SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Lo studio esplora la vita interiore dell’intelligenza artificiale utilizzando un robot che “pensa” ad alta voce | Robot

Ehi Siri, riesci a trovare un assassino?

Ti sei mai chiesto cosa pensa l’assistente virtuale di Apple quando dice che non ha la risposta a questa richiesta? Forse, ora che ci sono i ricercatori Italia Dando al robot la capacità di “pensare ad alta voce”, gli utenti umani possono comprendere meglio i processi decisionali nei robot.

Esiste un collegamento tra il linguaggio interiore e quello subconscio [in humans]”Quindi abbiamo voluto indagare su questo collegamento in un robot”, ha detto l’autore principale dello studio, Ariana Bebeton dell’Università di Palermo.

I ricercatori hanno programmato un robot chiamato Pepe, Realizzato da SoftBank Robotics, con la capacità di vocalizzare i propri processi di pensiero. Ciò significa che il robot non è più una “scatola nera” e il suo processo decisionale di base sta diventando più trasparente per l’utente.

Ciò può essere particolarmente utile in situazioni in cui una richiesta non ha ricevuto risposta. Un robot può spiegare in parole povere se, ad esempio, un determinato oggetto è inaccessibile, il movimento richiesto non è possibile o uno dei componenti del robot non funziona correttamente.

In una serie di esperimenti, i ricercatori hanno cercato di esplorare come questo discorso interiore ha influenzato le azioni del robot. In un caso, è stato deciso che Pepper avrebbe assistito l’utente umano nella preparazione del tavolo da pranzo in conformità con le regole dell’etichetta.

Quando l’utente umano ha chiesto a Pepper di violare le regole dell’etichetta posizionando il fazzoletto nel posto sbagliato, il robot ha iniziato a parlare da solo, concludendo che l’umano poteva essere confuso e chiedendosi se doveva procedere con la procedura. Una volta che l’utente ha confermato la sua richiesta, Pepper ha detto a se stesso: “Questa situazione mi dà fastidio. Non infrangerò mai le regole, ma non posso disturbarlo, quindi faccio quello che vuole”, mette il tovagliolo dove era necessario.

READ  Age of Empires 4 è tornato con un nuovo gameplay e una nuova grafica

Confrontando le prestazioni di Pepper con e senza il linguaggio interiore, i ricercatori hanno scoperto che Pepper aveva un tasso di completamento del compito più elevato quando si impegnava nel dialogo di sé, secondo lo studio. Pubblicato sulla rivista iScience.

Questa capacità intrinseca di parlare può essere utile in situazioni in cui esseri umani e robot stanno cooperando. Ad esempio, potrebbe essere utilizzato per i robot caregiver, ha affermato Antonio Schila, professore di robotica all’Università di Palermo, che è anche l’autore dello studio.

Naturalmente, ci sono molte altre situazioni in cui questo tipo di tecnologia può essere fastidioso. Quindi, ad esempio, se dai un comando preciso: “Alexa, spegni la luce”, il discorso interiore potrebbe non essere molto utile, perché io voglio solo che il robot obbedisca al Mio comando. “

Attualmente, ha aggiunto, un modello matematico del linguaggio interno è stato integrato nel robot. “Forse … un giorno ci sarà un robot che genera automaticamente la parola.”