SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Le indagini sulla teoria delle perdite del laboratorio di Wuhan continuano, 18 mesi dopo l’arrivo di COVID-19

Sono passati un anno e cinque mesi da quando l’Australia ha registrato il suo primo caso di nuovo coronavirus, dopo che una persona infetta è risultata positiva e che aveva viaggiato da Wuhan a Melbourne il 25 gennaio 2020.

Nonostante tutto questo tempo e i ricercatori globali che cercano di andare a fondo della questione, non sappiamo ancora come sia emerso per la prima volta SARS-CoV-2.

Ci sono state molte teorie – e una in particolare sul virus che è fuggito da un laboratorio a Wuhan non sembra essere uscita dai radar, nonostante un’indagine dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che non ha trovato prove chiare per quella teoria.

Proprio la scorsa settimana, i leader del Gruppo dei Sette nazioni hanno chiesto un’indagine completa sulle origini del coronavirus in Cina in un incontro nel Regno Unito.

È arrivato pochi giorni dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rivelato che le agenzie di intelligence statunitensi stavano perseguendo teorie, incluso un possibile incidente di laboratorio in Cina.

Allora perché i leader si aggrappano ancora ad esso e cosa stanno facendo per ulteriori ricerche?

Qual è la teoria dell’origine del COVID di cui alcuni non sono ancora sicuri?

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ripetutamente affermato di essere fiducioso che il COVID-19 abbia avuto origine dall’Istituto di virologia di Wuhan, Affermando che era una possibilità lo hanno “lasciato fuori”.

Il presidente in carica Joe Biden afferma di voler sapere se il virus è sfuggito Accidentalmente.

Non importa come la si guardi, gli Stati Uniti sono tra le voci più rumorose che chiedono una risposta definitiva su se, e come, se o come COVID-19 sia sfuggito alla società cinese e si sia diffuso nel resto del mondo da un ambiente di laboratorio.

READ  Gli Stati Uniti lanciano attacchi aerei contro le milizie sostenute dall'Iran in Iraq e Siria dopo gli attacchi dei droni

La ricerca sul coronavirus SARS era in corso All’epoca all’Istituto di virologia di Wuhan, portando alcune persone a credere che il test o l’esperimento potesse essere fallito.

La possibilità della perdita di laboratorio è stata inizialmente liquidata da molti come una teoria della cospirazione, ma nuove richieste per un’indagine più rigorosa hanno gettato nuova luce su di essa.

Le autorità cinesi hanno negato con veemenza la possibilità di una perdita di laboratorio dall’inizio dell’epidemia, con il diplomatico senior Yang Jiechi non più tardi della scorsa settimana. Accusa gli Stati Uniti di aver pubblicato una “storia ridicola”..

“Esortiamo gli Stati Uniti a rispettare i fatti e la scienza, ad astenersi dal politicizzare la questione… e a concentrarsi sulla cooperazione internazionale nella lotta all’epidemia”, ha affermato Yang.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 8 minuti 2 secondi

Cosa sappiamo dell’origine del virus Corona?

Cosa sappiamo finora sulla validità della teoria?

ok Rapporto dell’OMS In Origins of COVID-19 ha semplicemente detto: “L’origine di laboratorio della pandemia è stata considerata altamente improbabile”.

Quell’indagine è stata guastata dalle accuse dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e di altri governi secondo cui i ricercatori hanno lottato per accedere a dati e prove.

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato a marzo, mentre erano in corso le indagini a Wuhan, che Aspettati più cooperazione e condivisione completa dei dati.

“Durante le mie discussioni con il team, hanno espresso le difficoltà che hanno avuto nell’accedere ai dati grezzi”, ha detto.

Ma il virologo medico del NSW e medico infettivologo Dominic Dwyer, che ha trascorso quattro settimane a Wuhan a gennaio e febbraio, ha affermato che le autorità di Wuhan sono state “molto aperte” con il team durante le indagini.

Il professor Dwyer ha detto alla ABC a maggio che non c’erano prove a sostegno della teoria della fuga dal laboratorio.

Un uomo della sicurezza tiene i giornalisti lontani dall'Istituto di virologia di Wuhan
L’Istituto di virologia di Wuhan è stato citato più volte come possibile fonte originale dell’epidemia di COVID-19, ma le autorità cinesi negano le accuse.(

Afp: Han Gwan

)

“Il fatto che il presidente Biden mi stia dicendo che sta ricevendo rapporti contrastanti dalle sue agenzie di intelligence indica che non ci sono prove chiare, altrimenti sarebbe chiaro cosa stava succedendo”, ha detto.

Il professor Dwyer ha anche affermato che i dati forniti dalle autorità cinesi erano “in gran parte coerenti con le normali indagini sull’epidemia”, ma ciò non ha dimostrato che nulla fosse nascosto.

Le prove che abbiamo ottenuto, le domande che abbiamo posto, le risposte che abbiamo ottenuto [from Wuhan authorities] È davvero quello che mi sarei aspettato se avessi fatto la stessa indagine in Australia o Nuova Zelanda o in un posto simile”.

Il famoso virologo cinese Shi Chengli, che lavora con l’Istituto di virologia di Wuhan, ha recentemente criticato la teoria delle perdite di laboratorio In una breve intervista al New York Times,Ha denunciato i sospetti, definendoli “infondati”.

“Come posso fornire prove per qualcosa per cui non ci sono prove?” Il dottor Shi ha detto alla pubblicazione.

Ma la riluttanza della Cina a impegnarsi in un’indagine trasparente e indipendente ha sollevato alcuni dubbi sulle affermazioni secondo cui la perdita di laboratorio non era la causa.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 4 minuti 25 secondi

Il professor Dominic Dwyer era il rappresentante australiano nell’indagine dell’Organizzazione mondiale della sanità sulle origini del virus SARS-CoV-2.

Cosa succede da qui?

Joe Biden Ha detto in una dichiarazione il 26 maggio Che ha chiesto alle agenzie di intelligence statunitensi “di raddoppiare i loro sforzi per raccogliere e analizzare informazioni che possano avvicinarci a una conclusione definitiva, e di segnalarcelo entro 90 giorni” (quindi, da metà a fine agosto).

“Come parte di questo rapporto, ho richiesto ulteriori aree di indagine che potrebbero essere necessarie, comprese domande specifiche per la Cina”, ha affermato il presidente degli Stati Uniti in una nota.

“Ho anche chiesto che questo sforzo includa il lavoro dei nostri laboratori nazionali e di altre agenzie del nostro governo per aumentare gli sforzi della comunità dell’intelligence”.

Ma il direttore delle emergenze dell’OMS, Mike Ryan, ha dichiarato la scorsa settimana che l’organizzazione non aveva la capacità di convincere la Cina a rilasciare più dati sull’origine del virus.

“L’Organizzazione mondiale della sanità non ha il potere di obbligare nessuno in questo senso”, ha affermato in una conferenza stampa.

“Ci aspettiamo cooperazione, contributo e sostegno da tutti gli Stati membri in questo sforzo”.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha sostenuto le richieste degli Stati Uniti per ulteriori indagini sulle origini del virus, ma non è stato chiaro in merito alla possibilità di una perdita di laboratorio.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha anche affermato che l’UE sostiene ulteriori sforzi di indagine, affermando la scorsa settimana che “il mondo ha il diritto di sapere esattamente cosa è successo”.

Sapremo davvero come è nato il COVID-19?

Più passa il tempo, più è difficile per i ricercatori scoprire esattamente come si è originato il virus.

Le continue accuse di accesso limitato alle informazioni continuano a ostacolare tali sforzi e non è chiaro se si troverà mai una soluzione.

Quello che sappiamo è Almeno 176 milioni di persone È stato infettato, sono morte più di 3.800.000 persone e il modo in cui viviamo è completamente cambiato e la pandemia non è ancora finita.

Scarica il modulo…