HomeWorldL’Australia è propensa a sostenere una risoluzione che amplia i diritti dei...

L’Australia è propensa a sostenere una risoluzione che amplia i diritti dei palestinesi come osservatori nelle Nazioni Unite

L’Australia è propensa a sostenere una risoluzione per espandere i diritti dei palestinesi in qualità di osservatore presso le Nazioni Unite, hanno detto fonti alla ABC.

L’ABC ritiene che l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite non tenterà più di garantire l’adesione alla Palestina in una votazione prevista per l’Assemblea più tardi venerdì sera (AEST).

La risoluzione amplierà invece il diritto di presentare proposte, il diritto di replica sulle posizioni del gruppo e il diritto di presentare proposte procedurali in qualità di osservatore presso le Nazioni Unite.

La risoluzione esprime ancora l’aspirazione della Palestina all’adesione.

Inoltre esclude esplicitamente la Palestina dal diritto di voto nell’Assemblea Generale.

La bozza esprime anche sostegno al diritto di Israele all’esistenza pacifica: “fermo sostegno a una soluzione a due Stati per Israele e Palestina, che vivano fianco a fianco in pace e sicurezza entro confini riconosciuti”.

scaricamento…

Fonti australiane hanno affermato che i cambiamenti significano che più voti “no” andranno agli “astenuti” e più astensioni andranno ai voti “sì”.

Una fonte ha detto che il Primo Ministro è stato strettamente coinvolto nelle deliberazioni finali, mentre l’Australia si è spostata verso una posizione “sì” sulla proposta.

Venerdì mattina, il ministro degli Esteri Penny Wong ha detto che l’Australia sta ancora considerando il suo voto, così come altri paesi poiché sono state condivise nuove informazioni.

“I paesi stanno ancora negoziando… ci sono molti negoziati e discussioni”, ha detto alla ABC.

READ  Joshua Pedley cattura l'incredibile momento di uno squalo che salta fuori dal mare al largo della costa gallese

“Vedremo il significato reale [of] La decisione è che esamineremo e ci concentreremo sulla situazione sul campo. Vogliamo un cessate il fuoco umanitario, vogliamo che gli ostaggi vengano rilasciati e vogliamo aumentare gli aiuti umanitari”.

Il ministro ha affermato che i tempi e “la situazione sul campo” influenzano la decisione del paese su come votare.

“La questione non è se riconosceremo uno Stato palestinese, ma è una questione di quando”, ha detto il senatore Wong.

Il mese scorso, gli Stati Uniti hanno usato il loro potere di veto contro un progetto di risoluzione che raccomandava all’Assemblea generale delle Nazioni Unite di accettare lo Stato palestinese come membro dell’organizzazione internazionale.

La senatrice Wong ha espresso le sue osservazioni prima che diventasse chiaro che le Nazioni Unite non intendevano votare sulla concessione della piena adesione alla Palestina.

All’inizio di aprile, il Ministro degli Esteri ha utilizzato un discorso presso l’Università Nazionale Australiana per annunciare che il governo federale continuava a prendere in considerazione il riconoscimento dello Stato palestinese, cosa che secondo lei rimaneva coerente con il lungo sostegno dell’Australia per una futura soluzione a due Stati.

“C’è una differenza tra questo voto alle Nazioni Unite e il riconoscimento bilaterale, che è il riconoscimento dell’Australia, e l’uno non porta necessariamente all’altro”, ha detto il senatore Wong.

Alla domanda se l’Australia, che in precedenza si era astenuta dal votare l’anno scorso sulla richiesta di una tregua umanitaria immediata durante la guerra, si sarebbe astenuta dal votare alle Nazioni Unite, il senatore Wong non è stato scelto. Lei ha però difeso la possibilità di astenersi dal voto.

“Può inviare un messaggio che, anche se non sei completamente d’accordo, non ostacolerai la strada. Quindi, l’astensione è una posizione diplomatica comune che i paesi assumono su questioni”, ha detto.

READ  Gli artisti grafici veterani non hanno mai visto un processo come quello di Trump

Wong interviene sui campi

Le dichiarazioni del senatore giungono mentre nelle università australiane continuano gli schieramenti a sostegno della Palestina. La settimana scorsa i campi si sono diffusi nelle università di Sydney, Melbourne, Adelaide e Canberra.

Gli studenti hanno chiesto alle loro istituzioni educative di rivelare i rapporti con i produttori di armi che affermano di fornire a Israele armi e parti di ricambio.

Il ministro ha detto venerdì mattina che parte del linguaggio usato nei campus era “antisemita” dopo che l’opposizione aveva chiesto un’indagine sull’antisemitismo nei campus.

“Le università hanno il dovere di garantire che siano luoghi sicuri per tutti gli studenti, non importa chi siano. In secondo luogo, abbiamo il diritto di protestare pacificamente in questo Paese. Le persone hanno il diritto di protestare a sostegno delle proprie opinioni in una democrazia. ” Ha detto il senatore Wong.

Pubblicare , Aggiornato

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News