HomescienceL’influenza aviaria diventerà il prossimo coronavirus?

L’influenza aviaria diventerà il prossimo coronavirus?

All’inizio di aprile, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno informato il pubblico che qualcuno in Texas era stato sottoposto al test positivo Per l’influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) o influenza aviaria. Questa persona ha sperimentato la congiuntivite – o occhi rossi – come unico sintomo dopo l’esposizione a mucche da latte che si presume fossero infette da HPAI. Si è trattato del secondo caso umano documentato di influenza aviaria negli Stati Uniti dal 2022 e ha accresciuto i timori di un’epidemia diffusa – o potenziale pandemia – negli esseri umani.

Cos’è l’influenza aviaria ad alta patogenicità?

I virus dell’influenza, che causano epidemie annuali di malattie respiratorie da lievi a gravi, non si limitano agli esseri umani. Alcuni sottotipi di influenza sono comuni tra… gli animali, compresi uccelli, maiali, cavalli, cani e pipistrelli. L’infezione in alcuni animali, come gli uccelli acquatici selvatici, può essere asintomatica (cioè nessuna malattia deriva dall’infezione) e questi animali sono considerati un serbatoio naturale del virus. Tuttavia, la trasmissione del virus ad altri animali, come allevamenti da cortile o pollame commerciale, potrebbe avere conseguenze devastanti.

Dal gennaio 2022 si è verificata in tutto il mondo la più grande epidemia di influenza aviaria mai registrata nella storia. Ad oggi, un sottotipo di influenza aviaria altamente patogeno – noto come H5N1 – è stato rilevato in più di 9.000 uccelli selvatici e ha infettato più di 90 milioni di polli in tutto il mondo. stato unito. Recentemente, il virus è stato identificato in alcuni mammiferi, comprese le mucche da latte, sollevando preoccupazioni sul fatto che possa adattarsi per una trasmissione più efficiente tra specie di mammiferi. Sebbene gli studi di sequenziamento non abbiano ancora dimostrato che ciò sia vero, il recente caso umano in Texas ha indotto alcuni a chiedersi: “L’influenza aviaria potrebbe portare alla prossima pandemia?”

In che modo l’influenza aviaria è diversa dal COVID-19?

All’inizio del 2020, un nuovo virus – ora noto come SARS-CoV-2 – ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo. Gli esseri umani non avevano alcuna immunità precedente a questo virus, non esistevano vaccini o trattamenti e la comprensione era limitata su come il virus viene trasmesso e sui meccanismi attraverso i quali provoca la malattia. Questi fattori hanno contribuito alla diffusione della pandemia di Covid-19, che ha provocato oltre 700 milioni di casi e 7 milioni di decessi in tutto il mondo. Sebbene l’influenza aviaria altamente contagiosa abbia il potenziale di causare grandi epidemie tra le popolazioni, esistono diverse importanti differenze nel virus dell’influenza aviaria che rendono meno probabile una pandemia globale delle dimensioni di COVID-19.

Conosciamo il virus H5N1 da quasi tre decenni

Il sottotipo di influenza aviaria altamente patogeno, H5N1, è stato identificato per la prima volta nel sud della Cina nel 2008. 1996 Durante un’epidemia tra gli uccelli acquatici domestici, furono infettate più di 850 persone, con un tasso di mortalità superiore al 50%. Da allora, questo virus influenzale, così come altri sottotipi a bassa e alta patogenicità, ha causato epidemie di malattie tra gli animali e, meno frequentemente, negli esseri umani. Ciò ha consentito a ricercatori, specialisti in malattie infettive e funzionari della sanità pubblica di studiare questi virus e ottenere preziose informazioni sulla loro trasmissione, patogenesi e potenziali trattamenti.

Alcuni test antinfluenzali esistenti rileveranno l’influenza aviaria

Una delle sfide più significative durante le prime settimane della pandemia di COVID-19 è stata l’impossibilità di identificare le persone infette. Ciò ha consentito ai casi di non essere diagnosticati e ha portato alla diffusione del virus. Al contrario, alcuni dei test che attualmente utilizziamo per diagnosticare l’influenza umana – in particolare i test molecolari (come la PCR) – rileveranno ceppi di influenza aviaria, incluso l’H5N1. Tuttavia, la maggior parte di essi non è in grado di sottoclassificare il virus. In altre parole, gli attuali test influenzali possono dirci che siamo infetti dal virus dell’influenza, ma non sono in grado di distinguere tra un sottotipo umano comune, come H3N2, e un sottotipo aviario, come H5N1. Il CDC sta attualmente collaborando con produttori di test e laboratori clinici per sviluppare test specifici per ceppi di influenza aviaria altamente patogeni.

Siamo all’avanguardia nella produzione di vaccini e farmaci antivirali contro l’influenza aviaria

Poiché conosciamo l’HPAI da quasi tre decenni, ciò ha dato ai ricercatori tempo sufficiente per indagare e sviluppare strumenti per la prevenzione e il trattamento. Esiste un candidato vaccino contro il virus H5N1 studi Ha dimostrato che dovrebbe suscitare una forte risposta immunitaria contro il sottotipo di influenza aviaria attualmente circolante. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno condiviso questo candidato vaccino con i produttori di vaccini, in modo che la produzione e la distribuzione possano avvenire rapidamente, se necessario. Inoltre, esistono diversi farmaci antivirali approvati dalla FDA che vengono utilizzati per trattare l’influenza umana Dati Nota che questi trattamenti sono efficaci anche contro il virus dell’influenza aviaria. I farmaci antivirali esistenti aiuterebbero a ridurre le gravi infezioni da influenza aviaria, nonché i decessi.

Cosa potete fare per contribuire a prevenire le epidemie di HPAI negli esseri umani?

Anche se il rischio attuale di epidemie di HPAI negli esseri umani è basso, ci sono ancora diversi passi da compiere. Innanzitutto, evitare il contatto con animali, in particolare uccelli o bestiame, malati o morti. Se devi entrare in contatto con questi animali, indossa una protezione per gli occhi, un respiratore N95 e guanti. Infine, sottoponiti al test per l’influenza e informa i funzionari sanitari pubblici locali o statali se sviluppi sintomi – tra cui mal di gola, tosse, febbre, dolori muscolari o congiuntivite – dopo l’esposizione a un animale che potrebbe essere infetto da HPAI.

READ  L’appetito per i microbi oceanici può alimentare la tecnologia di rimozione dell’anidride carbonica marina
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News