SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’esultanza del gol di Pesina torna a fare scalpore in Italia

LONDRA, 29 giugno (AP) L’esultanza per il gol di Matteo Pescina – il primo tuffo in faccia a terra con le mani quasi appiattite di lato – ha reso molto emozionante il ritorno a casa in Italia.

Esattamente.

Il 24enne centrocampista si è unito alla sua nazionale per il Campionato Europeo solo dopo che un altro giocatore si è infortunato, diventando il gol della vittoria nei tempi supplementari nel 16° turno contro l’Austria.

“È la cosa più arbitraria del mondo. Non so se è successo davvero. Ho fatto la cosa più stupida che mi venga in mente”, ha detto Pesina.

“Anche sulla spiaggia, ricevo video di persone che lo seguono. Questo è così meraviglioso. ”

Non male per uno che quattro anni fa giocava in terza divisione italiana, a volte anche facendo fatica a costruire una squadra.

“C’è stato un periodo in cui ero in serie C, non giocavo, ho anche pensato di smettere. Ma ho continuato per amore di questo gioco”, ha detto Pesina lunedì.

“Il calcio è sicuramente il mio lavoro, ma adoro quello che faccio per me stesso”.

Il gol di Pesina al Wembley Stadium di Londra 2-1 è la seconda partita che ha segnato a Euro 2020. Ha segnato anche nella partita precedente, vincendo 1-0 contro il Galles nella fase a gironi.

“Quando ho segnato contro il Galles, i miei nonni stavano aspettando di andare in Sardegna e stavano guardando una partita al bar”, ha detto Pesina.

“Mio nonno ha detto a tutti che ero suo nipote e gli hanno dato da bere”.

Pesina, che gioca per il club italiano ad alto punteggio Atlanta, è stato inizialmente lasciato fuori dalla rosa dei 26 uomini dell’Italia, ma è stato chiamato in ritardo a seguito di un infortunio a Stefano Sensei. Ha guadagnato quel posto segnando i suoi primi due gol per la squadra nazionale nella partita calda di Euro 2020 contro il San Marino.

READ  Baby Olli di The Woodlands, Italia per cure salvavita

“Ho iniziato come 27esimo uomo, ma non ci ho pensato molto perché mi sono sempre sentito parte di questo gruppo, anche come 27esimo uomo”, ha detto Pesina.

“Il mister mi ha chiesto di rimanere in squadra per i primi giorni e vedere come sono andate le cose. Poi, come sapete, Stefano si è infortunato e io sono stato aggiunto alla squadra.

“Ma mi sono sempre sentito parte di questa squadra fin dalla prima chiamata. La cosa buona di questa squadra è che l’allenatore riesce ad essere importante per tutti”.

Pessina ha iniziato la formazione più alterata contro il Galles, l’Italia era già arrivata agli ottavi del torneo ed è stato portato in alternativa contro l’Austria.

I suoi due gol nelle ultime due partite a Euro 2020 avrebbero potuto fargli guadagnare un posto nella formazione iniziale per i quarti di finale di venerdì contro il Belgio, capolista in classifica, che domenica ha battuto il Portogallo.

“Contro il Belgio sarà un’altra partita dura, forse ancora di più. Non solo per la salute, ma anche per la qualità”, ha detto Pesina.

“Se vogliamo andare avanti, se vogliamo arrivare fino alla fine, dobbiamo affrontare squadre forti. Ci sono solo squadre forti a questo punto” (AP) APA


Dichiarazione di non responsabilità: – Questa storia non è stata modificata dallo staff di Outlook ed è stata generata automaticamente dai feed delle agenzie di stampa. Fonte: PTI


Altro dalla rivista Outlook