Leonard Manzella parla del suo primo documentario, “Shoe Shine Caddie” – Variety

Quando il regista di documentari Leonard Manzella presenterà in anteprima il suo pluripremiato film “Shoe Shine Caddie” al Portobello Film Festival di Londra il 16 settembre, segnerà una sorta di ritorno alle radici dell’ex attore sulla scena cinematografica internazionale.

Manzella è stato un terapista familiare professionista negli ultimi 30 anni in California, e la sua precedente carriera è iniziata quando il nativo di Angeleno lasciò Los Angeles per Roma nel 1968 “quando tutto stava bruciando”. Poco più che ventenne, e armato di “nessun legame e circa 50 dollari in tasca”, un’introduzione fortuita all’attore americano Brett Halsey ha portato Manzella al cinema, prima come comparsa e infine come protagonista.

Halsey, che sbarcò a Roma negli anni ’60 e lavorò stabilmente nei thriller europei e nella fiorente scena degli spaghetti western, lavorò spesso sotto i soprannomi di Montgomery Ford e Leonard Manzella, diventando meglio conosciuto come Leonard Mann.

Per gentile concessione di Leonardo Manzella

“Sono andato a Roma per studiare scienze politiche, ma un amico a Los Angeles mi ha chiesto di contattare Halsey e tramite lui ho ottenuto il mio primo lavoro nel cinema, dove ho lavorato dieci giorni in più. Nel mio primo film, ‘La marcia della giovinezza’, c’era un giovane direttore della fotografia di nome Vittorio Storaro e ci stavamo unendo,” ricorda Manzella. “Questo accadde 10 anni prima che iniziasse a vincere gli Oscar!”

Nei suoi primi giorni a Roma, Manzella incontrò anche la maggior parte dei leggendari compositori italiani dell’epoca, tra cui Pier Paolo Pasolini, Luchino Visconti e Vittorio De Sica, il cui capolavoro neorealista italiano Umberto D. si rivelò un’influenza decisiva. Su Manzilla.

Durante la sua permanenza nel continente, Manzella si è ritrovato a recitare al fianco di luminari europei come Laura Antonelli e Marcello Mastroianni (nello frizzante dramma romantico “Wifemistress” nel 1977) e accanto alla leggenda del cinema Klaus Kinski in “La vendetta è un piatto servito freddo”. Che è citato come una grande influenza su un altro regista italo-americano, Quentin Tarantino.

Manzella rimase deluso dall’industria cinematografica europea, che, come ricordava, dovette affrontare enormi sfide economiche derivanti da uno dei regolari cambi di governo in Italia.

Si passò dall’estrema sinistra all’estrema destra e all’improvviso le tasse misero a dura prova il cinema italiano. Ha eliminato grandi produttori come Carlo Ponti e Dino De Laurentiis.

Così, Manzella è tornato nel sud della California dove ha recitato nel popolare programma televisivo “Charlie’s Angels”, ha recitato in thriller di routine come “Night School” e con Harvey Keitel in “Order of Death”.

Una grande partnership creativa sbocciò da quel momento difficile quando Manzella alla fine cambiò rotta negli anni ’80 e divenne un terapista familiare praticante, un campo che lui e la collega Lynn, la moglie del terapista familiare, perseguirono nell’area di San Luis Obispo per tre decenni.

“Diventai amico del regista Monty Hellman, che viveva a Malibu in una casa di proprietà di mio fratello Ray. Monty era davvero l’erede spirituale di questi registi europei che ammiravo. E mentre De Sica aveva realizzato un lungometraggio intitolato Umberto D , che sembrava un documentario, Monti si ispirò ai neorealisti italiani come De Sica ed Ermanno Olmi.

Manzella rinunciò presto all’opportunità di lavorare con Hellman, poiché era stato impegnato a lavorare su un’opera di Pirandello in Sicilia nel 1978, quando Hellman mise in scena il suo, un po’ tardivo, spaghetti western “China 9, Liberty 37” con la star italiana Fabio Testi in Spagna. E Roma.

Ma Helman e Manzella sono diventati amici e collaboratori cinematografici, con Manzella che è apparso nel thriller horror di Helman del 1989 Silent Night, Deadly Night 3: Better Watch Out, e hanno lavorato insieme su diverse sceneggiature che devono ancora trovare la loro strada. lo schermo.

La loro amicizia e collaborazione includevano la visione costante di film e conversazioni costanti su film e fotografia.

“Monty mi portò ad alcune proiezioni dei suoi film ‘La sparatoria’ e ‘Cavalcata nel turbine’ e, come nel caso di De Sica, rimasi affascinato dai suoi film. Erano molto semplici e andavano al punto. Mi costringeva a vedere cose che Normalmente non mi prenderei il tempo per guardarla.” “C’è una scena della cena in ‘Ride’ in cui nessuno parla, e mi ha reso nervoso. Mi ha ricordato la mia famiglia!”

Per Manzella, il mondo dello spettacolo di Los Angeles negli anni ’80 non aveva il fascino magico che aveva Roma negli anni ’60. “A Roma, si trattava di vita, di donne, di libri e di politica, e di tutto ciò che è bello nell’essere giovani e impegnati nell’arte. A Los Angeles, era tutto solo il dannato affare successivo. L’insoddisfazione per l’industria ha portato alla consulenza familiare.

Manzella e Hellman vivevano nella California centrale, erano ancora a Los Angeles, e rimanevano vicini l’uno all’altro. Manzella si avvicinò alla produzione di una versione cinematografica della sua opera teatrale Cages, ispirata al suo lavoro di psicodrammaterapia con i condannati a morte nel carcere di Los Angeles. sistema penale in California. .

Hillman morì poi nel 2021 all’età di 91 anni.

Per gentile concessione di Leonardo Manzella

“‘Shoe Shine Caddie’ è nato grazie a qualcosa che Monty Hillman diceva: ‘Se commuove te, commuoverà il pubblico’”. Quindi “Shoe Shine Caddie” è nato dalla mia curiosità per Adrian Spears, un uomo che conosco “Ho visto scarpe lucide da avvocati davanti al St. Luis Obispo. L’ho visto a 100 piedi di distanza. Indossava un grembiule rosso vivo, una camicia inamidata, ballava spesso e portava una bombetta. Chi è questo, mi sono chiesto” , e le mie scarpe brillavano. Non sapevo che fosse un senzatetto. San Luis è la città dei Wonder Breads. Quindi si è davvero distinto.

Manzella convinse la Spears a raccontare la sua storia nel film. La Spears era un senzatetto e teneva i suoi vestiti immacolati in un magazzino fuori città. Stava cercando di ottenere l’affidamento congiunto della sua giovane figlia, avuta da una relazione occasionale.

“Fin dall’inizio Adrian era un soldato”, ricorda Manzella. “Gli ho detto che ti avrei ficcato la testa su per il culo, e lui ha capito di cosa si trattava, ma pensava che il film avrebbe potuto aiutare la sua causa dandogli un po’ di fama locale. E pensava che fossi solo un vecchio idiota che pensava lui era Spielberg e pensava che fossi pieno di stronzate, ma perché non provarci?

Il regista Manzella ha affrontato sfide mentre la Spears lottava sia con la sua battaglia per la custodia, che alla fine ha perso (avviso spoiler), sia con le sue battaglie per tutta la vita contro l’abuso di alcol, che, come è noto, è una battaglia quotidiana.

“Adrian cadeva fuori dai binari e beveva, ma tornava sempre indietro. Vedi questo, e vuoi puntare la fotocamera sul tuo soggetto e lasciare che la vita accada e non vuoi intrometterti, ma vuoi Non è stato facile per lo psicoterapeuta che è in me, ma ero… so nel mio cuore che dovrei restare fuori da questo ruolo ed essere solo un osservatore.

Il risultato di mesi di interviste schiette e di osservazioni silenziose e penetranti è stato un piccolo gioiello che è stato presentato in anteprima al San Luis Obispo Film Festival e ha vinto il primo premio per il miglior film della California centrale, che era essenzialmente un premio del pubblico.

Per gentile concessione di Leonardo Manzella

Ciò ha portato a una corsa di tre settimane presso la casa d’arte della città, il Palm Theatre, e tutti i proventi sono stati donati ai 40 rifugi per senzatetto di Prado Road. È stato anche nominato tra i primi dieci film al recente Maine International Film Festival, e sarà proiettato di nuovo questo novembre a Waterville, nel Maine, per raccogliere fondi, questa volta per un rifugio per senzatetto locale nel Maine.

Per quanto riguarda Adrienne Spears e la figlia che ha lottato così duramente per avere nella sua vita, Manzella dice con gioia: “La famiglia che l’ha adottata ha permesso ad Adrienne di rimanere nella loro vita. Ha capito cosa era meglio per lei, ma li ha supplicati, ‘ Per favore, non escluderla dalla mia vita.'” “Questo film mi ha fatto vedere il problema dei senzatetto in un modo completamente diverso, ma penso che l’impatto reale potrebbe essere questo: un giorno questa bambina crescerà e ci sarà sarà per lei un film da guardare e scoprire chi era suo padre, quanto l’amava e quanto lottava per sopravvivere nella sua vita.

READ  Muore il leggendario Grant Page australiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto