SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità apre il Centro di intelligence epidemiologica per cercare crisi future | Organizzazione mondiale della Sanità

un Organizzazione mondiale della Sanità Lanciato mercoledì a Berlino dal direttore generale dell’agenzia delle Nazioni Unite, Tedros Adhanom Ghebreyesus, e dalla tedesca Angela Merkel, il “Center for Epidemiology Intelligence” cercherà di aiutare i governi a identificare le future epidemie in una fase precoce e a migliorare la sorveglianza di nuovi ceppi mutati di Covid -19.

Il centro, che ospiterà scienziati e responsabili politici di tutto il mondo progetto per progetto, è progettato per consentire ai governi di confrontare facilmente le osservazioni sulle malattie infettive emergenti e ottenere ulteriori informazioni pertinenti su modelli di viaggio, rotte commerciali o interazioni uomo-animale in agricoltura.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, che collega i 194 Stati membri delle Nazioni Unite sulla politica sanitaria, ha emesso il più alto livello di allerta sulla pandemia di Covid-19 il 30 gennaio 2020, ma da allora gli studi hanno indicato che il coronavirus potrebbe essersi diffuso in tutto il mondo .mondo almeno un mese fa.

“Il Covid-19 ha evidenziato un problema”, ha affermato Oliver Morgan, direttore del Dipartimento per le informazioni sulle emergenze sanitarie e la valutazione dei rischi dell’Organizzazione mondiale della sanità. “Ci sono molti dati pubblici e informazioni attualmente disponibili che facciamo fatica a capire”.

Ogni mese, l’Organizzazione mondiale della sanità elabora una media di 9 milioni di informazioni relative a una pandemia o agli sviluppi di una pandemia e indaga in modo più dettagliato su circa 300 eventi.

Parte del problema, afferma l’OMS, è che, poiché i governi e le ONG raccolgono sempre più informazioni rilevanti per la salute pubblica, i database sono raramente semplificati per consentire facili confronti internazionali.

Gli strumenti analitici sono spesso sviluppati separatamente o su base ad hoc e le analisi sono ostacolate da problemi di formato dei dati. Morgan ha affermato che il problema è diventato particolarmente evidente nel monitoraggio di nuove varianti di Covid-19.

READ  L'agenzia spaziale russa propone di installare una centrale nucleare su Marte

“Uno dei problemi che abbiamo è che i campioni clinici sono attualmente spesso separati dalle informazioni epidemiologiche come i tassi di infezione o di ospedalizzazione. Quindi, anche se identifichiamo una variante, non sappiamo se cambierà le regole del gioco”.

Il monitoraggio epidemiologico attraverso il sequenziamento del genoma, che implica la decodifica dell’ordine delle molecole nucleotidiche che definiscono il codice genetico di un particolare virus, si è dimostrato utile nel monitoraggio dei ceppi di poliomielite e influenza.

Ma mentre paesi come il Regno Unito e il Sudafrica hanno ampliato le loro capacità di sequenziamento genetico nell’ultimo decennio, la copertura globale rimane incompleta.

“Attualmente non abbiamo una visione coerente di come le varianti di Covid-19 si stanno evolvendo in tutto il mondo e non esiste un unico database che ci permetta di condividere facilmente le informazioni”, ha affermato Morgan. “Abbiamo solo piccole finestre nel quadro generale in alcuni dei paesi con laboratori avanzati”.

Ha affermato che l’attenzione al miglioramento del monitoraggio globale delle varianti di Covid-19 tramite il sequenziamento del genoma sarà probabilmente la prima priorità del nuovo centro.

Il centro sarà parzialmente finanziato dal governo tedesco per un importo di $ 100 milioni per i primi tre anni e opererà inizialmente da uno spazio su Luisenstrasse nel centro di Berlino, affittato dall’ospedale universitario Charité.

Successivamente si trasferirà in un campus universitario permanente a Moritzplatz nel distretto di Kreuzberg. Il centro ospiterà fino a 120 persone, la maggior parte delle quali non sarà personale dell’OMS, ma scienziati o responsabili politici in visita.