SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’Iraq cerca di ritirare i soldi italiani per gli acquisti militari

GERUSALEMME: Le tensioni sono alte sul controverso caso sui diritti alla terra in cui 22 palestinesi sono rimasti feriti in scontri notturni con la polizia israeliana attaccata a Gerusalemme est, ha detto giovedì la Mezzaluna Rossa.
La polizia ha confermato 11 arresti nei recenti disordini che hanno scosso il quartiere di Sheikh Zarra vicino alla Città Vecchia di Gerusalemme, dove le controversie sulla terra tra palestinesi e coloni ebrei hanno acceso anni di ostilità.
Le proteste palestinesi, iniziate nella tarda mattinata di mercoledì, sono continuate fino al mattino presto.
Centri di contenzioso legale nelle case di quattro famiglie palestinesi su terreni rivendicati dagli ebrei.
All’inizio di quest’anno, un tribunale distrettuale di Gerusalemme si è pronunciato a favore delle case di proprietà di famiglie ebree, citando gli acquisti effettuati decenni fa.
Gli ebrei affermano che le loro famiglie hanno perso la terra durante la guerra creata da Israele nel 1948, che è stato un conflitto in cui centinaia di migliaia di palestinesi sono stati sfollati dalle loro case.
Le famiglie palestinesi coinvolte nel caso hanno fornito prove che le loro case sono state acquistate dalle autorità giordane che controllavano Gerusalemme Est dal 1948 al 1967.
La dea che ha fornito i documenti a sostegno delle affermazioni palestinesi è intervenuta nel caso.
Israele conquistò Gerusalemme Est nel 1967 e in seguito la annesse, cosa che era in gran parte non riconosciuta dalla comunità internazionale.
La sentenza del tribunale distrettuale ha fatto arrabbiare i palestinesi a Sheikh Zarra, che lo hanno visto come un ulteriore passo che vedono come un tentativo da parte degli ebrei di espellere gli arabi da Gerusalemme est.
Diverse settimane di scontri hanno portato a diversi arresti poiché la polizia ha visto l’uso di cannoni ad acqua puzzolenti e polizia antisommossa a cavallo.
La Corte Suprema israeliana ha ordinato alle parti di scendere a compromessi.
Sami Irshid, un avvocato per i palestinesi, ha proposto che Nahalat Shimon riconosca un membro di ogni famiglia palestinese coinvolta nel movimento di immigrazione come “inquilino protetto”.
Ritarderà temporaneamente lo sfratto fino alla morte dell’inquilino protetto, momento in cui la casa tornerà a Nahalat Shimon, ha detto Irshid.
“Rifiutiamo completamente questo”, ha detto Mona al-Kurt, uno dei residenti palestinesi.
“Gli immigrati vogliono che riconosciamo i loro diritti di proprietà, il che non è possibile”.
Jonathan Joseph, che lavora con Nahlad Simon, ha accusato le famiglie palestinesi di rifiutare “qualsiasi compromesso”.
“Questo è il loro problema”, ha osservato, aggiungendo che se la Corte Suprema si pronuncia a favore degli immigrati, le famiglie ebree faranno quello che vogliono in ogni complotto.
La Corte Suprema ha indicato che se le parti non sono in grado di raggiungere un compromesso, il tribunale distrettuale deciderà se i palestinesi possono appellarsi.
Il processo di appello può richiedere anni.
Mohamed Deef, il leader isolato dell’ala militare del gruppo islamico palestinese Hamas, ha emesso martedì un raro avvertimento pubblico che Israele avrebbe pagato un “prezzo alto” per il conflitto di Sheikh Zarra.
I palestinesi rivendicano Gerusalemme est come loro futura capitale, mentre Israele considera l’intera città come la sua “capitale indivisa”.
Il ministro degli Esteri palestinese Riyadh al-Maliki ha inviato una lettera alla Corte penale internazionale esortandola a “prendere una posizione chiara e pubblica contro i crimini commessi da Israele contro il popolo palestinese nelle vicinanze di Sheikh Zarra”.

READ  Vecchia rivalità aziendale si sviluppa tra i calciatori di Pontremoli e Soleira Abuana nei villaggi italiani