L’OMS chiede l’interruzione temporanea dei ripetitori del vaccino COVID-19 per aiutare l’accesso dei paesi poveri

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) chiede che i richiami del vaccino contro il COVID-19 vengano sospesi almeno fino alla fine di settembre.

Viene quando il divario tra le vaccinazioni si allarga nei paesi ricchi e poveri.

La richiesta di una moratoria è la dichiarazione più forte dell’agenzia delle Nazioni Unite in un momento in cui i paesi stanno valutando la necessità di rinforzi per combattere la variante delta del coronavirus in rapida diffusione.

“Capisco l’interesse di tutti i governi nel proteggere la loro gente dalla variante delta. Ma non possiamo accettare paesi che hanno già utilizzato la maggior parte della fornitura globale di vaccini utilizzandone di più”, ha affermato il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, a maggio i paesi ad alto reddito hanno somministrato circa 50 dosi ogni 100 persone e da allora quel numero è raddoppiato.

I paesi a basso reddito sono stati in grado di somministrare solo 1,5 dosi ogni 100 persone, a causa della mancanza di forniture.

“Abbiamo bisogno di un’inversione urgente dalla maggior parte dei vaccini destinati ai paesi ad alto reddito alla maggioranza destinata ai paesi a basso reddito”, ha affermato Tedros.

READ  Gli Stati Uniti prendono di mira i missili antinave Houthi in un nuovo attacco allo Yemen

Ma la Casa Bianca ha detto mercoledì che era ancora pronta a fornire dosi di richiamo del virus Covid-19, se necessario, indicando che non avrebbe ascoltato l’appello dell’Organizzazione mondiale della sanità per ritardare l’introduzione di vaccini aggiuntivi.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che la chiamata è stata una “scelta sbagliata” e che Washington potrebbe fornire dosi di richiamo, se approvate per l’uso nel paese, e donare forniture in eccesso ad altri paesi.

Gli Stati Uniti a luglio hanno firmato un accordo con Pfizer e il partner tedesco BioNTech per acquistare ulteriori 200 milioni di dosi del vaccino COVID-19 per aiutare a vaccinare i bambini oltre a potenziali richiami.

Per contrastare la diffusione del delta variabile, alcuni paesi hanno iniziato a utilizzare o stanno iniziando a considerare la necessità di dosi di richiamo anche se gli scienziati discutono se siano necessarie o meno dosi aggiuntive.

“Il fatto che stiamo vaccinando adulti sani con una dose di richiamo di vaccini COVID-19 è miope”, ha affermato Eileen Hoffman Dahl, consulente medico per le malattie infettive con la campagna Access di MSF.

“Man mano che emergono nuove varianti, se continuiamo a lasciare la maggior parte del mondo non vaccinata, avremo sicuramente bisogno di vaccini modificati in futuro”, ha affermato Dahl.

Reuters

Scarica il modulo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto