Le impronte fossili dimostrano che gli umani hanno abitato le Americhe migliaia di anni prima di quanto pensassimo

La nostra specie ha iniziato a migrare dall’Africa circa 100.000 anni fa. A parte l’Antartide, le Americhe furono gli ultimi continenti raggiunti dagli umani, poiché i primi pionieri attraversarono il ponte sottomarino di Bering Land che collegava la Siberia orientale e il Nord America.

A volte durante l’era glaciale del Pleistocene, che terminò 10.000 anni fa, grandi lastre di ghiaccio coprivano gran parte dell’Europa e del Nord America. L’acqua intrappolata in questi strati di ghiaccio ha abbassato il livello del mare, consentendo alle persone di percorrere il ponte dall’Asia attraverso l’Artico fino all’Alaska. Ma durante l’apice dell’ultimo ciclo glaciale, la loro strada verso sud verso le Americhe fu bloccata da una calotta glaciale continentale.

Fino ad ora, gli scienziati ritengono che gli umani abbiano viaggiato a sud verso le Americhe solo quando questa barriera di ghiaccio ha iniziato a sciogliersi, al più presto, 16.500 anni fa. Ma con i nostri colleghi, abbiamo scoperto una collezione di impronte fossili che indicano che gli umani hanno messo piede per la prima volta nel continente migliaia di anni fa. Queste impronte nel Parco Nazionale di White Sands, nel New Mexico, sono state scoperte da un gruppo di adolescenti, bambini e talvolta adulti e datate all’altezza dell’ultimo ghiacciaio, circa 23.000 anni fa. Questo lo rende la più antica testimonianza della nostra specie nelle Americhe.

I nostri risultati supportano l’idea che gli esseri umani fossero presenti nella parte meridionale del Nord America prima dell’ultimo picco glaciale, una teoria che finora si è basata su prove contestate e forse inaffidabili.

Cambiare passo Ci sono decine di migliaia di impronte fossili nelle White Sands. Insieme, raccontano storie di come gli umani preistorici hanno interagito con la megafauna estinta dell’era glaciale, come il mammut colombiano e i bradipi giganti di terra. Le tracce sono state depositate attorno ai margini di una grande zona umida, forse un lago dopo la stagione delle piogge, ma altre volte più simile a uno specchio d’acqua. Finora il problema è stato datare questi monumenti. Sapevamo che erano stati impressi prima che la megafauna si estinguesse, ma non esattamente quando.

READ  Gladys Berejiklian cambia rotta sugli studenti HSC che tornano a scuola | educazione australiana

La situazione è cambiata nel settembre 2019, quando il team ha trovato tracce con sedimenti indisturbati sopra e sotto di loro. All’interno di questi depositi c’erano strati contenenti centinaia di semi della comune erba da trincea Ruppia cirrhosa. Questi semi, una volta datati al radiocarbonio, riveleranno l’età delle impronte stesse. L’analisi ha rivelato che i semi hanno tra 21.000 e 23.000 anni, indicando che gli umani hanno effettuato ripetute visite al sito per almeno due millenni. Le impronte di White Sands forniscono prove inequivocabili che le persone si trovavano nelle Americhe all’altezza dell’ultimo ghiacciaio, piuttosto che qualche tempo dopo, come si pensava in precedenza. Questo è un grosso problema per la nostra comprensione della popolazione delle Americhe e della composizione genetica dei nativi americani.

Utilizzando il DNA dei moderni nativi americani, gli scienziati hanno determinato che i loro antenati arrivarono dall’Asia in diverse ondate, alcune delle quali divennero geneticamente isolate. Il motivo di questo isolamento non è chiaro. Ora, la nostra nuova prova dell’impronta spiega, suggerendo che i primi americani erano isolati a sud della calotta glaciale nordamericana, solo per essere raggiunti da altri quando quella piastra si è sciolta.

La nostra scoperta potrebbe anche riaprire la speculazione su altri siti archeologici nelle Americhe. Uno di questi è la grotta di Chiquihuite in Messico. Gli archeologi hanno recentemente affermato che le prove provenienti da questa grotta indicano che gli umani occuparono le Americhe circa 30.000 anni fa, 7.000 anni prima che le persone lasciassero le loro impronte sulla sabbia bianca.

Ma i ritrovamenti della grotta di Chiquihuet sono contestati da alcuni, poiché gli strumenti di pietra possono essere difficili da interpretare e le pietre simili a strumenti possono essere formate tramite processi naturali. Gli strumenti di pietra possono anche spostarsi tra strati di sedimenti e roccia. Nessuna impronta fossile. Sono fissati al livello della lettiera e quindi forniscono prove più affidabili di esattamente quando gli umani li hanno lasciati.

READ  Uno studio COVID di lunga durata ha seguito 3.000 casi australiani l'anno scorso. Questo è quello che ho trovato

Calci adolescenti Tendiamo a descrivere i nostri antenati che attraversano lotte per la vita o la morte, costretti a combattere gli elementi solo per rimanere in vita. Tuttavia, le prove di White Sands indicano un ambiente relativamente divertente e rilassato, dove adolescenti e bambini trascorrono del tempo insieme in un gruppo.

Forse questo non è sorprendente. I bambini e gli adolescenti sono più attivi ed energici degli adulti e quindi lasciano più tracce. Gli adulti tendono ad essere più parsimoniosi nei loro movimenti, lasciando meno tracce. Ma un’altra spiegazione per questa nuova prova è che gli adolescenti facevano parte della forza lavoro in queste prime bande di cacciatori e raccoglitori. Le tracce sono state probabilmente lasciate da giovani che andavano a prendere e trasportavano risorse per i loro genitori preistorici.

In ogni caso, le persone che hanno lasciato il segno sulle sabbie bianche sono stati alcuni dei primi adolescenti americani conosciuti. In pietra, le loro impronte rendono omaggio ai loro antenati, che ora sappiamo hanno attraversato il Long Land Bridge verso le Americhe migliaia di anni prima di quanto generalmente si creda.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto