SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Le immagini satellitari rivelano che la piattaforma di ghiaccio che protegge i ghiacciai antartici è sull’orlo del collasso – Technology News, Firstpost

Un ghiacciaio critico in Antartide sembra essere più vulnerabile, afferma un nuovo studio, poiché le immagini satellitari mostrano che la piattaforma di ghiaccio che impedisce il collasso in mare si sta disintegrando più velocemente di prima, creando enormi iceberg. La perdita della piattaforma di ghiaccio del ghiacciaio di Pine Island è accelerata nel 2017, causando la preoccupazione degli scienziati che, con il cambiamento climatico, il collasso del ghiacciaio potrebbe verificarsi più velocemente di quanto previsto da molti secoli. La piattaforma di ghiaccio galleggiante agisce come un tappo di sughero per un ghiacciaio in rapido scioglimento e impedisce alla sua massa di ghiaccio molto più grande di fluire nell’oceano.

Uno studio condotto venerdì ha mostrato che la piattaforma di ghiaccio si è ritirata di 20 chilometri tra il 2017 e il 2020 progresso scientifico La scogliera crollata è stata catturata in un video time-lapse da un satellite europeo che scatta foto ogni sei giorni.

Uno studio ha mostrato che la piattaforma di ghiaccio si è ritirata di 20 chilometri tra il 2017 e il 2020. Immagine rappresentativa. Credito immagine: Nazioni Unite/Flickr

“Puoi vedere le cose cadere a pezzi”, ha detto l’autore principale dello studio Ian Joughin, un glaciologo dell’Università di Washington. “Quindi sembra che l’accelerazione stessa stia indebolendo il ghiacciaio… E finora abbiamo perso forse il 20 percento della piattaforma principale”.

Tra il 2017 e il 2020, Gogin ha affermato che ci sono stati tre grandi eventi di fuga, creando iceberg lunghi più di otto chilometri e larghi 36 chilometri, che si sono poi divisi in molti pezzi più piccoli. C’erano anche molte piccole disintegrazioni.

READ  Questa singola caratteristica planetaria può essere cruciale per l'emergere della vita complessa nell'universo

“Non è affatto inconcepibile che l’intero scaffale debba cedere e scomparire entro pochi anni”, ha affermato Goggin. “Direi che è una possibilità lunga, ma non è troppo lontana.”

Joughin ha tracciato due punti sul ghiacciaio principale e ha scoperto che si stavano muovendo del 12% più velocemente verso il mare a partire dal 2017.

“Ciò significa che il 12% in più di ghiaccio di Pine Island finisce nell’oceano, cosa che prima non c’era”, ha detto.

Il ghiacciaio di Pine Island, situato su un’isola senza alberi di pino, è uno dei due ghiacciai contigui nell’Antartide occidentale che i glaciologi temono di perdere in quel continente. L’altro è il ghiacciaio Thwaites.

Pine Island contiene 180 trilioni di tonnellate di ghiaccio – equivalenti a un innalzamento del livello del mare di mezzo metro – ed è responsabile di circa un quarto della perdita di ghiaccio del continente.

“Pine Island e Toets sono le nostre maggiori preoccupazioni ora perché stanno crollando e poi il resto dell’Antartide occidentale seguirà secondo quasi tutti i modelli”, ha affermato la glaciologa della UC Irvine Isabella Velikogna, che non faceva parte dello studio.

Joggin ha affermato che mentre la perdita di ghiaccio fa parte del cambiamento climatico, non ci sono state temperature insolitamente alte nella regione che hanno portato a questa accelerazione.

“Questi risultati scientifici continuano a evidenziare la vulnerabilità dell’Antartide, un importante serbatoio di potenziale aumento del livello del mare”, ha affermato Twila Moon, uno scienziato nazionale di dati su ghiaccio e neve che non faceva parte della ricerca. “Più e più volte, altre ricerche hanno confermato come il futuro sviluppo dell’Antartide dipenderà dalle emissioni umane di gas serra”.

READ  Stranezza spaziale: la NASA mette in orbita un calamaro