SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La dolce rivincita del Sassuolo a San Siro porta alla battuta d’arresto della Super League italiana | Serie a

R.Oberto de Gerby avrebbe voluto saltare la partita di mercoledì contro il Milan. “Non sono contento di giocare per una di queste tre squadre [who sought to launch a European Super League]”, Ha detto l’allenatore del Sassuolo in conferenza stampa il giorno prima che il piano di scissione fallisse. “Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione [the club’s CEO] Giovanni Carnevale. L’ho detto ai miei giocatori. Se il carnevale mi costringe ad andare, ci andrò. Ma me ne pento. “

“Sono arrabbiato perché il calcio mi ha nutrito per 40 anni, ma è tutto quello che ho restituito al calcio. Non lo considero una questione della mia carriera. È più importante di quello. È oltre il tuo stipendio. Noi parlare di valori, di emozioni, di calcio italiano. Molte di quelle partite sono state giocate, tante pagine sono state scritte e non mi piace ”.

Anche in un mare di reazioni ostili contro i piani della Super League a breve termine, le parole di De Gerby vengono interrotte. C’era un elemento nel suo discorso, la rabbia di una persona che sentiva che qualcosa gli era stato rubato in quella che ha definito una “cospirazione” calcistica. Il giorno dopo, è andato a San Siro e ha ottenuto qualcosa in cambio: tre punti per mantenere la sua squadra alla ricerca di posizioni europee, danneggiando contemporaneamente la candidatura del Milan per un posto in Champions League.

C’era poesia in come è successo. Dopo un gol di Hakan Calhanoglu, il Sassuolo Giacomo ha risposto due volte con i raspatori: il 21enne attaccante è nei libri del club da più della metà di quegli anni. È arrivato al Milan mentre giocava per il suo primo e unico club e si è guadagnato il diritto di annegare sette volte campioni d’Europa. Qualificazione del calcio attivo.

Per un po ‘è sembrato che questa sarebbe stata la notte della vendetta nella terza Super League italiana di calcio. Il match Milan-Sassuolo è stato un calcio d’inizio anticipato, terminato con una sconfitta per 2-1 Rosonery Prima che inizi il resto dei giochi. Dopo le 21, anche Juventus e Internationalle hanno perso rispettivamente contro Pharma e Spicea.

Entrambi si riprenderanno, con l’Inter che ottiene il pareggio – aiutata dalla sconfitta del Milan – che li tiene a proprio agio per lo scudetto, mentre la Juventus vince 3-1. Tuttavia, anche il lussuoso equilibrio di Alex Sandro non è bastato a suscitare un sorriso dal presidente del club torinese Andrea Agnelli.

I giocatori del Sassuolo festeggiano la vittoria a San Siro con l'uscita del pioniere portoghese del Milan Rafael Leo (a sinistra).
I giocatori del Sassuolo festeggiano la vittoria a San Siro con l’uscita del pioniere portoghese del Milan Rafael Leo (a sinistra). Foto: Miguel Medina / AFP / Getty Images

La battuta d’arresto contro la Super League in Italia è più rivolta ad Agnelli che a qualsiasi altro individuo. Il suo precedente ruolo di presidente della European Club Association e il suo tradimento dello stretto rapporto della UEFA con Alexander Seferin hanno inevitabilmente attirato la sua attenzione. Tuttavia, quando Courier ha rilasciato un’intervista a Dello Sport e La Repubblica, Agnelli ha scelto di mostrare la sua faccia in cui ha cercato di giustificare la mossa.

Agnelli sottolinea la necessità di qualche cambiamento nel calcio, dicendo che gli attuali club modello sono insostenibili e possono solo beneficiare del gioco senza incorrere in rischi finanziari UFA. Ha trovato il sostegno dell’interdirettore Pepe Marota e dell’allenatore Antonio Conte, entrambi ex collaboratori della Juventus. Marota ha affermato: “Default di default del calcio. Sto parlando dell’intero sistema. Nessuna azienda può continuare a vivere con una busta paga con un fatturato del 60-70%. “

Febbre: iscriviti e ricevi la nostra email quotidiana sul calcio.

Conte ha sottolineato di non essere d’accordo con il piano della Super League: “La meritocrazia deve essere sempre al primo posto, e Champions League ed Europa League devono competere con le squadre che hanno il diritto di giocarci”. Ma ha aggiunto che l’UFA sperava di “riflettere” su quanto era successo, sostenendo che la quota più piccola del denaro generato dalle competizioni europee andava ai club.

Entrambi hanno chiarito che non erano coinvolti nei piani della Super League e che questo era un piano presentato dai proprietari del club. Il direttore del Milan Paulo Maldini e tutti gli altri hanno saputo della Super League domenica sera.

Guida veloce

Risultati della Serie A

Mostrare

Bologna 1-1 Torino
Croton 0-1 Samptoria
Genoa 2-2 Benevento
Juventus 3-1 Birmania
Specia 1-1 Inter
Udinese 0-1 Cochlear
Milan 1-2 Sassuolo

“Tuttavia, sento l’obbligo di assumermi la responsabilità e chiedere scusa ai tifosi”, ha aggiunto Maldini in un’intervista pre-partita. “Un direttore di calcio dovrebbe sapere che i ricavi e la sostenibilità sono importanti nel 2021, ma deve chiedersi fino a che punto possiamo spingerci.

Quali sono le conseguenze per chi cerca di separarsi? Gabriel Gravina, presidente della Federcalcio italiana, ha detto che non avrebbe perseguito alcuna punizione perché la Super League non è mai arrivata davvero, “Non avete permesso un’idea”. Resta da vedere se i concorrenti cercheranno aiuto in altri modi.

Il capitano della Juventus Andrea Agnelli è in tribuna durante la vittoria per 3-1 sulla Birmania.
Il capitano della Juventus Andrea Agnelli segna 3-1 contro la Birmania. Foto: Alessandro de Marco / EPA

Sono state sollevate domande sul ruolo di Agnelli nell’ultimo contratto televisivo della Serie A. Negli ultimi mesi è stato in trattative per creare una nuova società di media per gestire i diritti di trasmissione del campionato, il 10% dei quali sarà venduto a gruppi privati ​​al fine di generare una sostanziale iniezione di denaro per i club. La Juventus era tra le sette squadre votate da Agnelli nell’accordo prima che la Serie A decidesse di vendere i suoi diritti di trasmissione a DAZN per i prossimi tre anni.

Quest’ultimo affare – 40.840 milioni a stagione – è stato più grande di quanto molti osassero credere, ma Cassetta Dello lunedì ha chiesto allo Sport se la conoscenza del piano della Super League avesse creato un conflitto di interessi. It Segnalato altrove I gruppi di private equity cercavano una regola che escludesse i club da qualsiasi nuova competizione che potesse ridurre il valore del campionato nazionale.

Il titolare del Torino Urbano Cairo ha sollevato la questione quando ha chiamato martedì l’agenzia di stampa Ansa. “Il piano della Super League sembra essere stato registrato il 10 gennaio”, ha detto. “Come puoi venire qui e parlare di unità quando sai già che stai facendo la Super League e stai rovinando le nostre trattative? Questo è un tradimento. È come Giuda”.

Fissare i rapporti all’interno della Serie A non sarà semplice e resta da vedere se Agnelli avrà una possibilità. Non ha dato alcuna indicazione di voler dimettersi, ma potrebbe decidere dalle sue mani se John Elcon, capo della Exor (la holding che detiene la Juventus), decidesse che sono stati fatti ulteriori danni.

È difficile prevedere che guarirà anche le ferite provate da persone come de Serby. “Il mondo dello sport è una piramide”, ha risposto mercoledì Kravina. “Questa piramide è incollata insieme dal collante delle ‘regole’. O sei nel calcio, con le sue regole, o sei fuori”.

READ  Vecchia rivalità aziendale si sviluppa tra i calciatori di Pontremoli e Soleira Abuana nei villaggi italiani