SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La colza brilla come raccolto dell’Australia occidentale per un dollaro

La semina record, le prime piogge e una carenza globale di colture di semi oleosi potrebbero far sì che gli agricoltori dell’Australia occidentale ricevano 2 miliardi di dollari dal raccolto di colza.

Gli agricoltori di tutta l’Australia dovrebbero coltivare quasi 2,9 milioni di ettari di colza, di cui più della metà piantati nell’Australia occidentale.

Con i prezzi elevati della colza, la maggior parte degli agricoltori dell’Australia occidentale ha goduto di piogge torrenziali all’inizio della stagione, il che ha permesso loro di aumentare l’area di coltivazione della colza a 1,5 milioni di ettari.

È un raccolto Michael Lamond, autore del rapporto sui raccolti della Western Australian Grain Industry Association, ha affermato che potrebbe raggiungere i 2 miliardi di dollari al momento del raccolto.

“Quindi, quando si combina questo con buoni prezzi, è solo una situazione molto insolita, ed è una situazione da cui tutti cercano di ottenere il massimo”.

Michael Lamond dei GIWA si trova in un campo a York, guardando in lontananza.
Michael Lamond, autore del GIWA Crop Report, afferma che il raccolto di canola standard è stato coltivato a Washington. (

ABC Rural: John Daly

)

Sebbene i prezzi siano leggermente diminuiti nelle ultime settimane, sono ancora molto alti nel contesto storico.

Lamond ha detto: “Nel 2006-2007, il prezzo era di circa 667 dollari la tonnellata, e ha raggiunto il suo picco, in termini di dollari oggi, o circa $ 854, quindi è un po ‘meno”.

“Quindi il prezzo che stiamo ottenendo per la canola in questo momento è il secondo prezzo più alto in assoluto, ed è quello che ha alimentato lo spazio extra di canola in cui sono entrato”.

Perché i prezzi sono così alti?

All’aumento dei prezzi ha contribuito una combinazione di una maggiore domanda dalla Cina di semi oleosi globali come la soia e la colza e una siccità più del normale nelle principali regioni di produzione globale come il Canada e l’Europa.

L’ultimo rapporto sul mercato e il commercio globale del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti sui semi oleosi ha affermato che il commercio globale di semi oleosi dovrebbe essere più elevato, principalmente a causa dell’aumento della domanda di soia dalla Cina, che dovrebbe rappresentare il 60% delle importazioni globali di semi di soia.

Rispetto ai 20 milioni di tonnellate del raccolto di canola canadese, l’Australia è un produttore relativamente piccolo di canola, con una media di tre milioni di tonnellate all’anno.

Eppure ha creato preziosi mercati di esportazione in paesi come l’Unione Europea, il Giappone, il Pakistan, la Cina e gli Emirati Arabi Uniti.

Un uomo appoggiato a un trattore guardando la telecamera.  Indossa una camicia blu.
Mingenew Geoff Cosgrove ha piantato il più grande raccolto di colza quest’anno. Spera che le buone condizioni di crescita e i prezzi forti continuino. (

ABC: Chris Lewis

)

Ha piantato il più grande raccolto di canola per lui

Nell’Australia occidentale, le piantagioni di Mingenew Geoff Cosgrove hanno goduto del loro primo seme senza seccarsi.

L’inizio della stagione ha dato 9 su 10, grazie all’umidità del suolo sotterraneo e ai buoni prezzi.

Ha ampliato il suo programma di canola riducendo il tasso di semina, piantando 2.400 ettari invece dell’intero programma pianificato di 2.000 ettari.

Quando i prezzi sono fissati sui raccolti è una grande domanda per gli agricoltori.

Cosgroves utilizza la vendita a termine e le medie incrementali a lungo termine come principale strumento di copertura.

“La produzione qui è abbastanza consistente”, ha detto, “esamineremo le nostre medie a lungo termine e ne copriremo una percentuale e ci sentiamo a nostro agio nell’assumere questo rischio”.

“Quando i prezzi sono troppo alti, ti incoraggia a salire un po ‘, ma ci atteniamo alla formula.

Scarsità di semi

Gruppi come la Australian Oilseeds Federation e la Grain Industry Association of Australia affermano che la carenza di semi di canola in Australia potrebbe avere aree potenziali limitate, in particolare per quanto riguarda le varietà ibride.

Un uomo con una camicia marrone che si appoggia su una macchina guarda la telecamera.
Tony Seabrook, un agricoltore di York, afferma che le buone piogge e l’aumento dei prezzi hanno rafforzato l’umore della comunità di pastori nell’Australia occidentale. (

ABC: Chris Lewis

)

La York Farmer and Shepherds and Grazers ‘Association del presidente dell’Australia occidentale Tony Seabrook ha pubblicizzato alcuni dei semi in eccesso che stava immagazzinando nel capannone per la vendita ed è stata sopraffatta dall’interesse suscitato dalla sua pubblicità.

“È scomparso in tre o quattro giorni, finché non ho ricevuto una telefonata dal centro del New South Wales a qualcuno che cercava semi di colza”, ha detto.

“Due settimane fa stavo ascoltando storie che dicevano che non si può avere una pianta di colza ibrida e, sulla base della nostra esperienza qui nella vendita di semi, la domanda è passata in superficie poiché le persone hanno aumentato l’area che piantano, o per la prima volta hanno piantato la colza volta nel tempo.

“Gli agricoltori non sono sciocchi, si svegliano al punto in cui i soldi possono essere molto veloci e lo vediamo nella pura mancanza di semi”.

Tuttavia, non tutto è roseo, poiché gli agricoltori in alcune parti settentrionali della regione cerealicola dell’Australia occidentale non hanno condizioni ottimali e hanno bisogno di pioggia.

E per tutti gli agricoltori, un inverno secco o un gelo nei prossimi mesi possono ridurre il potenziale del raccolto.

READ  Il mega progetto di Simando che potrebbe paralizzare l'Australia