SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’Inghilterra abbandonerà presto quasi tutte le restrizioni sul coronavirus. L’Olanda mostra cosa può succedere dopo

Lunedì, l’Inghilterra eliminerà tutte le restrizioni legali relative al coronavirus in quello che molte persone hanno chiamato “Giornata della libertà”.

Le mascherine non sono più obbligatorie al chiuso e il distanziamento sociale sarà annullato Per la prima volta da settembre dello scorso anno, più di sei persone potranno mescolarsi al chiuso.

Ma con 50.000 nuovi casi di COVID-19 che si verificano ogni giorno nel Regno Unito attualmente – i numeri più alti dalla terza ondata britannica a gennaio – è il momento di farlo?

Il primo ministro Boris Johnson lo crede e sostiene la campagna di vaccinazione del suo governo – che ha visto più di due terzi di tutti gli adulti vaccinati due volte – per consentire che ciò accada e consentire la riapertura delle ultime attività chiuse, come i locali notturni.

Tuttavia, ci sono voci di dissenso, con molti esperti e professionisti medici che esprimono preoccupazioni sul fatto che la rimozione di tutte le restrizioni contemporaneamente potrebbe portare a un’infezione fuori controllo e consentire l’emergere di nuove forme di coronavirus – anche accettare i ricoveri dell’ufficiale medico capo inglese Chris White Hospital potrebbe raggiungere numeri spaventosi “presto.

I residenti della Gran Bretagna devono solo guardare oltre il Mare del Nord per vedere cosa è successo nei Paesi Bassi nelle ultime tre settimane e gli effetti devastanti della riapertura così rapida della vita normale, che ha portato a un aumento dei tassi di infezione di oltre il 500 per cento in una sola volta. settimana.

“Ci si può aspettare una bella estate”

A metà giugno, le infezioni da COVID-19 nei Paesi Bassi sono scese al livello più basso in nove mesi, sono stati somministrati 13 milioni di vaccini a una popolazione di 17,5 milioni di persone e sono stati aperti bar e ristoranti.

READ  I dipendenti taiwanesi lasciano Hong Kong a causa della richiesta di "una Cina"

Il primo ministro olandese ad interim Mark Rutte ha annunciato che entro la fine del mese non ci sarà più bisogno di mascherine.

Una giovane donna con lunghi capelli biondi indossa una maschera chirurgica blu in una strada di Amsterdam
I Paesi Bassi hanno abbandonato tutti i requisiti per le persone che indossano maschere in pubblico a giugno. (

Reuters: Eva Beliver

)

“Questo è un momento speciale”, ha detto.

“Sono stato qui molte volte per dirti cosa non puoi fare.

“Ma ora possiamo concentrarci su ciò che è possibile”.

Il 26 giugno verranno revocate anche la maggior parte delle restrizioni sulle dimensioni dei gruppi, consentendo il rispetto di 1,5 metri di distanza sociale e non ci saranno nuove restrizioni sul numero di persone ammesse in negozi, ristoranti o bar se lo sono o possono essere vaccinato. Invia un test COVID negativo.

Le mascherine protettive saranno comunque obbligatorie sui mezzi pubblici e negli aeroporti.

“Possiamo aspettarci una bella estate”, ha detto il signor Rutte.

Ma ha anche avvertito i residenti di rimanere vigili e che c’erano ancora molti dubbi in vista dell’autunno: “Puoi sempre essere pugnalato alle spalle da una nuova specie”.

Riaprono le discoteche e tornano i festival

Giovani donne che ballano a un festival di notte
Le autorità olandesi hanno chiuso club e festival dopo che un festival di musica all’aperto ha infettato 1.000 persone con il coronavirus, anche se per entrare era necessario un test negativo. (

Reuters: Eva Beliver

)

All’inizio di luglio sono state riaperte le discoteche e migliaia di giovani hanno affollato i festival musicali in tutto il paese.

Se disponi di un pass QR rilasciato dallo stato sul tuo smartphone che mostra che sei stato completamente vaccinato, guarito dal COVID-19 o recentemente risultato negativo, sei libero di festeggiare come i giorni prima della pandemia.

Uno degli eventi “entry test” è stato il Verknipt Festival di Utrecht che si è svolto il primo fine settimana di luglio.

Con 20.000 persone presenti, il festival di musica elettronica all’aperto non ha incluso né maschere né distanza sociale.

Anche il sindaco di Utrecht, Sharon Dijksma, ha preso una multa, dicendo all’epoca che la sensazione di avere così tante persone era “speciale e un po’ nervosa”.

Caricamento in corso

Ma due settimane dopo l’uscita di Verknipt, i risultati sono stati netti: è noto che circa 1.000 persone che hanno partecipato al festival hanno contratto il COVID-19 durante i due giorni dell’evento.

Dijksma si è scusata e ha detto che ora crede che il lasso di tempo di 40 ore per accettare i test negativi per entrare al festival fosse sbagliato.

“È stato un errore di giudizio”, ha detto mercoledì all’emittente olandese NOS.

L’infezione aumenta del 500 percento in una settimana

Prima che la merda del festival di Ferknypt venisse alla luce, il governo olandese aveva già iniziato a revocare le restrizioni.

Entro il 7 luglio, il ministro della Sanità Hugo de Jonge ha dichiarato che il governo ha riconosciuto un forte aumento delle infezioni – le nuove infezioni sono raddoppiate a 8.000 nella settimana terminata martedì 6 luglio – e ha chiesto consiglio urgente al team di gestione dell’epidemia del paese.

Entro il 9 luglio, solo nelle 24 ore precedenti erano stati registrati quasi 7.000 casi.

Circa tre quarti dei nuovi casi riguardavano giovani adulti e metà di questi casi erano della variante delta altamente trasmissibile.

Sebbene l’aumento delle infezioni non abbia portato a un aumento significativo dei ricoveri, De Jong ha affermato che potrebbe essere minacciato dall’aumento “senza precedenti” dei casi e il governo non ha avuto altra scelta che reimpostare le restrizioni sull’ospitalità.

Caffè, bar e ristoranti dovranno chiudere presto, sono stati reintrodotti il ​​servizio di distanziamento sociale e i posti a sedere fissi per i clienti.

I locali notturni sono stati nuovamente costretti a chiudere e tutti i festival e gli eventi di più giorni con grandi folle saranno annullati almeno fino al 14 agosto.

“Abbiamo avuto un pessimo giudizio”

Il primo ministro olandese Mark Rutte va in bicicletta fuori dai cancelli del palazzo circondato da fotografi
Dopo aver revocato le restrizioni e aver promesso che la nazione stava andando verso una “bella estate”, il primo ministro olandese Mark Rutte si è scusato per il suo “errore di calcolo”. (

Reuters: Berrochka van de Woo

)

Lunedì scorso, Rutte si è scusato e ha ammesso che le restrizioni sono state revocate troppo rapidamente.

“Quello che pensavamo fosse possibile, si è rivelato non fattibile”, ha detto.

“Abbiamo avuto un cattivo giudizio e ce ne rammarichiamo e ci scusiamo per questo”.

La misura che lui e il suo governo hanno preso ha suscitato critiche da tutto il paese, dalla popolazione in generale alle autorità sanitarie e ai partiti politici di opposizione.

Sylvana Simmons, a capo del partito BIJ1, secondo quanto riferito, ha affermato che il governo ha fatto una “scelta criminale” per mettere a rischio le persone.

La decisione di eliminare le restrizioni ha visto anche una causa intentata contro lo stato da circa 30 organizzatori di festival ed eventi, incluso il Gran Premio di F1 olandese.

Con i casi giornalieri di coronavirus che hanno raggiunto 51.870 venerdì nel Regno Unito, Boris Johnson spera che il suo paese non vivrà la stessa “bella estate” della sua controparte olandese.

con Reuters

Scarica il modulo…