SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’epidemia britannica fa temere una carenza di cibo | Notizie sulla pandemia del virus corona

Supermercati, grossisti e vettori del Regno Unito stanno lottando per garantire forniture stabili di cibo e carburante dopo che un’app sanitaria ufficiale ha chiesto a centinaia di migliaia di lavoratori di autoisolarsi dopo essere entrati in contatto con qualcuno con COVID-19.

Giovedì, i giornali hanno pubblicato immagini in prima pagina di scaffali vuoti nei supermercati, mentre gli acquirenti si sono rivolti anche ai social media per evidenziare la carenza di alcuni prodotti nei negozi di tutto il paese.

E l’agenzia di stampa Reuters ha riferito che il cibo era ampiamente disponibile nei negozi della capitale, Londra, anche se c’erano alcune carenze di acqua in bottiglia, bibite, alcune insalate e prodotti a base di carne.

Il secondo gruppo di supermercati del Regno Unito, Sainsbury, ha affermato che i clienti saranno generalmente in grado di trovare i prodotti che desiderano, anche se forse non tutti i marchi.

Il ministro degli affari Kwasi Quarting ha dichiarato a Sky News britannico che il governo è “estremamente preoccupato per la situazione”, rispondendo alle segnalazioni di scaffali vuoti nei negozi in alcune aree.

Ha aggiunto che i funzionari stanno monitorando da vicino gli eventi.

Problemi di disponibilità

I commenti di Kwarteng sono arrivati ​​dopo che diverse aziende hanno avvertito che la situazione stava diventando disastrosa, con le catene di approvvigionamento ostacolate dal numero di lavoratori in quarantena nel corso della cosiddetta “pandemia” nel Regno Unito.

Con i tassi di infezione in aumento a livello nazionale, centinaia di migliaia di persone sono state sottoposte a “pressione” dall’app del SSN, a cui è stato detto di rimanere a casa fino a 10 giorni dopo essere state registrate a stretto contatto con qualcuno che è risultato positivo al coronavirus.

READ  Unione Europea: misure epidemiologiche totali, circa 5,85 trilioni di dollari

A più di mezzo milione di persone è stato chiesto di autoisolarsi solo nella prima settimana di luglio – il numero settimanale più alto da quando l’app è stata lanciata nel settembre 2020 – e quel numero continua a salire.

I dati ufficiali hanno mostrato giovedì che a quasi 620.000 persone in Inghilterra e Galles è stato chiesto di isolare nella settimana terminata il 14 luglio, la stragrande maggioranza delle quali in Inghilterra.

È arrivato dopo che l’Autorità per l’industria della carne ha avvertito mercoledì che le catene di approvvigionamento alimentare della Gran Bretagna erano “sull’orlo del collasso”, poiché le assenze legate al COVID-19 hanno esacerbato la grave carenza di manodopera.

Nel frattempo, il gruppo di supermercati islandese ha annunciato di aver chiuso alcuni negozi a causa della carenza di personale.

“Abbiamo un problema strutturale con i mezzi pesanti [heavy goods vehicles] “I driver sono per vari motivi diversi, ma ovviamente l”epidemia’ ha peggiorato le cose”, ha detto Richard Walker, amministratore delegato, all’emittente britannica ITV.

“Stiamo iniziando a vedere alcuni problemi di disponibilità.”

La compagnia petrolifera britannica BP ha dichiarato di aver dovuto chiudere temporaneamente alcuni siti a causa della carenza di carburante, con la carenza di autisti di camion pesanti aggravata dall’isolamento COVID-19.

Riapertura segnata da “epidemia pingdemica”

Lunedì, la mossa del primo ministro britannico Boris Johnson di allentare ulteriormente le restrizioni al blocco del coronavirus in Inghilterra e rilanciare l’economia del paese colpita dalla pandemia è stata danneggiata dal numero di persone che ora si autoisolano.

Gli avvisi dell’app, che sono consultivi ma non legalmente vincolanti, hanno causato notevoli disagi ai settori dell’ospitalità, della produzione e dei media, nonché alla rete di trasporti, alle scuole e al sistema sanitario del Regno Unito.

READ  In che modo i cambiamenti politici in questi tre paesi influenzeranno il continente - BRINK - Conversazioni e approfondimenti sul business globale

I ministri hanno affermato che il sistema svolge un ruolo importante nella lotta alla diffusione del virus con l’aumento del numero di casi di COVID-19 nel Regno Unito, con oltre 44.000 nuove infezioni registrate mercoledì.

Tuttavia, nel tentativo di allentare la pressione su alcuni settori, lunedì il governo ha annunciato che avrebbe consentito ai lavoratori in alcuni ruoli critici di continuare a lavorare nonostante fossero “stressati” se fossero stati completamente vaccinati.

I funzionari hanno affermato che le esenzioni saranno “considerate caso per caso”, con i datori di lavoro che dovranno presentare domande per conto dei dipendenti e che non verrà stilato un elenco completo dei lavoratori critici ammissibili.

Si prevede un aumento dell’infezione

Andrew Obe, direttore del settore alimentare e sostenibilità presso il gruppo di lobby del settore, il British Retail Consortium, ha invitato il governo ad agire rapidamente.

“I lavoratori al dettaglio e i fornitori, che hanno svolto un ruolo vitale durante questa pandemia, dovrebbero essere autorizzati a operare a condizione che siano vaccinati due volte o risultino negativi per COVID, per garantire che non vi siano interruzioni alla capacità del pubblico di ottenere cibo e altri beni, ” Egli ha detto.

Sebbene i test di contatto per l’autoisolamento dell’applicazione NHS siano solo consultivi, chiunque in Inghilterra entri in contatto diretto tramite il servizio Test and Trace deve per legge autoisolarsi per 10 giorni.

Il Regno Unito ha il settimo numero di morti al mondo per COVID-19 e si prevede che il tasso di nuovi casi aumenterà drasticamente dopo la recente revoca delle restrizioni in Inghilterra, che Johnson ha descritto come “Giornata della libertà”.

READ  I manifestanti del Primo Maggio chiedono maggiori protezioni sul lavoro in mezzo alla pandemia

Ma un programma di vaccinazione rapido che ha visto l’87 percento degli adulti ricevere almeno una dose di vaccino e oltre il 68 percento delle persone completamente vaccinate finora sembra aver indebolito il legame tra infezione e mortalità.

I decessi giornalieri sono rimasti bassi nelle ultime settimane rispetto alle precedenti ondate dell’epidemia.