HomeWorldLe immagini satellitari prima e dopo le inondazioni mostrano la devastazione nella...

Le immagini satellitari prima e dopo le inondazioni mostrano la devastazione nella città costiera libica di Derna

Le riprese video e le foto rilasciate dalla città costiera libica di Derna rivelano l’entità della devastante distruzione dopo che due dighe consecutive sono crollate nel cuore della notte, scaricando un torrente di acqua piovana sul centro densamente popolato della città.

Jan Fredes, capo della delegazione libica del Comitato internazionale della Croce Rossa, che aveva una squadra a Derna quando si è verificata l’alluvione, ha detto che un’ondata di acqua alta 7 metri ha distrutto edifici e trascinato le infrastrutture in mare.

“Questo disastro è stato violento e brutale”, ha detto Fredis.

Il bilancio delle vittime varia a seconda delle autorità, ma la Mezzaluna Rossa libica ha affermato che 11.300 persone sono morte e altre 10.100 risultano disperse.

L’ambasciatore della Libia presso le Nazioni Unite, Taher Al-Sunni, ha affermato che sono stati ritrovati 6.000 corpi, ma il numero è destinato a continuare ad aumentare.

Al-Sunni ha detto: “L’area bombardata aveva una popolazione di 30.000 persone”.

“Non posso davvero confermare i numeri finali, ma sono ad un livello davvero alto, e temo che sentiremo numeri davvero grandi, forse più di quelli confermati finora.”

I sopravvissuti setacciano le strade, gli edifici distrutti e persino il mare alla ricerca di corpi.(Foto AFP/Youssef Murad)

L’Organizzazione meteorologica mondiale afferma che le morti avrebbero potuto essere evitate

L’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) ha affermato che questo enorme numero di vittime avrebbe potuto essere evitato se la Libia, un paese impantanato in un conflitto negli ultimi dieci anni, avesse avuto un’agenzia meteorologica funzionante.

READ  Gli alpinisti sull'Everest muoiono per la prima volta durante la stagione dell'arrampicata

“Se ci fosse stato un servizio meteorologico operativo normalmente, avrebbe emesso avvisi”, ha detto a Ginevra Petteri Taalas, segretario generale dell’Organizzazione meteorologica mondiale.

“Le autorità di gestione dell’emergenza sarebbero state in grado di evacuare le persone. Avremmo potuto evitare la maggior parte delle vittime”.

Le immagini satellitari mostrano la diga inferiore del Wadi Derna prima/dopo l’inondazione. (PBC Planet Labs tramite AP)

Mohammed Al-Menfi, capo del consiglio formato da tre membri che presiede il governo libico riconosciuto a livello internazionale, ha dichiarato sul sito web X, precedentemente noto come Twitter, che il consiglio ha chiesto al pubblico ministero di indagare sul disastro.

Ha detto che coloro le cui azioni o omissioni sono state responsabili del cedimento della diga devono essere ritenuti responsabili, così come dovrebbero esserlo tutti coloro che hanno bloccato gli aiuti.

Un documento di ricerca pubblicato da un idrologo lo scorso anno ha evidenziato la vulnerabilità della città alle inondazioni e l’urgente necessità di mantenere gli argini vecchi di 50 anni che la proteggevano.

Due donne che indossano l'hijab e un ragazzo guardano i menu di carta scritti a mano attaccati al muro

I sopravvissuti di Derna esaminano gli elenchi delle persone scomparse.(Reuters: Esam Omran Al-Fetori)

Sono stati sbloccati i fondi di emergenza

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che sborserà due milioni di dollari (3 milioni di dollari) dal suo fondo di emergenza per sostenere le vittime.

“I bisogni sanitari dei sopravvissuti sono diventati più urgenti”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite ha affermato che almeno 30.000 persone sono state sfollate a Derna, oltre a diverse migliaia di altre in altre città dell’est.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari ha lanciato un appello di emergenza del valore di 71,4 milioni di dollari.

READ  Lucy Letby: L'assassino di bambini cerca di fare appello alla condanna per omicidio
La città e il porto di Derna prima/dopo l’alluvione. (PBC Planet Labs tramite AP)

Le famiglie furono trascinate in mare

Wali al-Din Muhammad Adam, 24 anni, un operaio sudanese di una fabbrica di mattoni che vive alla periferia di Derna, si è svegliato con l’innalzamento delle acque la notte del temporale ed è corso in centro per scoprire che era scomparsa.

Ha aggiunto che nove dei suoi compagni di lavoro erano scomparsi e circa altri 15 hanno perso le loro famiglie.

“La valle li trascinò nel mare”, ha detto.

“Che Dio abbia pietà di loro e li faccia abitare nel Paradiso”.

Un uomo giace su un materasso fuori dall’edificio di una fabbrica di mattoni, e altri tre uomini sono seduti di fronte a lui

Lavoratori sudanesi che hanno perso famiglie e amici nell’accampamento fuori da una fabbrica di piastrelle a Derna.(Reuters: Esam Omran Al-Fetori)

Un altro lavoratore sudanese, Wali Al-Din Muhammad, ha raccontato a Reuters di essersi svegliato nelle prime ore di lunedì al suono di un forte scoppio.

“L’acqua era incredibile, tutti potevano sentirla”, ha detto, “Quando siamo usciti non c’era nessun’altra città, era stata rasa al suolo”.

“Ci sono circa 14 o 15 famiglie che sono state spazzate via dal mare. Tutti quelli che erano nella valle sono stati spazzati via dal mare.”

Diga superiore prima/dopo l’alluvione. (Maxar Technologies tramite Reuters)

Difficili tentativi di salvataggio

Il lavoro di salvataggio è stato difficile a causa della perdita di infrastrutture, dei detriti delle inondazioni e delle divisioni politiche in un paese di sette milioni di abitanti.

Le inondazioni hanno distrutto o gravemente danneggiato molte strade che portano a Derna, rendendo difficile per le squadre di soccorso fornire aiuti.

Nei giorni scorsi le autorità locali sono riuscite a liberare alcune strade per consentire ai convogli umanitari l’accesso alla città.

Facciate fatiscenti di edifici residenziali a più piani a Derna

L’acqua piovana ha spazzato via interi edifici residenziali.(Marwan Al-Fitouri tramite Reuters)

La Libia è immersa nel caos dal 2011, quando il dittatore Muammar Gheddafi fu rovesciato da una rivolta sostenuta dalla NATO.

READ  La siccità turistica a Bali ha portato scimmie affamate a fare irruzione nelle case

Da allora, le potenze rivali sono state in guerra a intermittenza senza che nessun governo fosse in grado di raggiungere tutte le parti del paese.

Il governo di unità nazionale riconosciuto a livello internazionale opera nella capitale Tripoli, nella Libia occidentale, mentre un governo rivale guidato dall’Esercito nazionale libico opera da Bengasi, nell’est.

Strade e quartieri prima/dopo l’alluvione a Derna. (Maxar Technologies tramite Reuters)

Derna era particolarmente instabile, poiché la città era sotto il controllo di vari gruppi islamici, tra cui lo Stato islamico, prima di passare sotto il controllo del governo orientale.

Il disastro ha creato uno straordinario momento di unità, con l’arrivo a Bengasi martedì di funzionari del Governo di Unità Nazionale per discutere le operazioni di soccorso.

Mentre il governo dell’est del paese guida gli sforzi di soccorso, il governo di unità nazionale ha stanziato l’equivalente di 412 milioni di dollari per la ricostruzione delle città dell’est.

Un gruppo di volontari che indossano giubbotti fluorescenti fruga in una pila di vestiti stesi su una coperta all'esterno

I volontari del Movimento Giovanile di Beltres smistano i vestiti che verranno distribuiti agli sfollati.(Reuters: Esam Omran Al-Fetori)

Gli esperti climatici hanno collegato il disastro agli effetti del riscaldamento globale, oltre al deterioramento delle infrastrutture in Libia.

La tempesta Danielle ha acquisito forza durante un’estate insolitamente calda e in precedenza aveva spazzato la Turchia, la Bulgaria e la Grecia, provocando inondazioni in vaste aree e uccidendo almeno 27 persone.

“La tempesta Daniel è un altro promemoria mortale dell’impatto catastrofico che il cambiamento climatico può avere sul nostro mondo”, ha affermato il commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Türk.

ABC/Cablaggio

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News