HomeentertainmentL'incantevole dramma sulla guerra civile di Robert Minervini

L’incantevole dramma sulla guerra civile di Robert Minervini

I film ben realizzati del regista italiano Roberto Minervini, che includono opere come Smetti di battere il cuore, l’altra parte E Cosa farai quando il mondo sarà in fiamme? Mi sono sempre seduto nella vaga zona grigia tra finzione e documentario.

Gli attori non professionisti interpretano se stessi, o versioni di se stessi, in narrazioni che sembrano essere state create a partire dalle loro stesse vite. E mentre le location sono sempre luoghi reali, concentrandosi su ampie zone del sud americano – come suggerisce il suo nome, Minervini è italiano, ma vive negli Stati Uniti dal 2000 – il regista li trasforma in affascinanti fondali per i suoi crudi racconti di povertà. . E abbandono.

Il maledetto

Linea di fondo

Le rievocazioni di guerra sono dolorosamente minime.

posto: Festival del cinema di Cannes (Che sguardo)
eiaculare: Jeremiah Knopp, Renee W. Solomon, Cuyler Ballinger, Noah Carlson, Judah Carlson, Tim Carlson
Regista, sceneggiatore: Roberto Minervini

1 ora e 28 minuti

I suoi ultimi film, Il maledetto, non è tecnicamente un documentario: è ambientato nel 1862 al culmine della Guerra Civile e segue un gruppo di soldati dell’Unione che esplorano proditoriamente territori inesplorati in Occidente. Tuttavia, se una troupe televisiva potesse essere inviata nel passato per catturare un evento del genere, il risultato sarebbe qualcosa di simile a ciò che Minervini presenta in questo film di guerra sorprendentemente realistico.

“Vero” nel senso che non c’è molta azione tranne una scena di battaglia lunga e mortale, mentre il resto del film coinvolge principalmente soldati seduti ad ammazzare il tempo, come spesso accade in guerra. È vero che il cast è composto da uomini comuni che interpretano questo ruolo, soprattutto quelli che indossano la divisa blu scuro dell’Unione, ma parlano più o meno come parlano gli uomini di oggi. Quindi, ancora una volta, stiamo fluttuando da qualche parte tra realtà e fantasia, per così dire Il maledetto Era una capsula del tempo del passato lavata alla luce del presente.

READ  Lauren Graham ricorda di "essersi nascosta" ai paparazzi prima di rendersi conto che non erano lì per lei

Quella luce è certamente lusinghiera, dato che il direttore della fotografia Carlos Alfonso Corral (che ha anche composto la musica) filma le truppe in splendide composizioni poco profonde in cui gli splendidi fondali del Montana sono leggermente sfocati. L’estetica ricorda le opere di Terrence Malick il nuovo mondo E Alexander Iñárritu Il ritorno – Entrambi sono stati girati dal grande regista Emmanuel Lubezki – che ha combinato il realismo storico con uno stile naturalistico aumentato, trovando una bellezza indescrivibile nel passato turbolento e violento dell’America.

in alcuni modi, Il maledetto Sembra una versione discreta e ridotta di quei film, con uomini stanchi che parlano tra loro di Dio o di cose più banali, mentre aspettano che la morte arrivi dal nulla e li porti via. Ciò avviene circa mezz’ora dopo l’inizio dell’azione, quando i soldati cadono improvvisamente in un’imboscata nel loro accampamento, che porta ad un lungo e affascinante scontro a fuoco durante il crepuscolo. Potrebbe essere una delle sequenze di battaglia più belle degli ultimi tempi.

Non è mai stato chiarito esattamente chi stia attaccando l’esercito dell’Unione, e Minervini sembra meno interessato ai dettagli storici che a catturare un caso specifico di perdita e confusione tra le truppe. “Stiamo uccidendo altre persone, altri americani”, si è lamentato un soldato con gli altri, ricordando loro, allo stesso modo di Alex Garland. Guerra civileanche se in modo meno esplicito, che attualmente viviamo in un Paese diviso.

Sebbene non ci siano personaggi principali per la maggior parte della storia, il film si concentra infine su quattro soldati che si staccano dal resto della squadra per esplorare un percorso attraverso le montagne. Invece di morire insieme in una battaglia finale, gradualmente si allontanano nella nebbia di una guerra che non potranno mai comprendere appieno, sperando di fare più bene che male e che Dio si dedicherà a salvarli.

READ  Proprietà calda: cinque case in vendita sulle passerelle costiere

Ma come suggerisce il titolo, questi soldati potrebbero essere stati maledetti fin dall’inizio. Quando ad un certo punto siamo tornati al campo originale, tutto ciò che rimaneva erano corpi a terra, in immagini che ricordavano le splendide fotografie di Matthew Brady dei campi di battaglia della Guerra Civile. Minervini ci lascia con la sensazione che, sebbene l’Unione, ovviamente, abbia vinto la guerra, la sua vittoria riporterebbe l’America dove si trova ora, sull’orlo di un’altra grande divisione. Come scrisse Faulkner: “Il passato non è mai morto, non è nemmeno il passato”.

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News