“La mia intera libreria è stata spazzata via”: cosa significa possedere film e TV nell’era dei servizi di streaming | media australiani

Quali diritti hai sui film digitali, sui programmi TV e sulla musica che acquisti online?

Questa domanda era nella mente dei clienti di Telstra TV Box Office questo mese dopo che la società aveva annunciato che avrebbe interrotto il servizio a giugno. Ai clienti è stato detto che, a meno che non fossero passati a un altro servizio, Fetch, non sarebbero più stati in grado di accedere ai film e ai programmi TV che avevano acquistato.

Questo non è solo un caso di Netflix Rimuovi amici Dal Servizio alla scadenza del Contratto sui contenuti. Si trattava di film e programmi che le persone acquistavano con la speranza di poterli guardare quando volevano, a tempo indeterminato.

Vicki Russell ha postato su X la scorsa settimana dicendo che Telstra le aveva chiesto di pagare $ 200 per Fetch per mantenere l’accesso a quelli che secondo lei erano acquisti per un valore di $ 2.500.

“Anni e anni passati ad acquistare film e la mia intera libreria è stata spazzata via. Che cosa sporca da fare”, ha pubblicato.

In seguito ha detto che Telstra l’ha contattata e le ha offerto una scatola di recupero gratuita, che ha ammesso essere una “soluzione ragionevole”.

Un portavoce di Telstra ha affermato che si trattava di una questione di diritti, il che significa che i clienti avrebbero dovuto passare a un servizio di contenuti simile per continuare ad accedere ai contenuti. I clienti non sono stati in grado di effettuare nuovi acquisti dalla fine di settembre dello scorso anno, mentre i clienti sono passati a Fetch da dicembre, ha detto il portavoce.

“Abbiamo collaborato con Fetch come nostra nuova piattaforma di intrattenimento e la stragrande maggioranza dei film o degli spettacoli acquistati dai clienti può essere migrata al box office di Telstra TV”, ha affermato il portavoce.

READ  Eagle Pictures acquista i diritti del remake italiano di A Little Something Extra

Il contenuto “potrebbe non essere più disponibile”

Nell’era di VHS, DVD e Blu-ray, quando qualcuno acquista un film da un negozio, è ancora suo purché sia ​​riproducibile. Anche nell’era digitale precedente allo streaming, le persone potevano, e generalmente possono ancora, acquistare film, programmi TV e file musicali. A parte il fatto che il DRM blocca alcune aziende che li inseriscono in questi file, generalmente puoi continuare a riprodurli finché hai un lettore in grado di leggerli.

Nell’era dello streaming, la proprietà è in gran parte soggetta a termini e condizioni che le persone spesso non leggono, ha affermato Shanan Kuhne, docente di informatica e sistemi informativi presso l’Università di Melbourne.

“Quando fai clic per acquistare o noleggiare contenuti online, c’è sempre una casella da qualche parte che dice che si applicano termini e condizioni, proprio come per qualsiasi altra cosa che fai online.

“Non è ragionevole aspettarsi che i consumatori leggano questi termini e condizioni [but] Nel caso di Telstra TV Box Office, avevano un’intera sezione su come estrarre i contenuti.

Queste disposizioni sono abbastanza standard tra le aziende tecnologiche. I clienti possono noleggiare o acquistare film tramite Amazon Prime e i termini di servizio della società affermano che i contenuti “rimarranno generalmente disponibili per il download o lo streaming… ma potrebbero non essere più disponibili… Amazon non sarà responsabile nei tuoi confronti”.

iTunes di Apple, che consente agli utenti di scaricare i file acquistati, ha una clausola simile e afferma che, sebbene sia improbabile che i contenuti non diventino disponibili, le persone dovrebbero “assicurarsi di poter continuare a goderne” scaricando tutti gli acquisti sul dispositivo e backup.

A marzo, lo sviluppatore di giochi Ubisoft Fan accaniti arrabbiati Dal gioco di corse online The Crew, risalente a 10 anni fa, quando chiuse l’accesso ai clienti che avevano pagato per il gioco e continuarono a giocarci. Ubisoft ha giustificato la sua mossa dicendo che avrebbe consentito all’azienda di concentrare le risorse su titoli più nuovi o più popolari.

READ  Come viaggiare dall'Italia alla Svizzera in treno

I mezzi di ricorso sono relativamente limitati. Un portavoce della Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori (ACCC) ha dichiarato al Guardian Australia: “Le aziende non dovrebbero fuorviare i consumatori sui loro diritti ai sensi della legge australiana sui consumatori quando beni e servizi sono forniti in base ad accordi di licenza”.

Salta la precedente promozione della newsletter

“Informativa molto chiara”

L’annuncio di Telstra ha portato molti su X a suggerire un altro metodo: l’hacking online.

Kuehne ha affermato che esiste una forte argomentazione morale, ma non legale, per spiegare perché le persone ricorrono a scaricare contenuti che violano il copyright tramite siti torrent.

“Ciò non significa che le persone dovrebbero uscire e farlo, ma certamente aggiunge più forza morale ai sostenitori della pirateria”, ha detto. “E penso che più le aziende mediatiche si impegnano in questo tipo di esca e scambio, più la pirateria e questi sforzi di conservazione diventeranno attraenti per le persone”.

Contemporaneamente all’arrivo dei servizi di streaming negli anni 2000, gli studi cinematografici hanno utilizzato la legge antipirateria approvata dal precedente governo di coalizione per costringere gli ISP in Australia a bloccare migliaia di siti Web di pirateria tramite ordinanze del tribunale.

Gli utenti ora devono utilizzare una connessione VPN per accedere a questi siti e i detentori dei diritti affermano che questo ostacolo ha ridotto significativamente la pirateria in Australia.

Per pagare i creatori di contenuti e preservare i diritti dei consumatori, i contenuti devono essere trasferiti più facilmente tra i servizi in modo che l’utente non debba rimanere con l’azienda attraverso la quale ha acquistato per la prima volta, ha affermato Kohne.

Ha detto che alcune società di videogiochi e servizi di musica e film consentono di scaricare una copia che non richiede una connessione permanente al fornitore di servizi o al proprietario dei media.

“Un altro modo è acquistare effettivamente copie fisiche.”

Un modo migliore è mostrare ai consumatori cosa ottengono effettivamente quando acquistano, ha affermato Kuehne.

“Ha regole obbligatorie sul tipo di cose che possono essere contenute nei termini dei termini… Se un fornitore vuole fornire contenuti in un modo che viola tali termini, deve esserci un’indicazione sostanziale che ciò sia nel modo migliore interesse del consumatore”. Oltre a una rivelazione molto chiara di questo cambiamento specifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto