SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’Italia promette tagli “brutali” alla burocrazia ritardando i progetti di energie rinnovabili

Roma, 28 aprile 2021 Un’auto elettrica è inserita nel punto di ricarica per veicoli elettrici. REUTERS / Guglielmo Mangiapane

L’Italia è pronta a introdurre una serie di misure per ridurre la burocrazia per facilitare il processo di approvazione di nuovi progetti di energia rinnovabile, ha detto mercoledì il ministro per il cambiamento ambientale Roberto Cingolani.

Il processo di accreditamento bizantino in Italia ha ridotto l’efficacia dei nuovi progetti di energia verde, influenzando l’accesso ai fondi di recupero dell’UE e riducendo il raggiungimento degli obiettivi climatici.

Roma, che dovrebbe installare 70 gigawatt di nuova capacità di energia rinnovabile entro il 2030, sta attualmente installando solo 0,8 gigawatt all’anno, a causa dei tempi più lunghi consentiti.

Singolani ha detto che la nuova legge sarà pronta entro il 30 maggio come parte di una serie di riforme strutturali che corrono in tandem con il piano di ripresa dell’Italia per accedere ai fondi per la ricostruzione infettiva da Bruxelles.

“Stiamo intervenendo … con le misure più drastiche … con le più brutali”, ha detto ai giornali stranieri in una discussione online, segnalando che la legge potrebbe essere in ritardo da tempo.

Ha detto che il governo deciderà giovedì se l’ordine considererà inizialmente solo il trasferimento di energia o se sarà più ampio.

Singoloni, che ha lavorato presso alcuni dei migliori centri di ricerca scientifica incentrati sulla robotica e sull’intelligenza artificiale, ha affermato che l’Italia dovrebbe essere in prima linea nella spinta europea per migliorare le infrastrutture dei veicoli elettrici.

Ha detto che era ora di iniziare a cercare modi per ridurre gradualmente i sussidi per i combustibili fossili.

READ  Tre arrestati in un incidente con la funivia dell'orrore che ha ucciso 14 persone e ha reso orfano un ragazzo

Nel suo ultimo progetto energetico consegnato alla fine del 2019, l’Italia ha fissato l’obiettivo di 65 gigawatt di nuova capacità verde in 10 anni. Ma da allora Bruxelles ha inasprito i suoi obiettivi per le emissioni di gas serra, spingendo diversi Stati membri a riconsiderare i loro obiettivi.

Singoloni, che è stato nominato ministro per il cambiamento energetico nel governo Mario Tragi questo febbraio, ha detto che l’Italia sarebbe pronta a pubblicare il suo nuovo piano di strategia energetica entro la fine di giugno.

Tracy ha posto il cambiamento climatico al centro dei suoi piani per guidare l’Italia per garantire il passaggio all’energia verde, portando alla sua ripresa e facendo pieno uso dei fondi dell’UE.

Il piano di ripresa di Roma fornisce denaro dell’UE per un valore di 59 59 miliardi, in cima alla lista con 9 miliardi di euro di debito del governo privato.

I nostri standard: Principi della Thomson Reuters Foundation.