HomeWorldLe divisive Cina e Taiwan che cercano di aderire all'accordo commerciale del...

Le divisive Cina e Taiwan che cercano di aderire all’accordo commerciale del Pacifico sono al centro dell’incontro

WELLINGTON (Reuters) – I membri dell’incontro principale dell’accordo commerciale transpacifico ad Auckland domenica discuteranno le richieste di Cina e Taiwan di entrare a far parte del gruppo, proposte che hanno approfondito l’animosità tra i vicini e diviso le opinioni dei paesi vicini. Stati membri.

Anche il Comprehensive Trans-Pacific Partnership Advance Agreement (CPTPP) dovrebbe porre fine all’adesione della Gran Bretagna all’incontro.

La Cina ha battuto Taiwan per fare domanda per entrare a far parte del gruppo nel 2021, ma entrambe le domande erano in sospeso mentre quella del Regno Unito è stata completata.

ha detto Charles Finney, un ex diplomatico neozelandese per il commercio e gli affari esteri che ha guidato i negoziati del paese per un accordo commerciale con Taiwan.

“Non c’è consenso su questo”, ha detto.

Il CPTPP è uno storico accordo commerciale concordato nel 2018 tra 11 paesi: Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore e Vietnam. La Gran Bretagna diventerà il dodicesimo membro ad aderire all’accordo che abbassa le barriere commerciali, in quanto cerca di approfondire i legami nel Pacifico.

A sostegno della sua attuazione, la Gran Bretagna ha affermato che i paesi CPTPP avrebbero un prodotto interno lordo combinato di 11 trilioni di sterline ($ 13,6 trilioni) una volta che la Gran Bretagna si fosse unita, ovvero il 15% del PIL globale.

I ministri del gruppo dovrebbero discutere una serie di argomenti, tra cui l’aggiunta di nuovi membri. Non è detto che si raggiunga un accordo.

Anche Costa Rica, Uruguay, Ecuador e, più recentemente, Ucraina hanno chiesto di aderire al partenariato.

La Cina si è opposta alla richiesta di Taiwan e ha aumentato la sua offerta con il paese ospitante durante la visita in Cina del primo ministro neozelandese Chris Hepkins il mese scorso.

READ  La Russia ha lanciato il più grande attacco missilistico su Kiev da settimane, ferendo almeno 17 persone

“Attualmente, la Cina sta comunicando e consultando i membri secondo le procedure di adesione del CPTPP”, ha detto giovedì il portavoce del ministero del Commercio cinese Xu Guoting in una conferenza stampa a Pechino.

ostacoli per la Cina

Alcuni Stati membri supportano la revisione delle domande in base all’ordine di arrivo, mettendo la Cina al primo posto, mentre altri vogliono concentrarsi sulla migliore domanda.

“La Nuova Zelanda e altri paesi hanno supportato le domande che vengono esaminate simultaneamente, anche se a velocità potenzialmente diverse a seconda della loro capacità di soddisfare standard elevati, non come ricevuto”, ha detto a Reuters una fonte vicina alla questione.

Ciò eviterebbe di dover scegliere o ignorare la Cina o Taiwan.

“Il CPTPP è un accordo con standard molto elevati”, ha detto venerdì ai giornalisti a Jakarta il ministro degli Esteri australiano Penny Wong, quando gli è stato chiesto del prossimo incontro.

Ha affermato che “tutti i membri originari del CPTPP si aspettano che qualsiasi paese che chiede l’ammissione sia in grado di soddisfare questi standard elevati”.

Per la Cina, l’ostacolo è enorme. CPTPP richiede ai paesi di eliminare o ridurre le tariffe, assumere forti impegni per aprire i servizi e i mercati degli investimenti, e poi ci sono regole sulla concorrenza, i diritti di proprietà intellettuale e le protezioni per le società straniere.

“Ci sono complessità sia economiche che politiche”, ha affermato Aidan Arasasingham, ricercatore associato presso il Center for Strategic and International Studies di Washington, DC.

Ha aggiunto: “C’è un enorme divario tra gli standard elevati e gli impegni vincolanti richiesti dai membri del CPTPP e dove si trova attualmente la Cina”.

Guan Oh, l’ambasciatore de facto di Taiwan in Nuova Zelanda, ha affermato che la revisione dovrebbe essere basata sul merito piuttosto che sulla puntualità.

READ  Resti umani arcaici rivelano come l'età della pietra seppelliva i propri morti: ScienceAlert

“Questo è il modo più trasparente ed equo per esaminarlo”, ha affermato. Il viceministro degli Esteri di Taiwan Roy Lee ha detto ai giornalisti a Taipei la scorsa settimana che Taiwan soddisfa “completamente” i criteri per aderire al CPTPP ma che ci sono “questioni politiche” che devono essere affrontate prima, ha detto, senza elaborare.

Anche le candidature di altri paesi offrono opportunità.

Il ministro canadese delle piccole imprese, della promozione delle esportazioni e del commercio internazionale, Mary Ng, ha affermato che il Canada sostiene la domanda dell’Ucraina.

“Dopo aver aggiornato quest’anno l’ALS Canada-Ucraina, il Canada sa che l’Ucraina può soddisfare gli elevati standard del CPTPP”, ha affermato.

(Segnalazione di Lucy Kraemer a Wellington, Ben Blanchard a Taipei e Joe Cash a Pechino; Montaggio di Praveen Menon e Muralikumar Anantharaman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News