HomescienceL’aspirina a basso dosaggio è associata a un rischio inferiore del 15%...

L’aspirina a basso dosaggio è associata a un rischio inferiore del 15% di diabete di tipo 2 negli anziani

Una nuova ricerca che sarà presentata al meeting annuale di quest’anno dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD) ad Amburgo, in Germania (2-6 ottobre) mostra che l’uso di aspirina a basso dosaggio (100 mg al giorno) tra gli anziani di età pari a 65 anni ed è associato agli anziani che riducono il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 del 15%. Gli autori, guidati dalla professoressa Sophia Zongas, della School of Public Health and Preventive Medicine, Monash University, Melbourne, Australia, affermano che i risultati mostrano che gli agenti antinfiammatori come l’aspirina richiedono ulteriori studi nella prevenzione del diabete.

L’effetto dell’aspirina sul diabete di tipo 2 tra gli anziani rimane incerto. Questo studio ha valutato l’effetto del trattamento randomizzato con aspirina a basso dosaggio sul diabete mellito e sui livelli di glucosio plasmatico a digiuno (FPG) tra gli anziani. Gli autori hanno condotto uno studio di follow-up allo studio ASPREE, uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, sull’aspirina, i cui principali risultati sono pubblicati sulla rivista nem Nel 2018. Lo studio originale ha dimostrato che l’aspirina aumenta il rischio di sanguinamento maggiore del 38% negli anziani senza alcuna riduzione dell’incidenza di malattie cardiovascolari.

Lo studio ha incluso membri della comunità di età pari o superiore a 65 anni, senza malattie cardiovascolari, disabilità fisica limitante l’indipendenza e demenza. I partecipanti sono stati randomizzati in rapporto 1:1 a 100 mg di aspirina al giorno o placebo. Il diabete incidente è stato definito come diabete auto-riferito, inizio di un farmaco ipoglicemizzante e/o un livello di glucosio plasmatico a digiuno (FBP) pari o superiore a 7,0 mmol/L alle visite di follow-up annuali. Sono stati esclusi i pazienti con diabete mellito all’inizio dello studio. Modelli computerizzati e statistici hanno valutato l’effetto dell’aspirina rispettivamente sul diabete mellito e sui livelli di FPG.

READ  I ricercatori hanno svelato il mistero della rigenerazione della cartilagine di lucertola

totale Nell’analisi sono stati inclusi 16.209 partecipanti (8.086 randomizzati all’aspirina e 8.123 al placebo). Nel corso di un follow-up medio di 4,7 anni, sono stati registrati 995 casi di diabete mellito (aspirina: 459, placebo: 536). Rispetto al placebo, il gruppo trattato con aspirina ha sperimentato una riduzione del 15% nell’incidenza del diabete e un tasso di aumento del FPG più lento (differenza nella variazione annuale del FPG: -0,006 mmol/L).

Gli autori affermano: “Il trattamento con aspirina ha ridotto l’incidenza del diabete e ha rallentato l’aumento della glicemia a digiuno nel tempo tra gli anziani inizialmente sani. Data la crescente prevalenza del diabete di tipo 2 tra gli anziani, la possibilità di agenti antinfiammatori come l’aspirina per prevenire il diabete di tipo 2. Il diabete mellito o il miglioramento dei livelli di glucosio necessitano di ulteriori studi.”

Tuttavia, il professor Zongas aggiunge: “I risultati degli studi ASPREE pubblicati in precedenza nel 2018 hanno mostrato che l’aspirina non prolungava una vita sana e indipendente, ma era associata a un rischio significativamente aumentato di sanguinamento, in particolare nel tratto gastrointestinale. Le principali linee guida sulla prescrizione ora raccomandano che gli anziani prendilo.” Prendi un’aspirina ogni giorno solo quando esiste un motivo medico per farlo, come un infarto.

“Sebbene queste nuove scoperte siano interessanti, al momento non modificano i consigli clinici sull’uso dell’aspirina negli anziani.”

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News