L’Italia vieta i pannelli solari montati a terra sui terreni agricoli

Lunedì il governo italiano di destra ha vietato l’installazione di pannelli solari a terra sui terreni agricoli, pochi giorni dopo che Roma si era impegnata a triplicare la capacità installata di energia rinnovabile entro il 2030.

“Abbiamo posto fine all’installazione selvaggia di pannelli fotovoltaici a terra”, ha detto il ministro dell’Agricoltura Francesco Lolloprigida in una conferenza stampa al termine del consiglio dei ministri.

Il divieto riguarda i sistemi fotovoltaici posizionati sul terreno in aree classificate come agricole, ma non copre i progetti agricoli, dove i pannelli solari sono installati sopra i campi coltivati, ha detto Lolobrigida.

Sono esenti i progetti che beneficiano di finanziamenti UE, come le comunità energetiche.

Il Coordinamento Free, un gruppo che riunisce le imprese che operano nel settore delle energie rinnovabili e le associazioni ambientaliste, ha avvertito lunedì che un simile divieto “impedirebbe molti progetti fotovoltaici”.

Pubblicità – Scorri per continuare


“Di conseguenza, l’Italia non riuscirà a raggiungere i suoi obiettivi di decarbonizzazione per il 2030”, ha affermato.

L’energia pulita è essenziale per qualsiasi speranza di raggiungere l’obiettivo internazionale di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali, riducendo le emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili.

La settimana scorsa l’Italia si è unita ai paesi del G7 impegnandosi a triplicare le energie rinnovabili entro il 2030.

Pubblicità – Scorri per continuare


Il ministro dell’Energia Gilberto Pichetto Fratin ha affermato che il divieto dei pannelli montati a terra sui terreni agricoli impedirebbe al governo di installare 38 GW di centrali elettriche entro quella data.

Il divieto di lunedì fa parte di un disegno di legge che dovrà essere approvato dal Parlamento e che potrebbe essere modificato prima di allora.

READ  Giorgino 'affamato' che l'Italia risalti contro il Belgio

ide/bc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto