SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’esilarante ed esilarante “Benedetta” di Paul Verhoeven torna contro una nuova ondata di intolleranza

Racconta la vera storia di una suora gay italiana medievale che ebbe visioni di Gesù, Benedita È portato sullo schermo, naturalmente, da Paul Verhoeven, regista Spettacolo di ragazze. come questo film, Benedita Presenta un personaggio principale lussurioso di un’ambizione quasi folle che raggiunge un nuovo ambiente e lo fa funzionare per esso. a differenza di le ragazze mostranoE il Benedita Serve anche come critica alla religione patriarcale organizzata, in particolare al cattolicesimo, poiché manomette e imprigiona i corpi delle donne.

Attrice dall’enorme padronanza di sé, Virginie Evera all’inizio sembra inaspettatamente inadatta all’erotismo spesso impenitente di Benedetta Carlini. Questo giovane viene circondato da Bartolomea (Daphne Patakia), una nuova rude novizia. Mentre Benedetta intraprende una relazione sessuale illecita con Bartolomea, inizia anche ad avere sempre più visioni, convincendo molti dei suoi ordini che è un miracolo. L’abate (Charlotte Rampling) era meno convinta, soprattutto quando Benedetta iniziò a sfidarla per la più alta carica.

C’è molto – molto – nel nuovo film di Paul Verhoeven, che in vari punti mostra un Gesù sexy che uccide i serpenti con una spada, una donna incinta che sgorga latte materno davanti a un cardinale, un uomo di spettacolo che dà fuoco alle scoregge e un dildo invertito da una croce. Il film offre una seria considerazione del posto delle donne nella nostra società, offrendo uno sguardo critico ai padri che vendono le loro figlie a un monastero e ai vari uomini che tentano di sottomettere le donne. Allo stesso tempo, è anche una commedia esilarante e sinistra sulla morale con una vera patina appuntita. “Non c’è assolutamente alcun miracolo a letto, credimi” di Charlotte Rampling è stato il preferito di questo recensore.

READ  Scopri un profondo ringiovanimento in Italia

Infine, il film presenta una divertente sfida al palato esigente. Le visioni di Benedetta sono assurdamente stereotipate e da telenovela. Il cielo viola sul monastero quando una cometa visita la cittadina sembra esilarante mentre tutti escono. Tutte le suore, urlando, indossano un viso pieno con il trucco (!) sotto i brufoli. Benedita È una corsa sulle montagne russe di un film, la cui giocosa audacia è un richiamo dell’anima. (Le persone religiose potrebbero pensarla diversamente. Divulgazione completa: chi scrive è un infedele pagano.)

Non appena Benedetta prende il comando del monastero, la congiura comincia a funzionare. L’ex titolare porta a Roma il caso di blasfemia e reato sessuale di Benedetta, per vedere deposta la suora. È qui che Verhoeven brilla di più. Ancora una volta, dopo Sharon Stone in Istinto primitivo, Elizabeth Berkeley in le ragazze mostrano e Isabelle Hubert in Lui lei, Ci ritroviamo a fare il tifo per qualcuno la cui morale è altamente discutibile perché le probabilità sono così alte contro di loro. Aiuta che Virginie Evira dia tutto il suo cuore e la sua anima a questo personaggio. Con il suo volto misterioso che non tradisce mai alcun segno delle sue motivazioni e il suo corpo dedicato a mostrare le motivazioni di qualcuno per prendere il potere, raffigura qualcuno con completa fiducia in se stesso, la cui ribellione è chiaramente pericolosa. Ancora più singolare è la voce che Evira evoca, un potente ruggito dal profondo, quando sfida l’autorità e incarna (o falsifica) la voce di Dio stesso. Charlotte Rampling offre una prospettiva affascinante su questa performance, dandoci una suocera che era politicamente abile, ma poi si rende conto di come la sua situazione non possa proteggerla da una presa di potere da parte degli uomini.

READ  Beautiful and Geek: Sam e Aira vengono eliminati

BeneditaTroppe prelibatezze da elencare e rovinerebbero la gioia del film nel descrivere le sue scene più forti con troppi dettagli. Ma in un momento in cui una grande ondata di fanatismo sembra invadere il cinema, e tanti registi sembrano soffrire di buoni costumi codificati, questa assurda, sinistra audacia divertimento Il film offre un grande piacere alla mente e ai sensi.

Bendita È stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes 2021.


Trailer: “Blue Bayou”, “Cryptozoo”, “Memoria” e “Habit” | “American Horror Stories” probabilmente non darà a Ryan Murphy abbastanza tempo per saltare i binari

Fonte immagine del titolo: Pathé