La nuova riprogettazione di Slack dimostra il suo impegno “non negoziabile” nella creazione di strumenti accessibili per il lavoro

Uno strumento di comunicazione popolare sul posto di lavoro lento Questa settimana ha annunciato un importante rinnovamento della sua piattaforma. in un post sul blogl’azienda di proprietà di Salesforce descrive la sua interfaccia utente reinventata come “progettata per concentrarsi” con ciò che definisce “una migliore organizzazione e [a] Design più intuitivo. Secondo Slack, la nuova interfaccia, che ha iniziato a essere lanciata giovedì, continuerà a essere implementata nei prossimi mesi.

“Sappiamo che milioni di persone iniziano e finiscono la loro giornata lavorativa in Slack, quindi abbiamo prestato molta attenzione a garantire che questi miglioramenti rendano una casa più produttiva e piacevole”, ha dichiarato Noah Weiss, Chief Product Officer di Slack, in una nota. “La nuova esperienza aiuta i team a rimanere meglio organizzati, a concentrarsi su ciò che è importante e ad accedere rapidamente a un set crescente di strumenti in Slack”.

Secondo il post di Slack, la riprogettazione ha tre obiettivi di alto livello: rendere più facile la navigazione tra i canali e simili; aiuta gli utenti a concentrarsi sulle informazioni più importanti; e aiutare gli utenti a trovare i loro strumenti più importanti.

Naturalmente, uno dei componenti principali della nuova interfaccia di Slack è l’accessibilità. Circa un anno fa, ho parlato con il senior director of engineering di Slack Sommer Panage in merito all’allora nuovo aggiornamento software dell’azienda volto a rendere l’app più accessibile alle persone con disabilità. Panage, il cui lignaggio include periodi in Twitter e Apple che lavorano sull’accessibilità, mi ha detto che l’accessibilità è fondamentale perché l’app “diventa più un quartier generale digitale, [especially] Ora che più persone lavorano da remoto, vogliamo davvero assicurarci che sia più accessibile su tutte le piattaforme e più equo su tutte le piattaforme”.

Per l’annuncio di questa settimana, sia Panage che il product manager Chris Xu mi hanno detto in recenti interviste che gran parte dell’accessibilità della riprogettazione è una riduzione consapevole del carico cognitivo. Tuttavia, il quadro generale sta nel fatto che l’accessibilità è stata la priorità fin dall’inizio, una volta che la leadership dell’azienda ha deciso di accettare il progetto.

“I team dedicati all’accessibilità dell’azienda sono entrati in azione non appena ce ne siamo resi conto [the redesign] Era qualcosa che dovevamo ottenere in modo completo e critico dal punto di vista dell’accessibilità”, ha affermato Shaw.

Xu ha continuato dicendomi che “era davvero importante per noi assicurarci di ottenere l’accessibilità fin dall’inizio”, aggiungendo che i team che si sono concentrati molto presto nel processo di sviluppo su un gruppo centrale a cui dovrebbero prestare particolare attenzione sono quelli che sono nervosi. L’accenno al carico cognitivo è un riflesso diretto di tale attenzione, in quanto la preoccupazione generale per l’interfaccia utente di Slack ha sempre avuto il potenziale per confondere chiunque, ma soprattutto quelli con determinate condizioni di elaborazione cognitiva. Infine, Shaw ha affermato che la riprogettazione è stata un “enorme” progetto multidisciplinare interno, che ha toccato team che non avevano precedentemente lavorato con il gruppo Access.

“Prendiamo molto sul serio le considerazioni sull’accessibilità [development] “Era un punto non negoziabile”, ha affermato Ethan Eiseman, vicepresidente senior del design di Slack.

Se gli sforzi di Slack qui avranno successo con i clienti dal punto di vista dell’usabilità sarà determinato nei prossimi mesi. Per ora, la più grande lezione che impariamo dall’espulsione di Slack va oltre il progetto stesso. Riguarda la mentalità e la cultura dell’accessibilità. Rendono l’accessibilità parte integrante del design.

Quando mi sono seduto con Panage l’anno scorso, mi ha spiegato l’entusiasmo aziendale di Slack di rendere Slack un prodotto migliore rendendolo più accessibile alle persone con disabilità. Al suo arrivo, uno dei suoi obiettivi era aiutare a “riunire il team di Access sotto lo stesso tetto di ingegneria” come mezzo per portare maggiore coesione all’azienda in questo senso. La verità è che l’accessibilità è stata a lungo una priorità assoluta in Slack; È stata una delle principali motivazioni di Banag per salire a bordo.

La riprogettazione mostra l’impegno di Slack nei confronti della comunità dei disabili.

“[The redesign] è un riflesso della maturità di Slack nel suo processo di accessibilità. “È qualcosa di cui i leader come Ethan parlano regolarmente e chiedono ai team nelle recensioni di alto profilo, che i singoli contributori di tutte le diverse discipline sono coinvolgenti”, ha detto Shaw dell’etica di Slack sull’accessibilità. “Tutti, dai progettisti, addetti ai prodotti, ingegneri, fino al team di assistenza, lavoreranno per documentare e assicurarsi che tutto ciò che pubblichiamo sia corretto. [accessibility] considerata in modo olistico. Questo è davvero, per me, ciò che è eccitante è che riflette il fatto che non stiamo lavorando solo sull’accessibilità per le “funzioni di accessibilità”. Questo è qualcosa che è diventato parte della nostra pratica standard anche per i progetti più basilari e su larga scala, e questo lo è certamente”.

Banag acconsentì. “Penso che per me, per me che vengo a Slack, una delle cose che volevo vedere era costruire una cultura dell’accessibilità più profonda, qualcosa che non è una casella di controllo. Non è qualcosa Alcuni le persone pensano. È qualcosa che fa parte della vita quotidiana di tutti [work]. Fa parte del linguaggio di tutti. Fa parte di come pensiamo di costruire un prodotto “, ha detto dei suoi obiettivi per influenzare gli sforzi di accessibilità in Slack. “Penso che sto davvero iniziando a vederlo ora, specialmente con questo progetto su una scala così ampia; Sempre più persone da tutta l’azienda ci pensano ogni giorno [and] Parliamo di tutti i giorni [and] Contatta il team di accessibilità e facci domande. Questo è un riflesso del fatto che Slack abbia iniziato a incorporare l’accessibilità nell’intera cultura aziendale, piuttosto che solo in una piccola parte del business”.

Da parte sua, Eiseman ha indicato i leader del settore, come Apple, che stanno costruendo il miglior software di accessibilità nella loro famiglia di sistemi operativi. Ha affermato che Slack è il sistema operativo di riferimento per molte aziende al lavoro in termini di comunicazione e produttività. Slack è un’app multipiattaforma, in esecuzione su dispositivi mobili e desktop in molte incarnazioni, ed Eiseman ha affermato che il grande obiettivo dell’azienda è “assicurarsi che il sistema operativo aziendale sia il più accessibile possibile”.

Ha continuato: “Lo cuociamo [accessibility] Fondamentalmente nel nostro processo e nel modo in cui operiamo. “Sono stato davvero contento di vedere l’evoluzione di tutta una serie di considerazioni di progettazione che prendiamo in considerazione quando lavoriamo su progetti da zero. Quando metti considerazioni sull’accessibilità e un impegno per l’accessibilità nel tuo processo di progettazione fin dall’inizio, il risultato è migliore per tutti; l’abbiamo visto più e più volte. Ottieni un prodotto migliore, un prodotto più utilizzabile, [and] Un prodotto più completo. Sono stato contento dei progressi che abbiamo fatto qui, ma questo è un impegno eterno. Possiamo solo fare di meglio andando avanti. È sicuro dire che abbiamo un obiettivo primario: vogliamo essere uno dei migliori del settore quando si tratta di rendere il nostro prodotto il più inclusivo e accessibile possibile”.

Seguimi Cinguettio O linkedin. pagando per me sito web.

READ  Puoi provare il nuovo eroe di Overwatch 2 per un periodo limitato questa settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto