HomeTop NewsL'Italia minaccia di sbarcare aerei di soccorso nel Mediterraneo

L’Italia minaccia di sbarcare aerei di soccorso nel Mediterraneo

Le organizzazioni di soccorso civile che lavorano per salvare la vita dei migranti e dei richiedenti asilo nel Mediterraneo sono sempre più di fronte a un dilemma: rispettare restrizioni arbitrarie che spesso hanno conseguenze fatali, o prevenire i rischi e possibili azioni giudiziarie. Entrambe le alternative impediscono agli equipaggi di effettuare operazioni di salvataggio, mettendo in pericolo la vita in mare.

Le autorità italiane stanno ora prendendo di mira i piccoli velivoli utilizzati da organizzazioni di soccorso come Sea-Watch e Pilots Volunteers, aggiungendosi alle politiche esistenti per prevenire le navi gestite da organizzazioni non governative. Il 21 maggio, Le autorità italiane hanno multato Sea-Watch di 2.064 euro (circa 2.240 dollari). La prima multa ha fatto seguito ad un avvertimento da questo mese Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, ENAC) Qualsiasi utilizzo della sorveglianza aerea al di fuori del quadro normativo esistente comporterà sanzioni, compreso il fermo degli aeromobili.

Le squadre di soccorso sorvolano il Mediterraneo centrale con aerei Rileva e avvisa le imbarcazioni in pericolo Gli agenti e le imbarcazioni di salvataggio erano nelle vicinanze nella speranza di impedire l’annegamento. Questa sorveglianza aerea ha svolto un ruolo importante nel documentare le violazioni dei diritti umani nel Mar Mediterraneo, comprese le intercettazioni sconsiderate da parte della Guardia costiera libica e gli abusi forzati in Libia. così come le attività di Frontex, l’agenzia per le frontiere dell’UE.

Le operazioni di avvistamento continuano ora come al solito, ma l’interesse del governo italiano nell’intercettare le navi di soccorso potrebbe segnalare sfide simili per questi aerei in futuro.

Dall’inizio del 2023, le autorità italiane Continua la cattura delle navi di salvataggio Con scarsa giustificazione. nei tribunali Crotone, Ragusa, E catanese Alcuni di questi sequestri sono stati dichiarati illegali. Ma queste vessazioni da parte dello Stato hanno conseguenze finanziarie e reputazionali a lungo termine per i gruppi di soccorso e limitano la loro capacità di operare.

READ  ST Ali Italian Film Festival 2023 - Cosa guardare | ScreenHub Australia

Ciò include un’altra tattica comune per contrastare gli sforzi di recupero Designare porti remoti in cui le navi possano fermarsi tra ogni salvataggio, costringendoli a lunghi viaggi che li tengono lontani dalla regione del Mediterraneo dove sono più necessari. Se una nave di soccorso risponde a una chiamata di soccorso mentre è in rotta verso un porto designato, l’organizzazione può multare fino a 50.000 euro (circa 54.114 dollari) o sequestrare le navi.

Negli ultimi dieci anni, Più di 23.000 persone sono morti o scomparsi nel Mediterraneo centrale. Le autorità italiane devono essere consapevoli che ridurre le già limitate risorse di salvataggio costerà vite umane. E senza sorveglianza aerea ci saranno meno occhi attenti. Invece di bloccare ogni volta le operazioni vitali, l’Italia dovrebbe riconoscere e sostenere gli sforzi umanitari in mare.

Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News