L’Italia entra facilmente nei controlli di chiusura dopo aver registrato casi bassi di COVID-19

Buone notizie dall’Italia! Dopo diverse settimane di blocco, l’Italia si è rilassata e ha riaperto lunedì mentre i casi di COVID-19 in tutto il paese sono diminuiti in modo significativo. Tutti i bar, ristoranti e cinema del paese sono stati chiusi per diverse settimane a causa della crescente incidenza del virus. Ma ora il paese ha allentato le restrizioni di blocco.

Quattordici regioni d’Italia hanno ora lo status di “giallo”, che significa la zona di pericolo COVID-19 più bassa. Ma cinque regioni sono ancora al livello arancione, con una sezione della Sardegna in allerta rossa, secondo quanto riportato dai media locali.

Sebbene i ristoranti in 14 regioni possano gestire e intrattenere i clienti, nel paese è previsto il coprifuoco alle 22:00. Ora i musei e i teatri possono anche tenere eventi all’aperto e la capacità interna è limitata al 50%. Le scuole e le università delle zone gialla e arancione possono riaprire.

Il Colosseo, una delle principali attrazioni italiane, è ora aperto ai visitatori privati, ma i tour di gruppo sono ancora vietati. Nelle prossime settimane l’Italia allenterà ulteriori restrizioni, inclusa l’apertura di piscine e palestre.

L’Italia ha registrato quasi 3,98 milioni di casi positivi di COVID-19 dall’inizio dell’epidemia, mentre più di 120.000 hanno perso la vita a causa del virus.

READ  L'Italia nomina nuovi nomi per guidare le imprese sponsorizzate dallo stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto