SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La Cina respinge le accuse di attacchi informatici dell’Australia e dei suoi alleati

La Cina respinge le accuse di essere responsabile dell’hacking del sistema di posta elettronica di Microsoft Exchange e lamenta che le entità cinesi siano vittime di attacchi informatici dannosi negli Stati Uniti.

di lunedi, L’Australia si è unita agli Stati Uniti e ad altri alleati incolpando ufficialmente gli hacker collegati al governo cinese per gli attacchi ransomware, ma non includeva sanzioni.

Allo stesso tempo, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha accusato quattro cittadini cinesi – tre funzionari della sicurezza e un hacker a contratto – di aver preso di mira dozzine di aziende, università e agenzie governative negli Stati Uniti e all’estero.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha affermato che le accuse erano “distorsioni e repressioni puramente motivate politicamente”.

“Gli Stati Uniti si sono radunati con i loro alleati per lanciare accuse ingiustificate contro la sicurezza informatica cinese.

“Questo è stato all’improvviso e mischiato tra giusto e sbagliato.

Microsoft ha incolpato le spie cinesi per l’attacco a Microsoft Exchange di gennaio che ha compromesso decine di migliaia di computer in tutto il mondo.

Le autorità statunitensi hanno affermato che gli hacker del governo hanno preso di mira le vittime con milioni di dollari.

I funzionari hanno affermato che gli hacker a contratto associati si sono impegnati in schemi di racket e racket per il proprio profitto.

Lunedì il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab lo ha descritto come un “modello di comportamento spericolato ma familiare”.

Questa è stata un’altra affermazione a cui la Cina ha risposto martedì

“La Cina si oppone fermamente e combatte qualsiasi forma di attacco informatico e non incoraggerà, sosterrà o condonerà alcun attacco informatico”, ha affermato Zhao.

Citando quella che ha affermato essere la ricerca cinese sulla sicurezza informatica, Zhao ha quindi accusato la Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti di aver effettuato attacchi di hacking a strutture di ricerca spaziale cinesi, industria petrolifera, società Internet e agenzie governative nel corso di 11 anni.

“La Cina chiede ancora una volta agli Stati Uniti e ai suoi alleati di fermare i furti e gli attacchi informatici alla Cina, di smettere di gettare fango sulla Cina sulle questioni di sicurezza informatica e di ritirare la cosiddetta accusa”, ha affermato.

“La Cina adotterà le misure necessarie per salvaguardare fermamente la sicurezza e gli interessi informatici della Cina”.

AFP/Reuters

READ  Le scuole si stanno preparando per un maggiore apprendimento a distanza e richiedono le vaccinazioni dei dipendenti