HomeEconomy"Le notizie su Facebook sono morte": i meme sostituiscono i post dei...

“Le notizie su Facebook sono morte”: i meme sostituiscono i post dei media australiani mentre Meta chiude il rubinetto | Facebook

Meta si è rifiutata di stipulare nuovi accordi con gli editori di media australiani per utilizzare i loro contenuti su Facebook, facendo temere che possa ancora una volta implementare un divieto sui contenuti di notizie che appaiono sulla piattaforma. Ma l’analisi dei dati di Facebook suggerisce che l’engagement con i post delle testate giornalistiche è già ai minimi storici, con i meme che riempiono lo spazio.

Meta ha sostenuto che le notizie rappresentano solo il 3% di ciò con cui le persone interagiscono attraverso i suoi servizi.

Un’analisi del Guardian Australia ha scoperto che ciò sembra essere dovuto a una progettazione, con Meta che ha chiuso il rubinetto delle notizie negli ultimi anni.

Uno studio condotto nel 2021 da Ricercatori dell’Università di Tecnologia di Sydney e RMIT Ha esaminato la quantità di coinvolgimento con i post di Facebook da parte delle testate giornalistiche australiane nel tempo.

Ha mostrato un calo del coinvolgimento tra il 2015 e novembre 2020, nonché un calo del traffico da Facebook ai siti di notizie.

Guardian Australia ha aggiornato questa analisi, che mostra che l’engagement con i post dei media australiani è ora ai minimi storici, a parte un breve periodo nel febbraio 2021 in cui Facebook Pubblicazioni di notizie vietate in Australia.

Performance dei post su Facebook

Questo calo di coinvolgimento e traffico è stato almeno in parte dovuto alle modifiche apportate da Meta ai suoi algoritmi, che hanno comportato la comparsa di meno notizie nel feed home degli utenti di Facebook. Ma l’analisi di UTS e RMIT mostra anche che alcuni editori hanno cambiato il loro approccio ai social media in risposta, concentrandosi su diverse fonti di traffico, come la ricerca di Google.

READ  La nota "spaventosa" del pilota trovata 435 giorni dopo l'atterraggio dell'aereo da parte del Covid

James Mace, uno dei ricercatori RMIT dello studio del 2021, afferma che la ricerca aggiornata mostra che le notizie su Facebook hanno continuato a funzionare male sulla piattaforma dal 2017.

“Un altro modo per dire sottoperformance è semplicemente dire che le notizie su Facebook sono morte”, dice.

Dice che Meta ha da tempo dichiarato apertamente la sua mancanza di interesse per le notizie, ma questa posizione influisce anche sul fatto che le persone consumino notizie sulla piattaforma.

“Probabilmente c’è un circolo vizioso in cui Facebook sminuisce la priorità delle notizie, così le persone vedono meno notizie lì, e quindi è probabile che cerchino meno notizie”, dice.

“I social media e Internet in generale sono uno spazio competitivo, quindi se Facebook non offre notizie, le persone in cerca di notizie probabilmente andranno altrove e le pratiche cambieranno di conseguenza”.

La condivisione delle notizie è completamente interrotta

In un’analisi separata, Guardian Australia ha classificato i principali post relativi all’Australia su Facebook in base al coinvolgimento complessivo, confrontando il periodo dell’embargo sulle notizie con la settimana precedente, così come con lo stesso periodo del 2015 prima che qualsiasi modifica dell’algoritmo portasse a perdere la priorità delle notizie. casa. Abstract (vedi sotto per tutti i dettagli).

Questa analisi suggerisce che quando le notizie vengono eliminate dalla piattaforma nei feed australiani, vengono sostituite da più degli stessi contenuti che erano tra i primi 100, vale a dire meme e post dei creatori di contenuti.

Cosa sostituisce le notizie su Facebook

C’è anche un’esperienza dal vivo – quella del Canada – che suggerisce cosa potrebbe affrontare l’Australia se Meta spegnesse nuovamente le notizie. Meta blocca i contenuti delle notizie in Canada da agosto in risposta alla sua legislazione che costringe Meta a pagare per le notizie.

READ  Pizza Vegemite? Lo chef di Brooklyn vuole che tu mangi vegemite sulla pizza invece che sui toast

Angus Bridgman, del Centro canadese per i media, la tecnologia e la democrazia, afferma che i media locali più piccoli hanno subito un calo di coinvolgimento, mentre le piattaforme stesse hanno visto pochi cambiamenti.

“La verità è che Facebook e Instagram vanno bene”, dice. “Non hanno realmente visto una diminuzione significativa del traffico.”

Salta la precedente promozione della newsletter

La sua analisi del divieto suggerisce che ha avuto un impatto minimo sulle persone che sono state oggetto di notizie o consumatori di notizie su Facebook.

“I politici, gli influencer politici e la classe chiacchierona continuano a utilizzare la piattaforma e continuano a ricevere livelli di coinvolgimento simili a quelli che ricevevano prima.”

Ma dice che ha completamente minato la partecipazione alle notizie.

“In particolare, le pagine delle piccole comunità e delle comunità indigene che facevano affidamento in gran parte su Facebook per indirizzare il traffico verso i loro siti web Tutto quel traffico di link era scomparso. Per loro è stato disastroso”.

I media possono continuare a pubblicare su Facebook sotto il divieto, ma non sono visibili agli utenti canadesi. Non è possibile pubblicare collegamenti a siti di notizie canadesi. Bridgman ha scoperto che i gruppi canadesi politicamente concentrati che in precedenza avevano pubblicato collegamenti si erano rivolti a pubblicare screenshot di notizie.

“La discussione politica è appena continuata sulla piattaforma. Il ciclo di notizie stimola ancora l’impegno. I politici e le figure politiche influenti fanno ancora affidamento sulle notizie… ma non esiste tale connessione”, afferma.

Quando gli utenti hanno smesso di poter pubblicare collegamenti a notizie nei gruppi politici canadesi, hanno fatto ricorso agli screenshot degli articoli di notizie. Foto: Angus Bridgman

Dice che alcuni media canadesi, come il sito di destra Rebel News, si sono adattati concentrandosi sulle notizie globali e guadagnando traffico dall’esterno del Canada.

Piccoli editori in Australia hanno avvertito che saranno colpiti più duramente dal divieto di notizie di Facebook se Meta verrà classificata nel News Media Bargaining Code – il che significa che la società dovrà negoziare con gli editori e pagare per i contenuti di notizie sulle sue piattaforme, o affrontare multe di 10 % delle sue entrate annuali australiane.

Alcune testate giornalistiche, come Sky News Australia, hanno già progettato la loro produzione di notizie online per attirare il pubblico negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Il vice tesoriere Stephen Jones ha dichiarato il mese scorso che stava aspettando il parere del Tesoro e della Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori sull’impatto dei cambiamenti sui media e sulle piattaforme sociali, mentre valutava se nominare un Meta ai sensi della legge.

Meta ha mantenuto la sua posizione secondo cui le notizie non sono il motivo per cui le persone utilizzano i suoi servizi e ha affermato che “le società tecnologiche globali non possono risolvere i problemi a lungo termine che affliggono l’industria delle notizie”.

Appunti

Guardian Australia ha utilizzato Crowdtangle per esportare i primi 100 post per interazioni totali per le pagine con un amministratore australiano e i primi 100 post per le pagine “rilevanti per l’Australia”. Questi set di dati sono stati uniti per ciascun periodo di tempo, i duplicati sono stati rimossi, i post in lingue diverse dall’inglese sono stati rimossi e il tipo di contenuto di ciascuna pagina è stato valutato manualmente in categorie. Il grafico finale utilizza la percentuale di azioni in ciascuna categoria.

I periodi di tempo utilizzati sono stati dal 18 febbraio 2021 al 26 febbraio 2021 per le “date di blackout delle notizie”, quindi le stesse date nel 2015, 2021 e 2024, nonché la settimana prima del blackout delle notizie nel 2021.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News