SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Italia e Spagna aiutano a tirare fuori la zona euro dalla recessione | Euro-zona

I dati ufficiali hanno mostrato che Italia e Spagna hanno contribuito a far uscire la zona euro dalla recessione dopo un’espansione del 2% più forte del previsto nel secondo trimestre del 2021.

L’area della moneta unica delle 19 nazioni ha superato le aspettative per un aumento dell’1,5% del PIL nonostante la deludente performance della forte economia del blocco, la Germania.

Dati dell’Agenzia di statistica dell’Unione europea, Eurostat, l’eurozona è cresciuta a un tasso annuo del 13,7% nel periodo aprile-giugno, con il rimbalzo dell’attività quest’anno in netto contrasto con il calo della produzione causato dai blocchi di Covid nello stesso periodo del 2020.

La crescita nel secondo trimestre del 2021 è stata seguita da un calo dello 0,6% negli ultimi tre mesi del 2020 e da un altro calo dello 0,3% nel primo trimestre di quest’anno, quando l’eurozona ha colpito nuove ondate di pandemia.

La Germania avrebbe dovuto crescere del 2% nel secondo trimestre dopo un calo del 2,1% nei primi tre mesi dell’anno, ma è riuscita a espandere solo l’1,5% dopo che il suo forte settore manifatturiero è stato colpito da interruzioni della catena di approvvigionamento causate da una carenza di chip per computer . .

Tuttavia, l’Italia e la Spagna, la terza e la quarta economia nell’area della moneta unica, sono cresciute più rapidamente di quanto si aspettassero gli economisti di Citi. La Spagna è rimbalzata da un calo dello 0,4% della produzione del primo trimestre per registrare una crescita del 2,8% nei tre mesi fino a giugno, mentre l’espansione dell’Italia del 2,7% è stata doppia rispetto all’1,3% identificato dagli analisti.

READ  Lachlan Murdoch vola da Sydney a New York dopo essersi trasferito in Australia

Tra le quattro maggiori economie dell’Eurozona, la Francia ha registrato la crescita più debole nel secondo trimestre dopo una performance piatta nei primi tre mesi dell’anno, con una crescita dello 0,9% tra aprile e giugno.

Iscriviti per un tutore . email di lavoro

Eurostat ha anche affermato che l’aumento dei prezzi dell’energia ha causato l’aumento dell’inflazione della zona euro dall’1,9% di giugno al 2,2% di luglio, il tasso annuo più alto da ottobre 2018 e appena al di sopra del tasso obiettivo della Banca centrale europea del 2%.

Andrew Cunningham, capo economista europeo presso la società di consulenza Capital Economics, ha dichiarato: “Ci aspettiamo un altro forte dato sul PIL della zona euro nel terzo trimestre, forse poco più del 2% t/t, che porterà l’economia vicino, ma inferiore, al livello pre-Q3. epidemia.”

I dati pubblicati giovedì mostrano che l’economia statunitense è tornata al livello pre-pandemia, nonostante sia cresciuta a un tasso più debole del previsto nel secondo trimestre. La Cina è diventata la prima grande economia a riprendersi dalla recessione globale causata dalla pandemia lo scorso autunno. Dopo che il Regno Unito ha subito una delle peggiori flessioni nel mondo sviluppato, non si prevede che si riprenderà almeno fino alla fine di quest’anno.