SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’astronauta dell’Apollo 11 Michael Collins muore all’età di 90 anni

L’astronauta dell’Apollo 11 Michael Collins, fotografato al National Press Club di Washington nel 2019, ha pilotato il modulo di comando dell’Apollo 11 mentre i suoi colleghi sono diventati i primi ad atterrare sulla luna

La sua famiglia ha detto che l’astronauta americano Michael Collins, che comandava il modulo di comando dell’Apollo 11 mentre i suoi colleghi erano i primi a camminare sulla superficie lunare, è morto mercoledì dopo aver sofferto di cancro.

A volte è chiamato “l’uomo solitario della storia” a causa del suo lungo viaggio da solo mentre i suoi compagni di classe navigavano sulla superficie della luna, Collins non ha mai avuto lo stesso nome di fama mondiale di Neil Armstrong e Buzz Aldrin.

“Mike ha sempre affrontato le sfide della vita con grazia e umiltà, e ha accettato quest’ultima sfida allo stesso modo”, ha scritto la famiglia Collins sul proprio account Twitter ufficiale.

leggere quanto segue

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che mentre Collins “potrebbe non aver ricevuto la stessa gloria”, era “un partner alla pari, ricordando alla nostra nazione l’importanza della cooperazione al servizio di grandi obiettivi”.

Ha fatto domanda alla NASA dopo essere stato ispirato da John Glenn, il primo americano in orbita attorno alla Terra, e ha scelto di essere un astronauta nel 1963.

Ma divenne famoso come membro della missione Apollo 11 quando, il 20 luglio 1969, i suoi colleghi Neil Armstrong e Buzz Aldrin fecero passi da gigante per l’umanità.

Collins ha trascorso mezzo secolo cercando di confutare questo mito.

“La buona vecchia unità di comando in Colombia aveva tutte le strutture di cui avevo bisogno, era molto grande e mi piaceva molto il mio tempo da solo invece di essere terribilmente solo”.

– “Un mondo alla mia finestra” –

Collins avrebbe continuato dicendo che la missione sulla Luna ha cambiato per sempre la sua prospettiva, con grande ammirazione per la fragilità del nostro pianeta natale e la necessità di proteggerlo.

READ  Cosa puoi vedere nel cielo notturno questa settimana

Ma “anche se è stato bello, impressionante, per quanto posso ricordare, non era niente, niente in confronto a quest’altra finestra là fuori”, ha continuato.

“Ehi, Houston, ho il mondo alla mia finestra”, ha detto al Mission Control Center.

In seguito è diventato il primo direttore del National Air and Space Museum di Washington, DC, e ha scritto numerosi libri sullo spazio, inclusa la sua ben acclamata autobiografia “Carrying Fire”.

Quando gli è stato chiesto da Fox News nel 2019 se stava pensando troppo all’Apollo 11, ha detto: “Non molto”.

ia / u

leggere quanto segue