HomeEconomyLa strategia dell'Italia in Tunisia: affrontare la migrazione e le relazioni economiche

La strategia dell'Italia in Tunisia: affrontare la migrazione e le relazioni economiche

La scorsa settimana il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha firmato tre accordi con il presidente tunisino Kais Saied durante la sua quarta visita in Tunisia in meno di un anno.

I frequenti scambi diplomatici e gli ampi accordi tra questi paesi sottolineano la crescente importanza della Tunisia nel quadro della politica estera italiana. Questa importanza è particolarmente notevole data la reputazione della Tunisia come importante punto di partenza per l'immigrazione clandestina verso l'Europa.

Nell’ambito della sua strategia per rafforzare le relazioni economiche con i paesi africani e combattere l’immigrazione clandestina verso l’Europa, l’Italia fornisce 105 milioni di euro (112 milioni di dollari USA) in contanti e linee di credito alla Tunisia. Questo importo include 50 milioni di euro (53 milioni di dollari) in contanti volti a promuovere l’efficienza energetica e progetti di energia rinnovabile in Tunisia e una linea di credito di 55 milioni di euro (59 milioni di dollari) per sostenere le piccole e medie imprese tunisine.

ha affermato Riccardo Fabiani, direttore del progetto Nord Africa presso l’International Crisis Group Linea multimediale La Tunisia è diventata una delle priorità della politica estera italiana dopo il significativo aumento dell'immigrazione clandestina verso l'Italia dalla Tunisia.

Fabiani ha spiegato che il contenimento dell'immigrazione è una priorità politica per il governo di destra in Italia, soprattutto prima delle elezioni del Parlamento europeo. Ha aggiunto: “L’Italia sta cercando di rafforzare le relazioni bilaterali per convincere la Tunisia a continuare la cooperazione su questo tema delicato”.

Kelly Petillo, direttrice del Programma Medio Oriente e Nord Africa presso il Consiglio europeo per le relazioni estere, ha osservato che la Tunisia è diventata un punto di partenza cruciale per i migranti. Oltre il 50% dei migranti in partenza per l’Italia è partito dalla Tunisia nel 2023 e il tasso di migrazione dalla Tunisia è in aumento.

READ  Incontra Jack Greenhalgh, il ragazzo più egoista di Manchester

La strategia dell'Italia in Tunisia

Il presidente tunisino Kais Saied (Fonte immagine: Wikimedia Commons)

Ha detto Petillo Linea multimediale Anche la Tunisia gioca un ruolo chiave nella strategia africana della Meloni, nota come Piano Mati. Il piano, annunciato nell’ottobre 2022, mira a rendere l’Italia un ponte chiave tra Europa e Africa.

Lo dice Mario Safina, ricercatore nordafricano dell'Università La Sapienza di Roma e analista dell'OSMED Istituto S. Pio V. Linea multimediale Gli accordi conclusi tra i due paesi fanno parte del tentativo di convincere la Tunisia ad adottare misure severe contro l'immigrazione clandestina in Italia.

Fabiani ha affermato che gli accordi mirano a rafforzare la percezione che l'Italia è pronta a cooperare con la Tunisia finché i tunisini continueranno a sostenere l'Italia nel campo dell'immigrazione. “Per la prima volta, la destra italiana capisce che l’immigrazione è un problema complesso che merita una soluzione multidimensionale”, ha affermato.

Secondo Fabiani a questo approccio mancano un piano convincente, misure di sostegno e risorse sufficienti. “C’è molta ingenuità dietro questo approccio”, ha detto.

Petillo ha affermato che gli accordi mirano a rendere la Tunisia più stabile come mezzo per ridurre l'immigrazione clandestina. “Mirano ad aiutare i paesi africani come la Tunisia a rilanciare le loro economie, ma in pratica finiscono per consentire all’Italia di beneficiare dei profitti che tali investimenti portano”, ha detto.

Secondo lei il vero obiettivo del Primo Ministro Meloni è garantire il flusso continuo di risorse energetiche verso l'Italia. “Questi accordi difficilmente affrontano i problemi strutturali di questi paesi che potrebbero accontentare le persone che vivono lì, come la corruzione e le economie povere”, ha detto.

Safina ha sottolineato la contraddizione che comporta investire in un paese per evitare che la sua popolazione se ne vada. Ha citato studi che dimostrano che il miglioramento delle condizioni di vita porta inizialmente ad un aumento della migrazione poiché sempre più persone ottengono le risorse per partire.

READ  L’Italia è la regina della diplomazia mondiale in difesa dei valori culturali ed economici del vino

“Ricevono un’istruzione che apre orizzonti, aumenta le competenze spendibili sul mercato e sviluppa nuove aspirazioni che non possono ancora soddisfare immediatamente”, ha affermato. Ha spiegato che solo uno sviluppo stabile a lungo termine può fornire un’alternativa affidabile alla migrazione.

Fabiani ha anche detto che investire in Tunisia non porterebbe agli effetti a breve termine che l’Italia cerca. Per ridurre la migrazione nel breve termine, l’Italia deve rafforzare la sicurezza in Tunisia. “Significa anche chiudere un occhio davanti alla repressione, alle violazioni dei diritti umani e alle morti durante la traversata del mare”, ha aggiunto.

Nel corso della sua visita al presidente Saied, la Meloni ha confermato che l'Italia non intende permettere che la Tunisia diventi una destinazione o residenza permanente per gli immigrati. “Sappiamo che la Tunisia non può diventare un paese di arrivo dei migranti e la cooperazione in questo ambito deve essere rafforzata”, ha affermato mercoledì.

Safina ha detto che il presidente tunisino è preoccupato per il numero di migranti provenienti dall'Africa sub-sahariana che sono arrivati ​​in Tunisia. Safina ha affermato che Saied sta sfruttando la situazione per ottenere vantaggi dai suoi partner europei, proprio come hanno fatto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il defunto presidente libico Muammar Gheddafi.

Saied è molto desideroso di garantire che la Tunisia non diventi un destinatario di migranti come ha fatto la Turchia nell’ambito dell’accordo UE-Turchia nel 2016, e la settimana scorsa ha dichiarato di non avere intenzione di aprire centri di detenzione per migranti come ha fatto l’Albania nell’ambito dell’accordo. Affare. “Il suo accordo è con l’Italia”, ha detto Petillo. Lei ha detto che le parole di Saied sono molto probabilmente solo dura retorica, sottolineando che gli accordi tra Tunisia e Italia sono molto redditizi per Saied.

READ  Ministro: Le imprese spagnole trarranno vantaggio dal contenimento dell'inflazione con l'avvicinarsi della recessione tedesca

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News