SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La società tecnologica australiana, che ha iniziato con due carte di credito, vende $ 1,7 miliardi

La società di software svedese Cinch ha acquisito MessageMedia con sede a Melbourne con un accordo da 1,3 miliardi di dollari (1,7 miliardi di dollari).

MessageMedia consente alle aziende di inviare messaggi SMS tramite software basato sul Web e gestisce più di 5 miliardi di messaggi all’anno a più di 60.000 clienti.

L’accordo è una delle più grandi acquisizioni tecnologiche australiane di sempre e arriva sulla scia di un accordo da 2 miliardi di dollari per la piattaforma di formazione cloud di Melbourne A Cloud Guru la scorsa settimana.

L’avvio è andato vicino a un baratro nel 2002 con le carte di credito esaurite e senza soldi, ma il fondatore di MessageMedia Grant Rule e i suoi co-fondatori sono riusciti a garantire gli investitori.

Grant Rule, Justin Lau e Regina Hill hanno iniziato l’attività nel 2000 e Mr. Rule ha detto che è stato un “viaggio fantastico”.

“Il nostro successo è nato dal nostro amore per la tecnologia e la risoluzione dei problemi con i nostri clienti, e sono questi valori che vedranno la nostra continua crescita con Sinch”, ha affermato. “Sono molto orgoglioso di ciò che abbiamo ottenuto finora, ma con Sinch penso che sia solo l’inizio”.

MessageMedia è iniziato quando la messaggistica di testo era agli inizi e i fondatori usavano le loro carte di credito per finanziare l’attività.

Roll ha detto in una precedente intervista con Età E il Il Sydney Morning Herald. “Tutto è stato finanziato da due carte di credito.”

L’avvio è andato vicino all’orlo nel 2002 con le carte di credito esaurite e senza soldi, ma Roll e i suoi co-fondatori sono riusciti a garantire gli investitori.

“Sono andato al bancomat per prendere dei soldi, e non c’era nessun centesimo sul conto”, ha detto Rolle. “Era così. La fine. Se gli investitori non fossero usciti bene, avremmo finito”.

READ  Promozione dell'adesione alla Comunità economica europea