L’Italia sta cercando di minimizzare i timori di tagli ai costosi incentivi all’edilizia

Giovedì 9 maggio, un funzionario del Tesoro italiano ha dichiarato che non ci sono piani per revocare le imminenti restrizioni sugli incentivi finanziari per le ristrutturazioni domestiche prima del 2024. Il governo sta cercando di alleviare i timori sull’impatto delle restrizioni sui costosi incentivi statali.

L’Italia sta cercando di tenere sotto controllo le sue pesanti finanze statali, che sono sotto stretto controllo da parte delle agenzie di rating internazionali. Il governo ha affermato che deve contenere gli incentivi che gli sono costati più di 200 miliardi di euro (215 miliardi di dollari) in quattro anni.

Generosi incentivi, noti anche come “superbonus”, hanno permesso ai proprietari di casa di detrarre dalle tasse il costo dei miglioramenti dell’efficienza energetica per un periodo da 4 a 10 anni. Il credito d’imposta può essere utilizzato anche come forma di pagamento quando si tratta con costruttori o banche.

Roma prevede di modificare le regole in modo che le persone possano detrarre solo il costo del lavoro svolto entro un periodo di 10 anni.

Le proteste sono sorte da parte di banche e imprese dopo che alcuni legislatori hanno suggerito che la transizione potrebbe essere spostata a una data già nel 2023 o anche prima. Hanno detto che la mossa svaluterebbe i crediti d’imposta che avevano già pagato.

Tuttavia, il sottosegretario al Tesoro Federico Freni ha detto ai giornalisti che le modifiche non saranno adottate prima di gennaio di quest’anno.

“Quindi le spese sostenute nel dicembre 2023 non potranno beneficiare dell’esproprio oltre i 10 anni”, ha affermato.

READ  I più ricchi d'Italia (11 ottobre 2023)

“Il pagamento di 10 rate annuali uguali sarà per il contribuente un obbligo e non una facoltà”.

Le lobby bancarie ed edilizie italiane hanno affermato l’8 maggio che qualsiasi intervento regressivo avrebbe un enorme impatto su imprese, banche e cittadini.

(Foto: Un costruttore dell’azienda di Pierluigi Fusco, scattata il 21 giugno 2022 a Caserta, Italia meridionale, 21 giugno 2022 REUTERS/Remo Casilli/File Photo)

A marzo Roma aveva bloccato la possibilità di cedere i crediti d’imposta derivanti dai lavori edili, con alcune eccezioni, scatenando le proteste.

Il debito pubblico italiano in rapporto alla produzione è il secondo più grande della zona euro e salirà a quasi il 140% del Pil nel 2026, in parte a causa del costo dello stimolo.

Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha dichiarato ai legislatori durante una sessione parlamentare che il nuovo divieto consentirà all’Italia di ripristinare i precedenti obiettivi di deficit per i prossimi due anni, fissati per settembre 2023.

Lo scorso autunno il governo italiano si è impegnato a ridurre il gap fiscale al 3,6% del Pil nel 2025, al 4,3% quest’anno e al 2,9% nel 2026. Secondo le tendenze attuali, il deficit del Tesoro l’anno prossimo sarà pari al 3,7%. 3% entro il 2026.

Giorgetti ha affermato che il deficit dovrebbe essere ridotto di 700 milioni di euro nel 2025 e di 1,7 miliardi l’anno successivo per ripristinare gli obiettivi precedenti.

Reuters ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto