo importante alla missione lunare Chang’e-6. Stabilisce un quadro geologico per comprendere i campioni Chang’e-6 che saranno presto restituiti e sarà un riferimento chiave per l’analisi dei prossimi. campioni”, ha affermato il professor Guochun Zhao, professore titolare del Dipartimento di geoscienze dell’Università di Hong Kong. “È un grande passo per l’Università di Hong Kong poiché l’università cerca l’eccellenza nella scienza planetaria e un maggiore coinvolgimento nel programma spaziale nazionale. “, ha detto il coautore dell’articolo: scienziati cinesi.

L’Università di Hong Kong è l’unica università di Hong Kong che possiede campioni lunari ottenuti dalla missione Chang’e-5 dal lato vicino. Basandosi su questo lavoro, il team geologico dell’Università di Hong Kong cercherà anche di sfruttare l’opportunità per ottenere anche campioni di Chang’e-6. Questa iniziativa mira a consentire all’Università di Hong Kong di possedere campioni lunari che rappresentano i lati vicino e lontano, aprendo così una nuova finestra per l’esplorazione scientifica nello studio degli emisferi lunari.

READ  Crescente preoccupazione per il NSW occidentale poiché i numeri giornalieri dei casi di coronavirus hanno raggiunto livelli record

È possibile accedere all’articolo della rivista qui: https://doi.org/10.1016/j.epsl.2024.118737

Informazioni sul dottor Yuqi Qian

Un geologo planetario del Dipartimento di Scienze della Terra e Laboratorio di Ricerca Spaziale dell’Università di Hong Kong. Ha collaborato con colleghi della Cina continentale e di tutto il mondo per studiare i mondi alieni. La sua ricerca si concentra sui processi geologici della Luna sulla base di dati e campioni acquisiti dal programma di esplorazione lunare cinese e da altri paesi.

/Liberazione generale. Questo materiale dell’organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle degli autori. Visualizzale integralmente qui.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News