SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Le crociere a Venezia riprendono dopo l’allentamento delle restrizioni sul coronavirus, protestano centinaia di locali

La prima nave da crociera a lasciare Venezia è salpata da quando le restrizioni al coronavirus sono state allentate, ma alcuni locali hanno protestato contro il ritorno alla normalità, scontenti delle navi giganti che attraversano la città storica.

Centinaia di persone hanno affollato la terraferma e piccole imbarcazioni, sventolando bandiere, dicendo “nessuna grande nave” sono rimaste intrappolate e seguendo l’orchestra MSC da 92.000 tonnellate mentre lasciava il porto di Venezia per la Croazia e la Grecia.

“Siamo qui perché siamo contro questa sezione ma anche contro Il modello turistico che distrugge la città“Stanno allontanando la popolazione, distruggendo il pianeta e le città e inquinando l’ambiente”, ha affermato Marta Sutoreva, insegnante di 29 anni residente a Venezia.

Ma le autorità portuali, i lavoratori e il governo della città hanno accolto con favore la partenza dell’orchestra, gestita da MSC Crociere, come simbolo dell’inizio dell’attività dopo la crisi sanitaria che ha gravemente colpito l’industria delle crociere e il più ampio settore dei viaggi.

I veneziani organizzano una protesta sull'acqua per chiedere la fine delle navi da crociera che passano per Venezia
Nonostante le proteste, gli uomini d’affari sono felici di vedere le navi tornare.(

Reuters: Manuel Silvestri

)

“Siamo lieti di essere tornati… per riavviare i motori”, ha dichiarato Francesco Galletti, direttore nazionale del gruppo commerciale Cruise Lines International Association (CLIA).

“Ci teniamo molto alla pistola e da molti anni chiediamo una soluzione stabile e gestibile per le navi”.

I residenti si preoccupano per gli impatti ambientali

Per anni alcuni residenti hanno esortato i governi a vietare alle grandi navi da crociera e ad altre grandi navi di attraversare il lago e attraccare vicino alla famosa Piazza San Marco.

attivisti Preoccupazione per la sicurezza e l’ambiente, compresi l’inquinamento e l’erosione sottomarina In una città già a rischio di innalzamento dell’acqua del mare.

“La lotta è molto lunga, penso che siamo contro interessi finanziari molto grandi”, ha detto Marco Paravalli, ricercatore di 42 anni e membro del gruppo No Grandi Navi.

I residenti di Venezia organizzano una protesta per chiedere la fine delle navi da crociera che attraversano la città del lago مدينة
I residenti sono preoccupati che le navi da crociera stiano causando inquinamento ed erosione sottomarina.(

Reuters: Manuel Silvestri

)

Ha aggiunto che lui e altri manifestanti erano preoccupati che “tutto tornerà come prima della pandemia”.

Il governo italiano ha stabilito ad aprile che le navi da crociera e le navi portacontainer non dovrebbero entrare nel centro storico di Venezia ma attraccare altrove.

Ma il divieto non entrerà in vigore fino a quando le stazioni fuori lago non saranno completate e la gara per realizzarle deve ancora essere bandita.

Parte del traffico potrebbe essere deviato verso il vicino porto di Marghera a partire dal prossimo anno.

La nave sta navigando a metà della sua capacità

L’orchestra fu scortata fuori dal porto non solo da piccole navi in ​​protesta, ma da rimorchiatori che la salutarono con uno spruzzo d’acqua, una tradizione nautica riservata alle occasioni speciali.

La nave a 16 ponti può trasportare più di 3.000 passeggeri e 1.000 membri dell’equipaggio, ma in questo viaggio navigherà solo a metà della capacità a causa delle regole di allontanamento sociale COVID-19.

“E’ un giorno importante per noi, per i 4.000 lavoratori e tanti altri che lavorano in questo settore. Si riparte dopo più di 17 mesi e finalmente c’è luce in fondo al tunnel”, ha detto Alessandro Santi, presidente di Federlogistica. Collezione.

Ha detto che la comunità portuale è favorevole a un divieto, ma che si devono trovare alternative data l’importanza del turismo per la città.

CLIA stima che il business delle crociere rappresenti oltre il 3% del PIL di Venezia.

“Venezia è dove iniziano o finiscono molti itinerari e l’impatto economico su Venezia è enorme”, ha affermato Galletti.

Reuters

READ  Il bilancio delle vittime in Brasile ha superato i 400.000 con COVID-19, con il bilancio delle vittime che rimane alto per diversi mesi