SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’atleta paralimpico insegna dribbling e versatilità ai ragazzi italiani

Quattro alunni di seconda elementare della periferia milanese di Verano Brianza hanno imparato a giocare a basket questa primavera da un vero professionista. Hanno anche preso una lezione sulla diversità.

Il loro allenatore del mese di maggio è stato Adolfo Damian Berdon, il campione italo-argentino di basket in carrozzina. Berdon, 39 anni, ha perso la gamba sinistra in un incidente stradale all’età di 13 anni nella sua nativa Buenos Aires, e negli anni ha visitato diverse scuole per discutere di come ha vissuto con la sua disabilità.

Ma questa volta, quando ha frequentato la scuola elementare di periferia, Berdon voleva essere semplicemente un “allenatore”.

Era la sua prima volta in questo ruolo. Rifiutando i suggerimenti con un video introduttivo, si è presentato in tribunale il primo giorno con un record vuoto, senza retroscena.

“Ogni classe che entrava mi guardava a bocca aperta come se volesse fare una domanda”, ha detto Brdoun. “Ho detto: ‘Possiamo fare domande più tardi, e ora giochiamo a basket.'”Sui social media, i genitori hanno parlato di quanto siano “eccellenti” i loro figli nell’apprendere da Bardon Mathematical (al centro).

Il presidente della federazione sportiva che ha organizzato il programma di cinque settimane ha chiamato il primo giorno. Burdon ha fatto una semplice introduzione, poi ha chiesto: “Vuoi correre?” Hanno detto di sì, e lui ha detto: “Corro”, ci ha detto Sandri. E se ne sono andati, affamati di lavoro dopo un anno scolastico per lo più privato degli sport di squadra.

Durante le cinque settimane, i bambini hanno imparato a dribblare e lanciare. Il passaggio è stato limitato a causa dei protocolli Covid. Si sono messi in coda per gli allenamenti e hanno fatto una pista da slalom sul pavimento della palestra.

READ  L'affumicatoio Tex-Mex di Salsa Joe apre martedì su Wheeling News, Sports e Jobs

Beardon ha abbassato due anelli su entrambi i lati del canestro, così i bambini che non possono tirare a 10 piedi (tre metri) dal canestro standard possono ottenere un tiro.

Sandri ha conosciuto Berdon come giornalista occupandosi di basket in carrozzina in Italia, prima quando era a Roma, poi in Sardegna e infine quando è arrivato in provincia di Monza in Lombardia, dove gioca per UnipolSai Briantea84 Canto. La squadra ha vinto quest’anno il campionato italiano e Berdon è stato nominato Giocatore del Torneo. Continua a giocare con la nazionale argentina, ma non andrà alle Paralimpiadi di Tokyo perché la sua squadra non è riuscita a qualificarsi.

Sandri ha detto di aver approfittato di Beardon non per il suo handicap, ma perché ha notato il modo in cui guida qualsiasi squadra per cui gioca.Berdon, il campione italo-argentino di basket in sedia a rotelle, ha perso la gamba sinistra in un incidente stradale all'età di 13 anni e negli anni ha visitato diverse scuole per discutere di come ha vissuto la sua disabilità.Berdon, il campione italo-argentino di basket in sedia a rotelle, ha perso la gamba sinistra in un incidente stradale all’età di 13 anni e negli anni ha visitato diverse scuole per discutere di come ha vissuto la sua disabilità.

“Se lo vedi giocare, vedi che è un allenatore. Gestisce la squadra”, ha detto. “Non ha avuto problemi a trattare con un gruppo chiassoso di bambini di sette anni.

“Non immaginavo che su una sedia a rotelle, con così tanti bambini, mi sarei potuto sentire così bene”, ha detto Breadon.

Sebbene Purdon abbia ritardato la discussione sulla sua disabilità fino all’ultimo giorno, la lezione della diversità è svanita. Sandri afferma di vedere i genitori nei post sui social media che parlano di quanto “eccellenti” siano i loro figli nell’esperienza di apprendimento da un semi-atleta.

READ  Willie Rennie afferma che i guadagni di LibDem faranno la differenza nel voto di Holyrood

Nel suo ultimo giorno, i bambini hanno dato a Beardon i disegni che avevano disegnato.

“Ma la cosa più bella è che siamo riusciti a rompere la barriera tra un allenatore con una gamba sola su una sedia a rotelle e l’ideale per un allenatore, in questo periodo”, ha detto Beardon.

“Come potrei saperlo? Perché dopo avermi fatto alcune domande, mi hanno chiesto se potevano continuare con gli allenamenti di basket. Ciò significava che erano più interessati a giocare che a sapere perché avevo una gamba sola”. – AP