SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Lo studio mostra come i mammiferi hanno sviluppato cervelli più grandi

Una nuova ricerca rivela i cambiamenti nei volumi relativi del cervello negli ultimi 150 milioni di anni

Una nuova ricerca mostra che, contrariamente alla credenza popolare, la dimensione relativa del cervello nei mammiferi non è solo correlata all’intelligenza, ma è guidata da varie pressioni evolutive sulla dimensione del corpo, compresi gli adattamenti causati dalle estinzioni di massa e dai cambiamenti climatici.

Lo studio internazionale, il più grande nel suo genere mai realizzato, ha coinvolto un team di 22 scienziati, che hanno studiato 1.400 specie di mammiferi viventi ed estinte. Nel Regno Unito, il dottor Jacob Dunn e Max Kearney dell’Anglia Ruskin University (ARU), nonché accademici dell’UCL, dell’Università di Salford e del Museo di storia naturale hanno partecipato a questo.

Questo studio innovativo, pubblicato su Science Advances e condotto dal dottor Jeron Smears della Stony Brook University negli Stati Uniti e dal dottor Kamran Safi del Max Planck Institute for Animal Behaviour in Germania, ha riunito una linea temporale unica di come si sono evolute le dimensioni del cervello e del corpo. negli ultimi 150 milioni di anni., Il che mostra come le specie “dal grande cervello” abbiano raggiunto i loro estremi in modi diversi.

Le grandi scimmie possiedono una vasta gamma di dimensioni corporee, ma hanno mostrato una tendenza generale verso un aumento delle dimensioni del cervello e del corpo. Al contrario, gli ominidi ancestrali, che rappresentavano la linea umana, mostravano una dimensione corporea relativamente ridotta e un aumento del volume del cervello rispetto alle grandi scimmie.

Lo studio ha scoperto che la maggior parte dei cambiamenti nelle dimensioni del cervello si sono verificati dopo due eventi catastrofici nella storia della Terra. Dopo un’estinzione di massa avvenuta alla fine del periodo Cretaceo 66 milioni di anni fa, i ricercatori hanno osservato un cambiamento radicale nelle dimensioni relative del cervello e del corpo in lignaggi come roditori, pipistrelli e carnivori, poiché questi animali riempivano le nicchie vuote lasciate da i dinosauri estinti. .

READ  Il lancio di un vaccino contro il nuovo Corona virus riceve una grande spinta | Canberra Times

Dopo quasi 30 milioni di anni, i climi freddi del tardo periodo Paleogene portarono a cambiamenti più profondi, poiché tutte le foche, gli orsi, le balene e i primati subirono cambiamenti evolutivi nelle dimensioni del loro cervello e del loro corpo. Personaggi del calibro di elefanti e grandi scimmie hanno sviluppato le loro dimensioni massime dopo questo evento del cambiamento climatico.

Oltre a dimostrare che le dimensioni del cervello rispetto alle dimensioni del corpo non hanno seguito un percorso evolutivo stabile, lo studio ha anche dimostrato che cervelli relativamente grandi, che sono stati a lungo considerati un indicatore dell’intelligenza animale, potrebbero essere il risultato di una graduale diminuzione delle dimensioni del corpo. per soddisfare un essere umano. Nuovo habitat, clima o modalità di trasporto. In altre parole, la dimensione relativa del cervello potrebbe non avere nulla a che fare con l’intelligenza.

Lo studio ha rivelato che il leone marino della California ha ottenuto una riduzione del volume da cervello a corpo a causa di forti pressioni selettive sulle dimensioni del corpo, probabilmente perché questi carnivori acquatici si sono diversificati in una posizione semi-acquatica e hanno aumentato le dimensioni del loro corpo a un ritmo più veloce. Dalle loro menti come si sono adattati a vivere anche sulla Terra.

Il coautore, il dottor Jacob Dunn, professore associato di biologia evolutiva presso l’Anglia Ruskin University (ARU), ha dichiarato:

“Questi risultati ci fanno cambiare completamente il modo in cui pensiamo all’evoluzione del cervello nei mammiferi.

Per decenni, i biologi hanno ipotizzato che le dimensioni relative del cervello siano un predittore affidabile dell’intelligenza tra le specie. Ciò era particolarmente vero per la ricerca sui primati, compresi i nostri antenati ominidi estinti. Il nostro studio mostra che dobbiamo essere più cauti quando facciamo ipotesi sull’abilità cognitiva di una specie rispetto alla sua dimensione relativa del cervello, poiché la relazione tra la dimensione del cervello e la dimensione del corpo è complessa e una o entrambe possono evolversi per essere più grandi o più piccole in risposta a varie sfide ambientali.

READ  L'astronomo ha detto che il razzo cinese Long March 5B si è avvicinato "in modo allarmante" alla Stazione Spaziale Internazionale

“Il nostro lavoro fa luce su come la disparità nelle dimensioni del corpo sia un fattore chiave dei cambiamenti nelle dimensioni relative del cervello e apre nuove opportunità per riflettere sui modi complessi in cui il cervello si evolve”.

Il dottor Jeroen Smears, biologo evoluzionista della Stony Brook University e primo autore dello studio, ha dichiarato:

A prima vista, l’importanza di prendere in considerazione il percorso evolutivo delle dimensioni corporee può sembrare insignificante. Dopotutto, molti mammiferi con cervelli grandi come elefanti, delfini e grandi scimmie hanno anche un grande volume dal cervello al corpo. Ma non è sempre così. Il leone marino della California, ad esempio, ha una dimensione del cervello relativamente bassa, che contrasta con la sua notevole intelligenza.

“La dimensione del cervello rispetto al corpo ovviamente non è indipendente dallo sviluppo dell’intelligenza. Ma in realtà potrebbe essere più indicativa di adattamenti più generali a stress ambientali diffusi che vanno oltre l’intelligenza”.

Lo studio completo ad accesso aperto è pubblicato qui https://advances.sciencemag.org/lookup/doi/10.1126/sciadv.abe2101

/ Rilascio generale. Questo materiale proviene dallo stabilimento originale e può essere di natura cronologica ed è modificato per chiarezza, stile e lunghezza. Spettacolo completo Qui.