SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’Agenzia spaziale europea sta testando un paracadute per il suo rover su Marte

L’anno prossimo, altri due esploratori marziani si uniranno alla sonda spaziale della NASA e al rover cinese Zhurong: l’Agenzia spaziale europea (ESA) e la Roscosmos Rover ExoMars, dal nome di Rosalind Franklin. L’Agenzia spaziale europea ha recentemente rilasciato un video del test di atterraggio del paracadute ExoMars, che mostra come la navicella rallenterà mentre si avvicina al pianeta rosso.

“Il team ExoMars ha condotto importanti lanci di paracadute come preparazione fondamentale per un atterraggio sicuro su Marte nel 2023”, l’Agenzia spaziale europea libri. Il rover europeo Rosalind Franklin cercherà segni di vita passata sotto la superficie di Marte con il suo esclusivo trapano di due metri e il laboratorio di bordo. La piattaforma russa di scienze di superficie Kazachok studierà l’ambiente nel sito di atterraggio. Atterrare su Marte è sempre difficile e vengono presi in considerazione tutti i criteri possibili».

Il baldacchino è composto da diversi oggettiPertanto, sono stati effettuati test sia sul paracadute supersonico del primo stadio che sul secondo paracadute principale supersonico. Il primo stadio rallenta il veicolo spaziale da velocità supersoniche, mentre il secondo stadio si propaga in seguito, una volta che il veicolo ha rallentato al di sotto della velocità del suono. Il sistema in due parti è necessario perché l’atmosfera su Marte è così sottile, solo l’1% più densa di quella terrestre, che i paracadute devono lavorare di più per rallentare il rover mentre si avvicina alla superficie. Dopo i paracadute, il sistema di propulsione rallenta ulteriormente il veicolo prima che tocchi delicatamente la superficie.

“Andare su Marte è una grande avventura e mi ci è voluto del tempo per scegliere il sito di atterraggio più adatto su Marte”, ha affermato Thierry Blanquart, team leader di ExoMars. “Ci sono voluti cinque anni, infatti, per trovare un luogo scientificamente interessante, dove ritrovare qualche traccia di vita passata, e dovesse anche essere una zona sicura per l’atterraggio”.

READ  Le scuole poco ventilate diffondono la variabile delta

L’area di atterraggio scelta si chiama Oxia Planum ed è più bassa della maggior parte del pianeta, 1,7 miglia al di sotto dell’altitudine media. Ciò significa che il veicolo ha più tempo per frenare mentre attraversa l’atmosfera.

Per testare i paracadute, un veicolo di prova è attaccato a loro e sollevato in aria per 18 miglia con un pallone. Viene quindi utilizzato uno scivolo pilota per dispiegare la vela e il risultato viene fotografato per verificare che tutto funzioni come dovrebbe. Entrambi i paracadute sono stati testati separatamente in questo caso, anche se nel compito reale dovranno lavorare in sequenza.

La finestra di lancio del rover ExoMars dovrebbe iniziare il 20 settembre di quest’anno, con l’obiettivo di atterrare su Marte il 10 giugno 2023.

Raccomandazioni della redazione