SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La Costa d’Avorio fa una “grande” scoperta di petrolio

La Costa d’Avorio ha annunciato mercoledì una scoperta “significativa” di petrolio e gas offshore dopo che i risultati dell’esplorazione “estremamente promettenti” nel 2014 hanno suscitato l’interesse di diverse importanti compagnie petrolifere.

Il gruppo energetico italiano Eni ha dichiarato di aver trovato fino a 2 miliardi di barili di petrolio e 2,4 trilioni di piedi cubi di gas associato.

Il ministro dell’Energia Thomas Camara ha affermato che la scoperta “aumenterà in modo significativo” le riserve accertate della Costa d’Avorio nei prossimi anni, stimate a 100 milioni di barili.

Il governo possiede una quota del 10% nella scoperta, che è stata effettuata dopo aver perforato il pozzo di Palen a 60 km dalla costa, attraverso la compagnia petrolifera nazionale Petroci Holdings. Eni gestisce il blocco con una quota del 90%.

Il petrolio offshore è stato scoperto per la prima volta nel paese dell’Africa occidentale nel 1977, con la maggior parte dei pozzi di petrolio e gas successivamente perforati in aree offshore poco profonde. L’ultima scoperta è la prima scoperta commerciale in acque profonde da oltre 20 anni.

Finora, la Costa d’Avorio ha identificato 51 giacimenti petroliferi, di cui quattro in produzione e 26 in esplorazione. Il governo ha venduto blocchi per un valore di 185 milioni di dollari a Eni e al colosso francese Total durante un round di licenze nel 2019 per aumentare l’esplorazione e la produzione.

L’ex ministro dell’Energia ha affermato all’epoca che la produzione era in media di circa 70.000 barili al giorno, ma che “il potenziale è molto più alto”. La britannica Tullow Oil ha ottenuto licenze per quattro blocchi nel 2017 e attualmente produce circa 2.100 barili al giorno.

READ  I prossimi baby boomer sono i millennial in Cina

La Costa d’Avorio produce attualmente circa 50mila barili al giorno rispetto alla Nigeria, il più grande produttore di petrolio in Africa, che produce circa 2,5 milioni di barili. Il governo ha intrapreso una campagna di investimenti negli ultimi anni nel tentativo di diversificare l’economia lontano da un’eccessiva dipendenza dal cacao e dall’oro, sviluppando i settori minerario ed energetico.

mercato energetico di frontiera

L’ultima scoperta sembra rafforzare il continuo interesse degli investitori per l’Africa occidentale, poiché la regione inizia ad attirare più interesse come destinazione di petrolio e gas. Il vicino Ghana, che produce circa 200.000 barili di petrolio al giorno, ha annunciato a luglio un’importante scoperta per Eni.

Sebbene il Mozambico abbia dominato i titoli dei giornali per quanto riguarda il gas naturale africano negli ultimi anni, il Senegal ha fatto scoperte nel 2014 che hanno spinto il paese dell’Africa occidentale a diventare uno dei principali attori nel settore del petrolio e del gas. Si ritiene che il progetto Torto Ahmeim LNG, a cavallo dei confini marittimi della Mauritania e del Senegal, contenga fino a 15 trilioni di piedi di riserve di gas recuperabili.

Il progetto da 4,8 miliardi di dollari è stato sviluppato dalla compagnia petrolifera britannica BP, dall’operatore statunitense Cosmos Energy e da entità statali del Senegal e della Mauritania. L’Africa occidentale sta rapidamente diventando una destinazione desiderabile per le compagnie petrolifere e del gas, afferma Ibrahima Fall, direttore degli investimenti per l’Africa in Senegal.

“Da quello che dicono gli esperti, ci sono buone riserve in Senegal, ma la gente pensa che ci sia altro da scoprire”, dice. “Prevedono che entro 15-20 anni, molte delle riserve di petrolio e gas africane saranno create nell’Africa occidentale”.

READ  In che modo investire in criptovaluta influirà sulla tua dichiarazione dei redditi

Mentre le major petrolifere lottano per sfruttare le vaste riserve energetiche della regione, l’ultima scoperta aiuterà a fornire energia alla regione affamata di energia, afferma la società di consulenza regionale dell’African Energy Chamber.

“Questa scoperta rappresenta un momento importante per il Paese e per l’intera regione, garantendo un approvvigionamento energetico praticabile che acceleri lo sviluppo sociale ed economico, allevia la povertà energetica e posiziona l’Africa come leader globale negli idrocarburi”, ha affermato.

Le crescenti preoccupazioni per il cambiamento climatico hanno portato i governi e le compagnie petrolifere a gettare le basi per un mercato energetico fondamentalmente diverso incentrato sull’energia verde. Ciò ha sollevato preoccupazioni sul fatto che i governi africani perderanno l’opportunità di generare entrate dalle vaste riserve scoperte negli ultimi anni poiché le compagnie petrolifere danno priorità ai progetti di energia rinnovabile.

Nonostante le enormi scoperte degli ultimi anni, la posizione del continente come il prossimo grande produttore mondiale di petrolio e gas sta affrontando gravi battute d’arresto. Le crescenti preoccupazioni per il cambiamento climatico hanno portato i governi e le compagnie petrolifere a gettare le basi per un mercato energetico fondamentalmente diverso, incentrato sulle energie rinnovabili. Ciò significa che i paesi africani possono perdere opportunità di guadagno dallo sfruttamento delle loro vaste riserve, poiché le principali compagnie petrolifere danno priorità ai progetti verdi, Dicono gli esperti.

Tuttavia, le recenti scoperte offrono nuove speranze per la generazione di ricchezza per la più grande economia dell’Africa occidentale, dove il tasso di povertà è del 40%.

“Eni ha dimostrato che il tempo dell’esplorazione non è finito per l’Africa, ma che le campagne a monte dovrebbero essere prioritarie mentre il continente punta a uno sviluppo economico impennato. La scoperta che Eni ha fatto al largo della Costa d’Avorio è enorme. L’Africa è infatti l’ultima frontiera degli idrocarburi esplorazione”, ha affermato l’African Energy Chamber. Le vaste risorse del continente devono essere sfruttate per raggiungere una crescita economica forte e sostenibile.

READ  Il potere del denaro locale per una fiorente economia locale

La raffineria di petrolio statale in Costa d’Avorio, la più grande dell’Africa occidentale francofona, ha una capacità di raffinazione di 3,8 milioni di tonnellate, soddisfacendo il fabbisogno energetico sia nazionale che dei paesi limitrofi.