HomeWorldLe lacrime scorrono mentre il Papa lava i piedi alle detenute in...

Le lacrime scorrono mentre il Papa lava i piedi alle detenute in una prigione di Roma

Mentre Papa Francesco versava acqua sui loro piedi, li asciugava con un asciugamano e li baciava, 12 detenute del carcere di Rebibbia a Roma piangevano.

Il papa ha celebrato la Messa vespertina nella Cena del Signore il 28 marzo presso il carcere femminile, sotto una tenda allestita all'esterno.

Le 12 donne a cui Francesco ha lavato i piedi durante la messa si sono sedute su panche su una piattaforma rialzata in modo che il papa, che ha difficoltà a camminare, potesse lavare loro i piedi stando seduto sulla sua sedia a rotelle.

Molte donne indossavano tute da riscaldamento e si agitavano mentre aspettavano il Papa. Tra queste figuravano donne provenienti da Italia, Bulgaria, Nigeria, Ucraina, Perù, Venezuela e Bosnia ed Erzegovina. Risiedono tutti nella sezione di media sicurezza, ha riferito Vatican News.

Poiché si trattava della prima visita di Francesco il Giovedì Santo in una prigione dove erano presenti solo donne, è stata la prima volta da Papa che ha lavato i piedi solo alle donne.

Dopo la messa, ha regalato un grande uovo di cioccolato a un bambino piccolo, l'unico che attualmente vive con la madre in carcere, secondo il direttore del carcere. Le carceri italiane dispongono di unità speciali per le madri con bambini e la legge consente alle donne detenute di tenere i propri figli con sé fino all'età di 3 anni.

Francesco ha fatto della tradizione celebrare la messa del Giovedì Santo in un carcere o in un centro di detenzione minorile, spesso lavando i piedi a uomini e donne, cattolici e non.

Secondo la sua pratica nelle strutture, predicava solo un breve sermone, parlando senza appunti.

READ  Lava, fumo e cenere ricoprono La Palma mentre il vulcano spazza via l'importante raccolto di banane

Il Papa ha detto che lavando i piedi ai suoi discepoli, Gesù ha umiliato se stesso. «Con questo gesto ci fa capire quello che ha detto: “Non sono venuto per essere servito, ma per servire”. Ci insegna la via del servizio”.

La lettura serale del Vangelo conteneva anche la seguente riga: “Il diavolo tentò Simone Giuda Iscariota affinché lo tradisse”.

Francesco ha detto alle donne che Giuda era incapace di amare, quindi «il denaro e l’egoismo lo hanno portato a questa cosa terribile» di tradire Gesù.

Ma il Papa ha detto: «Gesù perdona tutto. Gesù perdona sempre. Ci chiede solo di chiedere perdono».

«Gesù non si stanca mai di perdonare, ma noi ci stanchiamo di chiedere perdono», ha detto Francesco citando una «vecchia saggia».

Ha detto: “Oggi chiediamo al Signore la benedizione di non stancarci”. “Tutti abbiamo piccoli fallimenti, grandi fallimenti – ognuno ha la propria storia – ma il Signore ci aspetta sempre a braccia aperte e non si stanca mai di perdonare”.

Prima di lavare i piedi alle donne, Francesco ha incoraggiato le donne a pregare affinché il Signore «faccia crescere in tutti noi nella vocazione al servizio».

Secondo la Sala stampa vaticana erano presenti circa 200 persone, molte delle quali sedute fuori dalla tenda in giardino. Il direttore della prigione ha affermato che attualmente nella struttura risiedono 360 donne.

Il celebrante principale all'altare è stato l'arcivescovo Diego Giovanni Ravelli, maestro pontificio delle cerimonie liturgiche.

il padre. Andrea Carosella, il cappellano principale del complesso carcerario di Rebibbia, ha detto a Vatican News che le donne stesse avevano invitato il papa. “Per loro, la visita del Papa è un segno del suo grande interesse per la realtà delle carceri e un grande incoraggiamento per loro”.

READ  La strana teoria della donna virale vive a casa dopo aver trovato i capelli in bagno

Ha detto che Francesco che lava i piedi alle donne è “un segno della misericordia e dell'amore di Dio che esce per affrontare la sofferenza e il dolore dell'umanità”.

Suor Maria Pia Yammarino, membro delle Suore Francescane dei Poveri, ha detto a Vatican News che il ministero di Francesco verso le donne è un modello.

Nel suo ministero in carcere ha detto: “Non ho bisogno di dire loro che Dio li ama, ma piuttosto di essere testimone dell'amore di Dio per loro e di guardarli con favore e accettazione senza condanna. Poi, quando avrete conquistato la fiducia dei detenuti, si possono aggiungere delle parole”.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News