SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Lo studio indaga l’esposizione a diverse varianti di SARS-CoV-2 e la risposta immunitaria

Esiste un’ampia gamma di ceppi mutati della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) che hanno infettato milioni di persone negli ultimi mesi. È fondamentale comprendere il meccanismo con cui queste varianti sono influenzate dagli anticorpi prodotti da precedenti vaccini o infezioni.

Comprendere la sensibilità degli anticorpi neutralizzanti alle varianti di SARS-CoV-2 è importante dal punto di vista dell’implementazione, poiché i ricercatori potrebbero trovare modi migliori per modificare i vaccini per ottenere prestazioni migliori contro queste varianti.

Soggiorno: L’esposizione a diverse varianti di aumento di SARS-CoV-2 neutralizza le risposte anticorpali a specificità differenziale a ceppi stabiliti ed emergenti.. Credito di immagine: PHOTOCREO Michal Bednarek/Shutterstock.com

In un recente studio pubblicato sul server di prestampa medRxiv*In questo studio, i ricercatori hanno confrontato le risposte di neutralizzazione contro diverse varianti preoccupanti per SARS-CoV-2, incluso il ceppo B.1.617.2 (delta), nei sieri di individui esposti a varianti di infezione, vaccinazione o entrambi.

Cause delle mutazioni e come influenzano le risposte anticorpali

Le mutazioni nei geni che codificano per la proteina appuntita nei coronavirus, che è un importante determinante virale dell’ingresso cellulare, sono le principali aree di interesse nella ricerca di SARS-CoV-2.

È probabile che molte delle mutazioni improvvise derivino da una pressione selettiva acquisita attraverso la continua evasione dell’immunità dell’ospite e quindi una maggiore trasmissibilità. Diversi studi recenti hanno concluso che i sieri di individui naturalmente vaccinati e infetti portano a una diminuzione dell’attività neutralizzante contro alcune varianti, inclusa la variante Delta SARS-CoV-2 attualmente dominante.

Ora che sono iniziate le campagne di vaccinazione pubblica in molti paesi del mondo, è importante comprendere l’efficacia del titolo di neutralizzazione del siero prodotto da questi vaccini. Questo è un collegamento importante all’immunità protettiva nel mondo reale.

READ  La NASA affida a SpaceX una missione per indagare su una delle lune di Giove

Sulla base dei dati ottenuti da precedenti ceppi mutanti di SARS-CoV-2, le risposte anticorpali risultanti dall’esposizione alla proteina di elevazione del ceppo ancestrale sarebbero meno efficaci nel prevenire future infezioni da ceppi come la variante delta.

sullo studio

Per affrontare gli effetti di diverse mutazioni su individui precedentemente vaccinati, i ricercatori nell’attuale studio hanno raccolto siero da persone precedentemente infettate con diverse varianti di SARS-CoV-2 tra cui B.1 (solo mutazione D614G), B.1.429 (epsilon) B2 ceppi ( zeta) e b 1.1.519. I ricercatori hanno anche raccolto il siero da soggetti vaccinati con acido ribonucleico messaggero (mRNA) che erano stati precedentemente infettati dal ceppo ancestrale B.1 prima della vaccinazione, erano stati infettati da B.1.429 prima della vaccinazione o non avevano avuto precedenti infezioni prima delle vaccinazioni.

I ricercatori hanno effettuato un confronto quantitativo dei titoli anticorpali nel siero di persone infette da questi ceppi. Il titolo di neutralizzazione per ciascun gruppo di siero esposto separatamente contro un gruppo di pseudovirus, che sono virus ingegnerizzati artificialmente, è stato confrontato con i mutanti più recenti.

Ogni pseudovirus rappresenta una diversa variante di esposizione, comprese le varianti SARS-CoV-2 B.1.351 (beta), P.1 (gamma), B.1.617 e B.1.617.2 (delta). Le varianti SARS-CoV-2 più recenti contengono una o più varianti mutazionali in comune con una delle varianti di esposizione.

I ricercatori hanno ulteriormente dimostrato l’effetto dell’esposizione sequenziale a diversi mutanti spike per comprendere meglio la reattività crociata delle risposte anticorpali neutralizzanti. Hanno incrociato una serie di otto diverse mutazioni proteiche contro pool di siero risultanti da sette diversi tipi di esposizione.

Risultati

I ricercatori hanno concluso che le risposte anticorpali neutralizzanti erano più forti contro le varianti che hanno una o più mutazioni spinali in comune con quelle utilizzate per stimolare la risposta immunitaria in primo luogo, note come varianti di esposizione.

READ  L'aumento dell'ossigeno sulla Terra primordiale è correlato al cambiamento della durata del giorno

L’osservazione più significativa nel presente studio è stata che B.1.617.2 (delta) è stato neutralizzato in modo più efficace dal siero di una precedente esposizione alle due precedenti varianti di esposizione di B.1.429 e B.1.1.519. Queste due varianti avevano sottoinsiemi separati di mutazioni spike simili a, sovrapposte, mutazioni in B.1.617.2.

Gli individui precedentemente infettati con la variante B.1.429 (Epsilon) e successivamente vaccinati hanno mostrato una maggiore neutralizzazione incrociata di B.1.429 e B.1.617.2 (delta) rispetto a quelli vaccinati da soli o che avevano una precedente infezione con il mutante D614G ceppo seguito da immunizzazione. Ciò ha stabilito il fatto che l’esposizione a più varianti di altitudine ha migliorato la neutralizzazione incrociata e ha ampliato la specificità dei vaccini.

Una serie di titoli di titoli di sette diversi pseudovirus (righe) neutralizzati da sette diversi pool di sieri individuali raggruppati per esposizione (colonne). I dati sono rappresentati come una mappa termica del cambiamento di piega Log2 in NT50 (in alto a sinistra di ogni riquadro) e NT90 (in basso a destra di ogni riquadro) per ogni variante correlata allo pseudovirus D614G. Tutti i campioni di siero sono stati raccolti almeno 14 giorni dopo la data del test COVID-19 positivo del soggetto o la data della seconda dose di vaccino. Tutte le misurazioni del titolo sono la media di almeno tre esperimenti indipendenti, ciascuno eseguito utilizzando due repliche tecniche. Una variazione della piega Log2 positiva (in blu) indica un aumento del titolo di neutralizzazione per questa variante rispetto allo pseudovirus D614G, mentre una variazione della piega Log2 negativa (in rosso) indica una diminuzione rispetto a D614G. La significatività statistica è stata determinata con t test non appaiati. Tutti i valori sono statisticamente significativi (valore P < 0,05) tranne che indicato con "ns" per indicare che la differenza nel titolo di neutralizzazione variabile non è significativamente diversa dal titolo D614G in questo pool di sieri.

Nel loro insieme, i risultati dell’attuale studio aiutano a comprendere la relazione tra l’esposizione a diversi ceppi e le risposte anticorpali. Inoltre, questi risultati possono anche aiutare nello sviluppo di strategie per dosi di richiamo dei vaccini.

READ  Nessuna iniezione, nessun lavoro, nessun problema? non esattamente. - Reclutamento e risorse umane

*Nota importante

medRxiv pubblica rapporti scientifici primari che non sono stati sottoposti a revisione paritaria e pertanto non devono essere considerati conclusivi, guidare la pratica clinica/comportamenti relativi alla salute o essere trattati come informazioni consolidate