SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’ex commissario Edo Obasek ha confermato il suo arresto in Italia

Osas Oshemvengi-Euro

Osas Oshemvengi-Euro

Jethro Ibilke

Osas Osamwengi-Ero, l’ex commissario per le arti, la cultura, il turismo e l’immigrazione nello stato di Edo, ha finalmente rilasciato il governatore Godwin Obaseki e il suo governo in relazione al suo arresto e detenzione in Italia.

Osamwenki-ero, che è tornato in Benin lunedì dopo più di un anno di carcere, ha affermato che la sua detenzione non aveva nulla a che fare con il governo statale e il governatore Obasek.

Quando è stato arrestato ad Amsterdam e detenuto dal governo italiano, ha spiegato che era in visita ufficiale in Germania nel 2019 per un incontro sulla campagna di restauro artistico del Benin.

Dopo la sua detenzione, diversi rapporti hanno fornito diverse ragioni per il suo arresto, con alcuni che hanno accusato il governatore di aver sottratto 2 milioni di dollari.

Ma l’ex commissario, che ha elogiato il governatore Godwin Obaseki per il suo sostegno e la sua preoccupazione durante il processo in Italia, ha affermato di essere caduto vittima della discriminazione razziale e della manipolazione dell’avvocato più corrotto della magistratura italiana.

Ha detto: “Il mio arresto e la mia detenzione non avevano nulla a che fare con il governatore o il governo di Edo, ed ero in viaggio ufficiale in Germania per recuperare i manufatti rubati.

“L’arresto non ha nulla a che fare con il riciclaggio di denaro. Mi chiedo perché la gente direbbe che sono stato arrestato con 2 milioni in tasca o in valigia per il governatore.

“Il governatore è troppo grande per questo. Era già ricco prima di diventare governatore dello stato; era un banchiere di investimenti, non può farlo; è una politica primitiva”, ha detto.

READ  L'Italia ordina un'indagine sui pubblici ministeri per corruzione nigeriani

Parlando inoltre, l’ex commissario ha annunciato l’intenzione di condurre una protesta presso l’ambasciata italiana per il rilascio di oltre 300 giovani nigeriani, che sono stati detenuti illegalmente nelle carceri italiane con l’accusa di reati legati alla mafia.

Secondo lui, “più di 300 giovani nigeriani sono stati illegalmente arrestati e incarcerati nelle carceri italiane con false accuse legate a reati di mafia.

“Ho una lista di tutti loro e mi terrò in contatto con le loro famiglie; ho promesso loro che non saranno dimenticati.

“Faremo una campagna contro il corrotto sistema giudiziario italiano. Nelle prossime quattro settimane organizzerò una protesta presso l’ambasciata italiana”.

“Il sistema giudiziario in Italia è complesso e pieno di corruzione, e si occupano del sistema giudiziario perché sanno che a nessuno importa dei nigeriani”, ha osservato.