Leclerc è il più veloce a rubare una lucertola dallo show di Singapore

Charles Leclerc è stato il più veloce nelle prove di apertura a Singapore. Foto: immagini XPB

Charles Leclerc ha concluso la sessione di prove libere di apertura a Singapore più velocemente mentre una curiosa lucertola ha rubato la scena nelle prove di apertura.

Per due volte una grande lucertola si è fatta strada sul circuito di Marina Bay e i conducenti hanno fatto del loro meglio per evitarla finché, inevitabilmente, non lo hanno fatto.

La Ferrari ha condotto la sessione con Leclerc più veloce su Carlos Sainz mentre Max Verstappen è terzo.

Lando Norris è stato il più veloce nella prima metà della gara di 60 minuti prima di finire quarto.

L’azione in pista è iniziata sotto il sole del tardo pomeriggio, anche se le temperature sono rimaste al di sopra dei 30 gradi ambientali e la pista a 44 gradi.

Sebbene le condizioni non fossero rappresentative di quelle in cui si sarebbero svolte le qualifiche e la gara, la maggior parte di esse si è verificata immediatamente.

Le prime gare hanno visto una preferenza per pneumatici medi e duri poiché i team si sono concentrati su aspetti fondamentali come l’altezza di marcia e i livelli delle ali attorno al design modificato di Marina Bay.

Lando Norris è stato il primo a tracciare il ritmo con un tempo di 1:35.782 secondi, in contrasto con il miglior tempo della sessione di 1:43.033 secondi dello stesso tempo dell’anno scorso.

Ciò era molto in linea con le previsioni dei team di un delta di nove secondi dopo la rimozione della sezione The Float della pista quest’anno.

READ  Tim Tipo ritorna a Jacksonville Jaguar Urban Mayer

Naturalmente, questo era solo un primo indicatore di ciò che sarebbe successo poiché i tempi miglioravano costantemente con il progredire della pista e le squadre posizionavano le loro vetture in una finestra di preparazione migliore.

Mentre gli altri erano in cima alla classifica, Norris è stato nuovamente il più veloce 25 minuti dopo, con il record sceso a 1:34.776 secondi.

Ciò ha coinciso con un momento più tranquillo sulla pista, che a sua volta stava uscendo dalla luce del giorno con lunghe ombre che cadevano per la maggior parte su di essa.

Anche la temperatura dell’aria e della pista ha cominciato a scendere, creando una sorta di bersaglio mobile per gli ingegneri.

Pierre Gasly è stato il primo a passare alla gomma a mescola morbida.

Poco dopo è stata alzata una bandiera gialla per la presenza di una lucertola in pista, con Max Verstappen che ha riferito che non si trattava di Godzilla in questa occasione – un riferimento ad un precedente incontro con una lucertola, in quell’occasione alla curva 3 nel 2016.

La fauna selvatica è stata rapidamente rimossa e le bandiere sono state tirate alla curva 7 senza che accadesse nulla di spiacevole alla curiosa creatura.

Ancora più veloce, l’auto di Norris è stata coperta da un telone mentre la McLaren cercava di ottenere dati sul suo nuovo pacchetto ad alto carico aerodinamico.

McLaren e Scuderia AlphaTauri hanno presentato questo fine settimana pacchetti importanti.

A 20 minuti dalla fine, l’attenzione si è spostata sulla corsa a basso consumo di carburante, con la maggior parte del gruppo che è passata agli pneumatici a mescola morbida.

READ  Il Gran Premio d'Italia ospita la seconda gara sprint di Formula Uno dopo il debutto a Silverstone

Charles Leclerc è emerso il più veloce con tempi che hanno raggiunto l’1:33, con il pilota della Ferrari che ha preceduto il compagno di squadra Carlos Sainz di poco meno del decimo, con Verstappen terzo.

A 12 minuti dalla fine, i segnali gialli sono apparsi di nuovo, a poca distanza lungo la strada da dove il Lizard era stato in pista prima, insieme alla bandiera della superficie scivolosa.

Le bandiere sono state subito tolte per poi riapparire – dopo il ritorno della lucertola – negli ultimi minuti della seduta, che è proseguita senza interruzioni; Leclerc è più veloce di Sainz, Verstappen e Norris.

All’altra estremità della classifica c’era Logan Sargeant, con Oscar Piastri più veloce di soli 0,3 secondi al 19° posto.

Liam Lawson ha concluso 16° facendo segnare giri utili per il team Scuderia AlphaTauri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto