SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La ricerca suggerisce che l’oscillazione lunare intensificherà le inondazioni lungo le coste degli Stati Uniti entro la metà degli anni ’30

Si prevede che le frequenti inondazioni peggiorino con l’alta marea Il livello del mare continua a salire A causa dei cambiamenti climatici, ma come avverte un nuovo studio, il ciclo regolare di 18,6 anni che coinvolge la luna potrebbe portare a inondazioni senza precedenti lungo le coste degli Stati Uniti negli anni 2030.

Inondazioni fastidiose, inondazioni in una giornata di sole o inondazioni di alta marea: sono tutte la stessa cosa, un fastidioso dolore nel culo. Nel 2019, NOAA ne ha tracciati più di 600 Frequenti inondazioni con l’alta marea, dove l’alta marea si estende per 2 piedi (0,6 metri) al di sopra del normale. Queste inondazioni non sono pericolose per la vita, ma possono danneggiare le infrastrutture costiere nelle aree colpite e causare disagi come parcheggi allagati. Inutile dire che si verificano inondazioni inquietanti più frequentemente A causa del cambiamento climatico causato dall’uomo, si prevede che peggiorerà man mano che il livello del mare continua a salire.

Se ciò non bastasse, si prevede che un ciclo lunare di 18,6 anni amplificherà ulteriormente questo effetto, secondo il nuovo. Ricerca Pubblicato in Cambiamenti climatici naturali. Gli autori della ricerca, guidati da Phil Thompson dell’Università delle Hawaii, affermano che la confluenza dell’innalzamento del livello del mare e l’oscillazione periodica dell’orbita della Luna aumenterà la frequenza e l’intensità delle inondazioni di alta marea lungo la costa oceanica degli Stati Uniti. Entro la metà degli anni 2030, le inondazioni di marea potrebbero verificarsi in lotti della durata di un mese o più e su base quasi giornaliera, dicono gli scienziati. I membri del team di scienza del cambiamento del livello del mare della NASA dell’Università delle Hawaii hanno contribuito a questa ricerca.

READ  TUC dice | Il Long Covid va trattato come una disabilità Long Covid

Gli scienziati sono a conoscenza di questa oscillazione nell’orbita della Luna sin dai primi anni del 1700, nonché di come gli allineamenti che coinvolgono la Luna, la Terra e il Sole possono influenzare le maree. Durante la prima metà di questo ciclo, le maree sono al di sotto della media e le maree basse sono più alte del normale. Durante l’altra metà del ciclo, sia l’alta che la bassa marea vengono amplificate, apparendo più alte e più basse del normale. La ragione di ciò ha a che fare con l’attrazione gravitazionale della luna, che provoca le maree intorno alla Terra. Attualmente siamo nella fase di amplificazione di questo ciclo, ma la gravità della Luna non influenza le maree nella misura prevista a metà degli anni 2030, quando la fase di amplificazione si rinnoverà.

Tutto questo è ben noto, ma ora gli scienziati devono prevedere l’impatto di questo ciclo lunare nell’era del cambiamento climatico e dell’innalzamento del livello del mare. In effetti, la situazione sembra pessima, la luna ondeggia o no. I numeri forniti da NOAA dipingono un quadro desolante, con Stime Ciò suggerisce che il livello del mare globale aumenterà di almeno 12 pollici (0,3 metri) entro la fine del secolo. Sfortunatamente, il mondo è attualmente sulla strada giusta per Lo scenario peggiore per l’innalzamento del livello del mare Formulato da scienziati e scoperto da ricercatori Segni preoccupanti della crescita del ghiaccio antartico. A partire dal 2014, circa 40% della popolazione statunitense Abita le zone costiere che possono essere soggette all’innalzamento del livello del mare.

“Le aree basse vicino al livello del mare sono sempre più a rischio e soffrono a causa dell’aumento delle inondazioni, e non farà che peggiorare”, ha affermato Bill Nelson, amministratore della NASA. dichiarazione. “La combinazione della gravità lunare, dell’innalzamento del livello del mare e del cambiamento climatico continuerà ad esacerbare le inondazioni costiere sulle nostre coste e in tutto il mondo”.

READ  Perché alcuni risultati dei test COVID sono falsi positivi e quanto sono comuni?

Per costruire il nuovo modello predittivo, Thompson e colleghi hanno studiato le informazioni sulle maree raccolte da 90 misuratori distribuiti lungo le coste degli Stati Uniti, statistiche su inondazioni, eventi meteorologici come gli eventi di El Niño e cicli astronomici, tra gli altri punti dati. Sono previste frequenti inondazioni di marea lungo quasi le coste del continente americano, delle Hawaii e di Guam. L’Alaska non avrà questi problemi per almeno un altro decennio o più, perché le sue masse terrestri stanno effettivamente aumentando a causa di processi geologici.

Thompson ha affermato che le inondazioni dell’alta marea non sono così gravi come gli uragani, ma ha avvertito degli effetti cumulativi e anche dell’emergere di “pozzi che perdono” come problema di salute pubblica. Nello studio, gli scienziati hanno concluso che gli urbanisti dovrebbero prestare attenzione alle nuove scoperte e agire di conseguenza.

Di più: L’innalzamento del livello del mare da solo minaccia di schiacciare l’economia globale.