SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

“La contessa scalza” rivisitata: uno sguardo all’interno delle star di Hollywood e del loro prezzo doloroso

Humphrey Bogart è meglio conosciuto per aver interpretato ragazzi duri, criminali e operatori frenetici ai margini della società, ma stava interpretando al meglio ciò che era: un artista. È esattamente quello che ha fatto nei suoi due più grandi film, che, non a caso, sono anche tra i più grandi di Hollywood: “In a Lonely Place” (1950), in cui interpreta lo sceneggiatore, e “The Barefoot Contessa” (1954) , che dura fino al 5 agosto come parte dell’ultima settimana della serie di Humphrey Bogart al Film Forum. (Anche ampiamente disponibile dal vivo, anche su Amazon.) “The Barefoot Contessa” – Scritto e diretto da Joseph L..) Intuizione molto perspicace nell’industria cinematografica di Hollywood, ma non accade a Hollywood. È ambientato principalmente in Europa – Spagna, Francia e Italia – e appare in California in una sola scena, una festa in casa. Ha un aspetto insolito ed eccezionalmente intelligente dal punto di vista psicologico ai miracoli interconnessi che accadono Ha la chimica di base di Hollywood – in cui nasce una stella. Questi due miracoli sono il talento intrinseco dell’aspirante attore e l’acume del regista su come promuovere e diffondere quel talento, che il personaggio di Bogart, scrittore e il regista Harry Dawes, chiama il suo “sesto senso”.

La nuova star in questione, Maria D’Amata, è interpretata da Ava Gardner, nel ruolo di un’ira ampia ma ben tenuta. È stata vista per la prima volta in una discoteca di Madrid, dove ha ballato con il suo nome di nascita Maria Vargas. Harry e il brillante PR Oscar Muldoon (Edmund O’Brien) vengono portati lì dal suo datore di lavoro, l’erede estremamente ricco e dispotico Kirk Edwards (Warren Stevens). Dopo aver guadagnato la reputazione di Maria come una star locale, Kirk la mette sotto contratto in modo da poter fare un bel tuffo a Hollywood come produttore indipendente realizzando il suo primo film, in cui Harry tenta di ricostruire la sua illustre carriera che era stata scaricata dall’alcolismo e associata cattivo comportamento. Quindi – scriverà e dirigerà. Kanelli, Mankevich non introduce Maria mostrando la sua danza. Mostra l’effetto devastante e ipnotico che la sua esibizione ha avuto sui clienti del luogo un po’ strano in cui lavora. Invece, presenta il suo backstage, nel backstage del club dove Harry è stato mandato a prenderlo – perché, secondo l’acuta visione di Mankiewicz, questo, non sul palco, è dove si svolge l’arte della star.

READ  Chloe Chow è diventata la prima donna di colore a vincere un premio DGA

Maria Vargas è una persona di carattere e temperamento che vive con un’intensa libertà volontaria e di principio che abbraccia con un’aura di tragico destino spericolato. In qualche modo, questo destino è scritto dallo stretto codice morale di Hollywood, che punisce una donna che presume di esercitare la libertà sessuale, come fa Maria, fin dall’inizio – quando Harry trova dietro le quinte, nel suo camerino, dietro una tenda, ha agganciato con un uomo che lei chiama sarcasticamente suo cugino e non è l’unico presunto cugino con cui ha avuto rapporti sessuali durante il dramma. Attratta non dai soldi di Kirk, ma dal calore schietto di Harry, dalla saggezza mondana, dall’intuizione artistica e dalla leale amicizia, si immerge nel mondo del cinema e, di fatto, è rapidamente catapultata verso la celebrità. Oscar, l’addetto alle pubbliche relazioni, alla fine l’ha definita “il simbolo di carineria numero uno al mondo, in mostra nello showroom numero uno al mondo”. A quel punto, Maria ha già abbandonato le avances di due uomini molto facoltosi, non solo Kirk, ma anche il magnate sudamericano Alberto Bravano (Marius Goering), che viaggia sul suo yacht, Oscar e alcuni commentatori. Maria non si fa illusioni; Ha confidato a Harry di aver sopportato le crudeli avance dei “cattivi” fin da quando era una bambina: “Per una ragazza che non ha niente, un uomo con centinaia è ricco quanto un uomo con milioni”. Quanto allo yacht di Bravano: “Solo perché è grande e bianco e uno yacht, non è ancora sporco?”

Tuttavia, la punizione è incorporata fin dall’inizio. “The Barefoot Contessa” è forse il film di Hollywood più messo in scena dai tempi di Citizen Kane. Come la storia di Orson Welles, che inizia con la morte del magnate onorario, la storia di Maria è raccontata come una serie di flashback – dal suo funerale – raccontati ad alta voce e da un punto di vista drammatico a tre persone in lutto: Harry, Oscar e Vincenzo, il conte Torlato Faverini (Rosano Brazzi), suo marito. (Anche Mankevich, audacemente, mostra la stessa sequenza critica da diversi punti di vista narrativi e visivi di uomini diversi.) In film come “Una lettera a tre mogli”, “Tutto su Eva” e “La gente parlerà”, ha scritto dialoghi feroci di personaggi complessi che affrontano lotte intime. Ha anche sviluppato uno stile meno allegro e complessivamente meno fantasioso di quello di Willis, ma più modestamente lirico, che sembra rimanere vicino al dialogo, rendendo gli attori presenti in uno stile stilizzato e accentuato. Qui Mankiewicz, lavorando per la prima volta a colori – in un dipinto al limite della gravità e dell’acidità – si affida a una telecamera in continuo movimento per trasmettere il passare del tempo ed evocare la situazione elegiaca del dramma. (Un senso del destino sul lavoro è alluso nel motto della famiglia Torlato-Favrini – “Che Sarah Sarah”. Guarda il film, cantautore Jay LivingstonFu ispirato a comporre la canzone con quel nome che in seguito finì in “The Man Who Knew Too Much” di Alfred Hitchcock, cantata da Doris Day.)

READ  Quando Robert De Niro parodia "Taxi Driver" in un film d'animazione

Mankiewicz era un esperto esperto di studi cinematografici, iniziando come sceneggiatore nel 1930 (e ricevendo una nomination all’Oscar l’anno successivo, All’età di ventidue anni). Divenne un produttore nel 1936, notando abbastanza divisioni e tragedie da sapere che Hollywood e la felicità non andavano d’accordo. In The Barefoot Contessa, mostra la sporcizia delle macchinazioni crudeli, guidate dal denaro e alimentate dall’ego che sono centrali per il business di Hollywood e minacciano costantemente di farne deragliare il corso. E contempla con uno sguardo alto e triste (non devi nulla all’Hays Act) il prezzo crudele e ingiusto che le donne di Hollywood hanno pagato per la loro libertà sessuale e personale, e le tragiche lotte che hanno sopportato per la loro indipendenza assertiva. Inoltre eleva lo specchio al livello di una star dietro le quinte per mostrare come la sua passione sullo schermo sia solo un’amplificazione della sua passione nella vita. Maria Vargas, la ballerina in una discoteca, non è mai stata altro che se stessa, mostrando poco interesse per l’imitazione o l’impersonificazione; Come tutte le grandi star, i suoi personaggi non sono diventati: non solo rimane la stessa, ma la fa. L’elegante grandezza della sua resistenza e l’estro drammatico delle sue azioni impulsive, senza fiato e estremamente audaci – con cui strappa dignità a circostanze esasperate – è il tipo di recitazione che trascende il gioco di ruolo.

Gardner era esattamente una tale star. Così era Bogart, che qui interpreta il ruolo di scrittore e regista. È la coscienza centrale del film, che fornisce la prospettiva di Mariah, nei suoi ricordi vocali e scene drammatiche, il primo e più memorabile romanzo, della sua ascesa alla fama e della sua fine devastante. Interpreta anche il ruolo del principale attore nella carriera cinematografica di Maria, nella sua uscita sugli schermi cinematografici mondiali. Harry Dawes è l’agente del destino, la forza viva della modernità che glorifica il carattere straordinario di Maria e la estrae anche per profitto. Le porta ricchezza, fama e potere. La spinge anche a un livello più alto che mai in un ambiente sempre più fantastico per provare emozioni più estreme. Anche Harry vive il proprio destino, nella vita di Maria, porta il peso dell’autore, il peso che Mankevich ha compreso da vicino, essendo il catalizzatore del dramma degli altri, che sopportano i maggiori rischi. In “Barefoot Contessa”, Bogart trasmette questo misterioso fardello con una grazia terrena grizzly.

READ  Connor ha applaudito di nuovo in Jock dopo il commento "mani tremanti".