SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La polizia schiera le forze in Kashmir dopo che il leader separatista Syed Ali Shah Gilani è stato ucciso a Srinagar

La polizia ha affermato che il più grande leader separatista del Kashmir è stato ucciso, spingendo le autorità a dispiegare forze intorno alla città pesantemente militarizzata di Srinagar e a tagliare Internet.

Il politico indiano del Kashmir Syed Ali Shah Gilani, un veterano separatista, è morto mercoledì notte a Srinagar. Aveva 91 anni.

“Le forze sono dispiegate in luoghi sensibili a Srinagar e in altre grandi città e non è consentito alcun movimento veicolare”, ha detto un funzionario di polizia.

Gilani era il più grande leader separatista del Kashmir.

La sua famiglia ha detto che l’anziano politico era malato da anni ed era agli arresti domiciliari da 12 anni dopo aver guidato diverse proteste anti-India.

Veduta di un villaggio in una valle con filo spinato in primo piano.
Zurimanz è la città natale di Mr. Gilani. La sua famiglia dice che la sua salute è malata da anni.(

Agence France-Presse: Nasser Kachero / Noor Photo

)

Il Kashmir è stato a lungo un punto caldo tra la vicina India e il Pakistan, che rivendicano l’intero territorio ma ne governano solo alcune parti.

Tuttavia, le tensioni si sono rinnovate dopo che Nuova Delhi ha ritirato l’autonomia del Jammu e Kashmir nell’agosto 2019 e l’ha divisa in due regioni sotto l’amministrazione federale.

Scarica

Un membro della famiglia ha detto a Reuters che Gilani ha sviluppato dolore toracico e congestione mercoledì pomeriggio ed è morto a tarda notte nella sua residenza nella città principale della regione di Srinagar.

Poco dopo la diffusione della notizia, dozzine di kashmiri si sono radunati nella sua casa nel distretto di Hyderpura di Srinagar per piangere.

Ma le autorità hanno rapidamente dispiegato pesanti unità di polizia e soldati armati in tutta la valle del Kashmir per impedire alle persone di partecipare al suo funerale.

Il capo della polizia Vijay Kumar ha detto a Reuters che Internet è stato chiuso come misura precauzionale e sono state imposte restrizioni nella valle del Kashmir.

Un altro funzionario ha detto che le strade che portano alla residenza di Gilani a Srinagar sono state chiuse.

Gilani era un teorico ideologico e un forte sostenitore dell’integrazione del Kashmir e del Pakistan.

Nel corso degli anni ha più volte detto di no a qualsiasi dialogo con Nuova Delhi, affermando che “l’India può essere considerata attendibile solo se definisce il Kashmir un territorio conteso, smilitarizza la regione e rilascia prigionieri politici per un dialogo significativo”.

Questa posizione è stata completamente respinta dai successivi governi indiani ed è stata spesso definita una linea politica intransigente.

L’anno scorso, Gilani si è dimesso dalla sua fazione intransigente alla conferenza Hurriyat, affermando di non essere riuscito a contrastare gli sforzi di Nuova Delhi per rafforzare la presa sulla regione contesa.

La Hurriyat Conference è stata costituita da vari gruppi separatisti in Kashmir nel 1993 per fornire una piattaforma politica per la secessione dall’India a seguito di una rivolta armata contro Nuova Delhi.

Il primo ministro pakistano Imran Khan ha espresso il suo dolore per la morte di Gilani su Twitter e ha affermato che la nazione segnerà un giorno di lutto.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 1 minuto e 3 secondi

Il confine tra Cina e India è uno dei focolai più pericolosi al mondo.

Reuters/Associated Press

READ  Jack Callahan: adolescente accusato di aver annegato papà alcolizzato nel "battesimo"