L’Italia ha vinto la causa negli Stati Uniti per aver tentato di recuperare una statua di marmo

MILANO – L’Italia ha avuto successo legale nel tentativo di recuperare un’antica statua in marmo che sarebbe stata rubata mentre era in possesso di un antiquario di New York.

Il giudice ha respinto molti dei tentativi della galleria di sostenere che la condotta dell’Italia aveva perso la sua protezione ai sensi della legge sull’immunità sovrana straniera.

Il caso si applica alla legge patriottica italiana volta a proteggere il suo sostanziale patrimonio culturale, in contrasto con la pretesa di Safani di essere un acquirente giusto e onesto di una statua che è stata a lungo nel mercato dell’arte.

La statua è in possesso dell’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan, che l’ha sequestrata nel febbraio 2018 dopo che l’Italia ha affermato di aver trovato un elenco della galleria dell’ufficiale culturale italiano e di averla rubata.

Le forze armate italiane, una sezione dei Carabinieri dedicata alla conservazione del patrimonio culturale italiano, hanno rifiutato di commentare il caso. Anche il ministero della Cultura non ha risposto alle richieste di commento.

Leila Aminetole, che ha rappresentato l’Italia, ha affermato che la sentenza invia un messaggio forte alle società d’asta e ai distributori che cercano di minare gli sforzi delle nazioni sovrane per ripristinare il patrimonio culturale che ha trovato la sua strada nel mercato dell’arte.

Ha detto che questo è stato il terzo caso negli ultimi anni in cui i commercianti hanno cercato di citare in giudizio i governi stranieri per il loro coinvolgimento in questioni sospette. “Tutti e tre sono stati licenziati”, ha detto.

READ  L’Italia supera la Danimarca verso la qualificazione a Euro 2024

Nel suo caso, Safani ha affermato di aver esaminato le prove del capo galleria “e riteneva che la testa non fosse una proprietà rubata o che i diritti di qualcun altro fossero soggetti a rivendicazione”.

David Shoen, che rappresenta la Safani Gallery, ha affermato che il suo cliente è un “acquirente onesto e fiducioso” e che la galleria “agisce come un modello di corretta diligenza”. L’Italia non ha precedentemente affermato che il pezzo sia stato rubato, osservando che la statua è stata “ampiamente pubblicizzata ed esposta per decenni in mostre e aste a cui hanno partecipato funzionari italiani”.

L’avvocato ha detto che avrebbe presentato un reclamo rivisto e ricorso, se necessario.

Shoaib ha affermato che l’Italia eviterà di andare in tribunale per determinare “chi detiene il titolo legale dell’opera”, sostenendo che la statua è stata rubata e chiedendone la restituzione attraverso le forze dell’ordine statunitensi.

“Ogni cittadino americano onesto – uomo d’affari o collezionista – dovrebbe essere molestato sulla base dei fatti di questo caso”, ha detto.

La Safani Gallery riceverà un mero risarcimento nell’ambito di conferenze internazionali se il caso giudiziario sarà confermato di proprietà dell’Italia, ha affermato Shoen.

Secondo un caso giudiziario, l’antichità in marmo è stata scoperta in una corte romana durante gli scavi sponsorizzati dallo stato ed è stata trasferita al Museo Forense Antiquarium prima di essere elencata come perduta negli anni ’60.

La questione in questione è la data dello scavo – se è stato prima o dopo l’emanazione e l’attuazione della legge tradizionale italiana sulla conservazione del patrimonio culturale.

La causa di Gallery ha sostenuto che l’ufficio del procuratore distrettuale agiva come agente italiano nel sequestro della statua, il che avrebbe fatto perdere l’immunità all’Italia se avesse agito senza prove del furto della statua. Ma la corte ha detto che non c’erano prove che l’Italia “controllasse le attività dell’ufficio della DA”.

READ  Le vacanze estive sono "in pericolo" poiché Spagna e Italia potrebbero entrare nella "lista di Amber Watch" la prossima settimana

“In effetti, il rapporto dell’Italia con l’ufficio del procuratore distrettuale equivale a qualcuno che denuncia un crimine o qualcosa gli è stato rubato”, ha scritto il giudice.

In un caso simile, Amineddoleh ha rappresentato anche la Grecia, che è stata citata in giudizio da Sotheby’s per un massimo di $ 250.000 quando ha chiesto alla casa d’aste di ritirare dall’asta il cavallo di bronzo corinzio dell’VIII secolo. Sotheby’s afferma che la Grecia sta operando come entità commerciale cercando di fermare la vendita e quindi non è protetta da azioni legali.

La Grecia ha perso nel 2019, ma ha vinto in appello.

“La Grecia non ha una corte d’appello, la Grecia agisce secondo la sua legge tradizionale”, ha detto Aminodole, riferendosi a una legge per proteggere le sue antichità dal furto e dal contrabbando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto